Gara OPV Cilavegna

Un gradito ritorno su di una bella pista e fra amici di lunga data. Con la serata di venerdì credo che si siano superate tutte le incomprensioni di un recente passato a dimostrazione che l’intelligenza e lo slot uniscono e non dividono.
A conferma di quanto detto, ben 30 piloti si sono presentati in parco chiuso. Se non è il record di presenze, poco ci manca. Nuovo il regolamento. Da quest’anno si userà il telaio HRS con il nuovo motore 25k di Slot.it e carrozzerie GT. Se per le gomme, Slot.it P2, non vi erano dubbi, molte erano le riserve sul motore 25K. Dopo le prime prove fatte, appariva chiaro che questo motore era più da campionato GT ANSI che da telaio HRS. Allora si è presa la decisione di correre le gare con 11 volts in pista. Scelta obbligata, ma fortunatamente giusta: con questa tensione il modello è più gradevole e più guidabile, mantenendo però un pizzico di “cattiveria” che non guasta. Correndo con una tensione più bassa abbiamo notato che non vi sono differenze di prestazione fra i motori, ed infatti a Cilavegna su 30 piloti non c’è stato nessuno che si è lamentato per aver scelto un motore fiacco. Per la prima volta in Italia i motori sono stati forniti ai piloti, da un campionato non ufficiale e non sponsorizzato, dotati di micro connettori che hanno velocizzato il montaggio sul telaio ed eliminato tutte le polemiche sulle saldature fatte male a causa della fretta. L’utilizzo dei micro connettori viene dall’esperienza del campionato europeo, ed approfitto di questo spazio per ringraziare Stefano Ubezio per tutte le saldature che ha fatto e che ci hanno permesso di essere pronti per il debutto a Cilavegna. Lui invece era in Brasile…..
Per quanto riguarda la gara, non posso fare una cronaca dettagliata perché ero, con Franz e Maurizio, impegnato nelle verifiche, ma farò un commento generale guardando la classifica.
Ad una prima analisi appare chiaro che la formula del campionato è indovinata perché la classifica della gara di Cilavegna è “corta”. A parte Simone Carta e Maurizio Merlo che anno raggiunto i 94 giri, gli altri piloti sono molto vicini. Da Beppe Nappi 3° con 91 giri a Rota 11° con 89 giri, sono ben 9 piloti in uno spazio di 3 giri. Bello e divertente. E’ stata una gara dove si sono pagate molto le uscite perché non c’erano i margini per recuperare. Non solo in classifica vi erano poche differenze, ma anche nei rispettivi Best Time La maggior parte dei piloti è compresa in una forbice di 3 decimi. E’ evidente che ha fare la differenza è stata la regolarità di guida, piuttosto che la velocità sul giro. Per la cronaca il miglior tempo è stato ottenuto da Franco Mufalli che, in corsia rossa, ha fatto fermare l’ottimo sistema di cronometraggio by Stefano Gatti, sul tempo di 9 e 621. I piloti di casa hanno pagato una non perfetta conoscenza del telaio HRS, Stefano Gatti ha perso svariate volte la carrozzeria della sua Corvette ?, e il presidente Maglietta ha comunque ottenuto un buon 4° posto finale. Sicuramente nel proseguo del campionato i piloti di Cilavegna e Voghera, approfondendo la conoscenza del telaio HRS, saranno dei “brutti” clienti per la zona alta della classifica. Un invito ai piloti che si sono presentati alle verifiche con carrozzerie prive dell’alettone o con gli interni in lexan non verniciati a mettersi in regola per la prossima gara. Un modello bello da vedere è anche più bello da guidare. Se possibile abbandonate le carrozzerie di vecchie Gt quali il Mercedes CLK, la Porche GT evo II o la Ferrari 355. In commercio vi è un’infinità di modelli attuali che renderebbero più bello il parco chiuso.
Concludo invitando tutti i piloti ad integrare con commenti e/o fotografie il mio articolo. Ognuno di noi, venerdì, ha trascorso una bella serata di slot. Facciamo partecipi anche gli altri raccontandolo.
Ciao
Dario

La Classifica

7 commenti su “Gara OPV Cilavegna

  1. Amici,

    Colgo la palla al balzo e sottolineo diverse cose che ho trovato interessanti e meritevoli di valutazioni da parte di tutti i clubs o di altri campionati :

    1) I motori dati già pronti con il fili ad attacco rapido sono un’idea ottima. Secondo me da estendere a tutte le categorie con motore dato.

    2) L’ OPV ha regolamenti semplicissimi, che quindi sono altrettanto facili da verificare come da rispettare.

    3) La formula del campionato sembra ottima perchè consente di prendervi parte senza troppi spostamenti (che costano), di girare su piste differenti e richiede una partecipazione accettabile (5 gare su 8 è una cosa fattibilissima per tutti).

    4) Il regolamento non costa grandi fatiche di preparazione dell’auto, perciò la competitività è alla portata anche di chi ha poco tempo per fare il meccanico a casa.

    Propongo un pensiero : lascerei libera la corona, in modo che il pilota possa adattarsi un filo di più a questi motori che sono in effetti piuttosto “scattanti” su auto così leggere.

    Da parte mia quindi, OPV promosso a pieni voti : è stata una bella serata, di risate e sano slot !

    Concludo con una parola sulla pista di Cilavegna : figata !

