Come non farsi beffare a fine manche con l’SCP-1

 
D’altra parte, se siete nel vivo di un testa-a-testa e pochi settori, se non centimetri, possono essere determinanti, qualora l’interruzione dell’alimentazione avvenisse su un abbondante rettilineo, Vi vedreste arrestare involontariamente ed in poco spazio ed il Vostro avversario, invece, scorrerebbe (sorridente) davanti a Voi….
 
Come poter ovviare al problema?
Maurizio Ferrari mi ha segnalato che si potrebbe interrompere una pista del circuito stampato; ciò, però, non darebbe la possibilità di arrestarsi se servisse per non rompere il modello contro il muro di protezione a fine rettilineo.
Una prima idea era stata mettere un micro-switch sull’interruzione del circuito stampato, dando un’opzione predefinita, poi ragionando meglio e considerando i tempi di reazioni occorrenti per stabilire se servisse frenare o “allungare”, avevo pensato ad usare un pulsante normalmente chiuso “a portata di dito” da premere se si voleva escludere la frenata.
Ma considerando lo spazio molto ridotto per far partire i due fili dal punto della pista del circuito stampato interrotto, ecco la soluzione più semplice:
 

 

Posizionare un pulsante normalmente chiuso” sul Vostro SCP-1 in un punto che preferite e che saprete essere di facile ed immediata raggiungibilità al momento del fine-manche.
Interrompere sulla cartuccia dello stesso il filo rosso di collegamento alla spina “Magic” e collegare i due fili del pulsante, avendo cura di farli passare all’interno in modo da non interferire con le regolazioni o il cursore del pulsante.
 
Ovviamente, ci saranno delle avvertenze da seguire:
-non premete il pulsante durante la gara, perché Vi troverete SENZA FRENO……..
-chiedete alla direzione gara che Vi segnali nell’imminenza della fine della manche…..
 
Emilio
 
Riguardo

BICI, AUTO, MOTO E.... SLOT

14 commenti su “Come non farsi beffare a fine manche con l’SCP-1

  1. …e se siete troppo indietro chiedete agli avversari di aspettanvi un attimo!

  2. Vogliamo vedere anche le foto della MOSTRUOSA modifica a “siringa” con tanto di particolare della corona slot.it regolamentata ANSI per le GruppoC!!!

      • Ciao Emilio,
        sai che solitamente sono in accordo con quanto scrivi, ma non questa volta.
        Non obbietto su quanto hai scritto per l’SCP, che non conosco, ma per il principio stesso.

        L’impianto della pista dovrebbe essere fatto in modo che non possa avvantaggiare ora l’uno ora l’altro a seconda del tipo di pulsante o del fatto che sei in curva o in rettilineo.
        La pista deve essere “uguale per tutti” il più possibile.

        Questo è possibile interrompendo “a valle” della pulsantiera l’alimentazione e cortocircuitando le due bandelle.
        In questo modo l’intensità del “freno” è uguale per tutti.
        Quello che conta è solo il modello, la sua scorrevolezza, il suo motore.
        Perchè qualcuno si deve complicare la vita ricordandosi che deve pigiare un pulsante prima della fine?
        Non lo trovo sportivamente corretto.

        Cambiando discorso, ci vediamo Domenica???

        Ivo

        A.M.V. – Associazione Modellistica Vogherese
        http://www.amvslot.it

        • Sante parole – la frenata dovrebbe essere imposta dalla pista stessa…Però, purtroppo non sempre è così.
          Comunque, nelle prossime versioni della cartuccia analogica, sarà presente un microinterruttore in modo che l’utente possa scegliere liberamente se avere la frenata sempre attiva, mai attiva, o effettuare la modifica suggerita da Emilio.

          Ciao
          Maurizio

        • Ma sono perfettemente d’accordo con te.
          Il collegamento che proponi elimina la fortuna di finire la manche in rettilineo.
          Ma in questo mio suggerimento non voglio fare altro che dare la possibilità di avere le stesse chance degli altri pulsanti.

          Certamente questo tasto in più è un pò uno stress aggiunto, però io l’ho messo più che altro giusto per una tranquillità psicologica tipo “se mi dovesse servire c’è”.

          Per domenica mi piacerebbe molto, visto che avete la Polistil e mi sembra una gran bella pista, ma purtroppo non posso.
          Ci rifaremo…..

          ;-))

          Emilio

          • Domanda forse stupida, ma…
            Lo stesso non si può semplicemente ottenere con un semplicissimo piccolo relè, montato “lato spina” con la bobina collegata tra il + ed il – (Bianco e Rosso) e con il contatto in serie al rosso, verso il pulsante?
            Con alimentazione della pulsantiera si avrebbe il relè attivato, il suo contatto chiuso e quindi il freno attivo, allo stacco della corrente il relè si disattiverebbe aprendo il freno tra il pulsante e la pista.
            Usando un relè con almeno 3 contatti addirittura (forse) si potrebbero sezionare tutti e 3 i fili del SeCaPelo…
            Il consumo del relè credo sia ininfluente, tant’è che i relè di “bypass” sono usati nel Metallo…
            Voi che ne “sapete” che ne dite?
            Io ce l’ho, ma per ora non ho fatto prove strane, tanto con le mie scarse doti di guida… 🙂
            MarcoC

          • Ciao Marco!

            Dovrebbe essere equivalente a quanto scritto da Ivo, praticamente un freno automatico al distacco dell’alimentazione.
            Nelle piste, per motivi logistico-costruttivi, può essere più semplice posizionare il relè vicino all’alimentazione e difficoltoso in zona pulsantiere.

            Emilio

          • Ciao Emilio, in effetti quello che intendevo io era proprio in considerazione di quanto hai riportato tu… solo che “l’accrocchio” che pensavo io era per così dire “personale” da mettere – per capirci – tra presa della pista e pulsante.
            In questo modo l’esclusione automatica funzionerebbe indipendentemente da come è realizzata la connessione generale della pista (fatto salvo che se qualcuno realizzasse quanto descritto sopra da Ivo “Sparatutto” non ci sarebbero accrocchi di sorta che funzionerebbero e le macchine si fermerebbero “di botto” allo stacco della corrente – non male comunque… anche se di senso opposto.
            MarcoC
            P.S.: la prossima volta che vengo a Sarzana un giretto da voi non me lo leva nessuno!!

          • Beh, se la soluzione fosse “abbracciata” dall’Ansi sarebbe di rapida applicazione anche sulle pista già in essere………

            Marco, Ti aspetto con la pista con un tracciato diverso da quello che avevi visto, secondo me più facile e divertente.

            Emilio

  3. Se può esservi utile, vi allego lo schema di collegamento del relè (uno per corsia) che avevamo installato sulla pista in legno: semplicemente allo stacco della corrente si cortocircuitano le corsie e la macchina si blocca

    • Esatto Lucio, proprio così ….
      Se poi vogliam far gli … “sboroni” ….

      Magicaltimer 2.0

      O no?

      • OK!
        A questo punto non resta che chiedere all’Ansi che rendano obbligatorio il sistema sulle piste omologate, così posso levare il pulsante sul…. pulsante !!!!!
        AHAHAHAHHAHAHAHHAHAHHAHAHAHHH!!!!!

        Emilio

I commenti per questo articolo sono chiusi.