2° Gara Regionale Sicilia A.W. Ninco

Come da programma la mattinata è stata dedicata alla prove libere, animata dal gruppo di piloti del club di Sciacca, a cui si sono aggregarti Felice Mirone, Mario Sparatore e Manuel Pace di Catania e Filippo e Salvo Daniele di Siracusa.
In tarda mattinata si sono presentati anche i piloti di Termini Imerese ma è già giunto il momento della distribuzione delle gomme e dei motori e delle verifiche tecniche.
Al parco chiuso sono stati presentati 18 modelli; a farla da padrone è la Toyota Supra, scelta da 12 piloti.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Lo schieramento di partenza è stilato in base alla ranking list dell’ANSI a cui si sono accodati gli altri piloti.
Alla quinta batteria prendono parte il giovanissimo Bennici e Giancarlo Guagenti di Termini e il “rookie” Giuseppe De Lisi (al debutto assoluto) di Palermo.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Nelle prime manche Bennici sembra avere un passo leggermente superiore al più esperto Guagenti tanto da contendergli la testa della corsa ma poi, specie nell’ultima manche, deve cedere il passo. De Lisi costringe i commissari ad un po’ di lavoro ma il progressivo abbassarsi dei tempi dimostra che incomincia a prendere la mano.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

La quarta batteria vede schierati Sciascia, Ilardo e il saccense Scirica. Prende il comando delle operazioni Sciascia seguito a breve dal termitano (ma schierato dal PSR) Ilardo. Alla costanza di Sciascia si contrappone la velocità del veterano Maurizio; la rincorsa si conclude nel corso della terza manche, quando Sciascia è impegnato sull’esterna bianca e Ilardo sulla centrale rossa. La manche finale vede Ilardo, più avvezzo al contatto ravvicinato, prendere la testa della batteria e della classifica generale provvisoria, Fa gara a sé il giovane Scirica.
La terza batteria, la prima che si svolge con quattro partecipanti, vede schierati Beppe Ricca, Filippo Daniele, Giovannino Sabella e Fabio De Cenzo.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

De Cenzo alla prima staccata prende un leggero margine e saluta; lo seguono in duello serrato Beppe Ricca e Filippo Daniele, più staccato Sabella. Nel corso della seconda manche, in forza di una maggiore dimestichezza con la pista, Ricca stacca Filippo Daniele che mantiene comunque un certo margine da Sabella. Distacchi a parte, la classifica rimarrà invariata fino alla fine nonostante un tentativo di Ricca di riagguantare il capofila.
La seconda batteria vede tutti i club rappresentati; infatti vede schierati Pasquale Augello (Sciacca), Raimondo Comito (Palermo), Salvo Daniele (Siracusa) e Manuel Pace (Catania).

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Nel corso della prima manche prende il comando delle operazioni Salvo Daniele a cui si accodano Raimondo Comito e Manuel Pace, più staccato Augello. Nel corso della seconda manche posizioni invariate anche se Pasquale Augello, sfruttando al meglio la centrale rossa, accorcia le distanze e riduce il suo svantaggio.
Nelle manche successive sale in cattedra Raimondo Comito che, forte di una maggiore conoscenza della pista, relega Salvo Daniele in seconda posizione mentre Manuel Pace, con la sua guida veloce e “consistente” resiste agli attacchi di Augello e fa sua la terza posizione di batteria.
La prima batteria vede schierato il gotha dello slot siciliano, infatti i piloti in pista sono: Felice Mirone, Antonio Savatteri, Fabio Amodeo e Mario Sparatore.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Prendono la testa della gara “l’ex-allievo” e “il maestro” ovvero Amodeo e Savatteri, segue staccato ma non troppo Felice Mirone, fa gara a sé Sparatore. Nel corso della seconda manche posizioni invariate, anche se Felice Mirone riduce il suo svantaggio. Nel corso della terza manche Savatteri conquista in solitario la testa della gara sfruttando la centrale rossa mentre Amodeo subisce l’insidiosa gialla consentendo a Mirone di affiancarlo al secondo posto. Nella manche conclusiva mentre Savatteri conduce indisturbato, la lotta è fra Mirone e Fabio Amodeo per la seconda posizione. La costanza di Felice ha la meglio sulla velocità di Fabio e fa si che Mirone concluda la lunga rincorsa conquistando la seconda posizione per pochi settori di vantaggio.
Il podio:

A fine gara la classifica generale è:

IMMAGINE NON RECUPERABILE

5 commenti su “2° Gara Regionale Sicilia A.W. Ninco

  1. Visti i problemi alla retina degli ultimi tempi mi sono recato in pista per salutare gli amici e assistere alla gara. Guardando provare gli altri la passione ha avuto la meglio e con pulsante e macchina avuti in prestito (grazie Antonio!), dopo qualche giro di prova, ho preso parte alla gara.
    Gli altri mi hanno detto che ho disputato una bella gara, io so che mi sono divertito parecchio e per qualche ora sono riuscito a pensare ad altro e credo che sia il risultato più importante.
    Per il resto, ringraziando Felice per le belle foto, vorrei dire che l’articolo l’ho scritto io ed eventuali errori e omissioni sono da addebbitare a me.
    Paolo “Paliddo” Sciascia

  2. Ed ecco il mitico Savatteri che si impone su uno squadrone di scatenati!!!!!
    Complimenti Antonio e a tutti.

    Andrea Lucisano “Il Cavallino Sanremo”

  3. Paliddooooo……..si era capito dallo stile inconfondibile che eri stato tu a scrivere l’articolo.!!!!
    Complimenti a tutti…..mi è dispiaciuto tantissimo non essere stato della partita ma ho avuto grossi problemi..!!
    Pazienza, mi rifarò al prossimo giro……

    Paolo Motta.

    • Signoor Paolo ormai mi sa tanto che stai invecchiando, cosi come Davide che preferite le pantofole a una bella giornata di slot!!

      • Hai perfettamente ragione,caro Felice,purtroppo l’eta’ avanza ed i riflessi calano,a questo punto meglio le PANTOFOLE !!!!

I commenti per questo articolo sono chiusi.