    Alla prossima

    Vitto

    • Mi associo ai commenti e alle riflessioni di Dariofranco, l’OPV 2007 debutta alla “grande”, con un regolamento che ispira e accontenta tutti i palati e su di una delle piu’ belle piste del calendario dotata tra l’altro, di un sistema di rilevamento senza eguali che consente la partenza tipo formula 1 con penalita’ per la falsa partenza.
      La folta partecipazione di piloti e non mi ha ricordato la gara inaugurale di molti anni fa corsa con le fly classic.
      Ma adesso gia’ bussa alle porte la prossima gara che sarà quella del campionato gemellato Trino/Santhià con le ninco megane e udite udite con tanto di preiscrizioni!!
      Ciao a tutti e buon viaggio ci vediamo alla stazione! si, di Trino

  2. Complimenti a tutti anche da parte mia.
    Era la prima volta che usavo queste vetture con telaio HRS.
    Non sono certo facili da guidare ma come giustamente fa notare Dariofranco la loro esperienza di piu’ di un anno di guida con queste vetture si fa sentire molto soprattutto nella messa a punto.
    Tanti piccoli accorgimenti che speriamo di apprendere anche noi dell’ A.M.V. per poter essere al passo con i primi anche su piste “esterne”.

    Una bella manifestazione che coinvolge tanti e che arricchisce quello che e’ il panorama slottistico del nord italia. La scelta del venerdi’, inoltre, lascia spazio a tutti di partecipare anche alle altre manifestazioni (IRN o quant’altro).

    Come tutti gli esordi le cose sono affinabili. In particolare a me non dispiacerebbe un po’ piu’ di polso ferreo nelle verifiche delle vetture per evitare eventuali incomprensioni.

    Bravi a tutti.
    Sparatutto

  3. Anche se in ritardo un commentino alla 1a OPV di Cilavegna.
    Gran bella serata con 30 piloti iscritti e sopratttutto in rappresentanza di molti clubs! Al di là di qualche particolare da mettere a punto credo che si possa definire positivo l’esordio di questo campionato con gomme e motori forniti dalla direzione OPV. In particolare il sistema di fissaggio con i microconnettori ha riscontrato molti consensi.
    Per i motori, effettivamente sono forse troppo cattivi per il telaio HRS,ma, la riduzione del voltaggio ha risolto abbastanza bene il problema e, soprattutto, non si sono evidenziate prestazioni diverse da un motore all’altro.
    Sono d’accordo che si debba cercare il ,massimo rispetto dei regolamenti, e sarà fatto, ma desidero precisare che un minimo di elasticità e buon senso sono sempre stati elementi essenziali dell’OPV, specie se ci si riferisce a particolari che non influenzano le prestazioni :
    Questo non vuol dire che chi ha corso senza abitacolo ( ma con 5 gr. di piombo incollato sotto il tetto ) lo potrà fare ancora, assolutamente no!
    La tolleranza potrà essere ancora usata nei confronti di modelli che presentano particolari ininfluenti sulle prestazioni e solo e soltanto in questo caso!
    Ritornando alla bella serata trascorsa un grazie particolare ai ragazzi di Cilavegna che si sono prodigati per farci provare il più possibile e che ritroviamo con piacere alle gare OPV.
    Come ha detto il buon Franz…. non può esserci OPV senza Cilavegna in calendario !
    Non ci resta che prepararci per il secondo appuntamento sulla sei corsie di Cerano-sala consigliare : pista bella, facile e veloce. Ci sarà da divertirsi.
    Grazie ancora a tutti, a presto
    Maurizio

  4. Anche se in ritardo un commentino alla 1a OPV di Cilavegna.
    Gran bella serata con 30 piloti iscritti e sopratttutto in rappresentanza di molti clubs! Al di là di qualche particolare da mettere a punto credo che si possa definire positivo l’esordio di questo campionato con gomme e motori forniti dalla direzione OPV. In particolare il sistema di fissaggio con i microconnettori ha riscontrato molti consensi.
    Per i motori, effettivamente sono forse troppo cattivi per il telaio HRS,ma, la riduzione del voltaggio ha risolto abbastanza bene il problema e, soprattutto, non si sono evidenziate prestazioni diverse da un motore all’altro.
    Sono d’accordo che si debba cercare il ,massimo rispetto dei regolamenti, e sarà fatto, ma desidero precisare che un minimo di elasticità e buon senso sono sempre stati elementi essenziali dell’OPV, specie se ci si riferisce a particolari che non influenzano le prestazioni :
    Questo non vuol dire che chi ha corso senza abitacolo ( ma con 5 gr. di piombo incollato sotto il tetto ) lo potrà fare ancora, assolutamente no!
    La tolleranza potrà essere ancora usata nei confronti di modelli che presentano particolari ininfluenti sulle prestazioni e solo e soltanto in questo caso!
    Ritornando alla bella serata trascorsa un grazie particolare ai ragazzi di Cilavegna che si sono prodigati per farci provare il più possibile e che ritroviamo con piacere alle gare OPV.
    Come ha detto il buon Franz…. non può esserci OPV senza Cilavegna in calendario !
    Non ci resta che prepararci per il secondo appuntamento sulla sei corsie di Cerano-sala consigliare : pista bella, facile e veloce. Ci sarà da divertirsi.
    Grazie ancora a tutti, a presto
    Maurizio

I commenti per questo articolo sono chiusi.