24 ore GT Eupen – Sistema Davic

Non c’è più cambio di corsie, non ci sono più bollini, i commissari posizionano le macchine uscite sempre sulla corsia esterna, insomma una vera e propria rivoluzione nello slot.
In precedenza si è corsa , sempre sulla stessa pista e con lo stesso sistema , una 3 ore Fly classic con
il regolamento del vecchio OPV ( tutto originale, gomme non incollate ecc.)
La partecipazione della squadra italiana ( Merlo- Elli- Razzano-Molteni e Casnici)è stata più che soddisfacente.

3 ore Fly Classic 1 class Razzano- Casnici

2 class Elli – Merlo- Molteni

24 ore GT 6 class. SELENIA Italia

ma ,al di la dei risultati, per quanto mi riguarda, c’è un solo aggettivo per definire questo nuovo
sistema di fare gare slot: ENTUSIASMANTE!

Riguardo

Slot

8 commenti su “24 ore GT Eupen – Sistema Davic

  1. Come al solito complimentoni a Maurizio ed allegra combriccola che tiene sempre alto il nome dello slot italiano all’estero.
    Sono certo anche io che questo “nuovo” sistema porterà nuova linfa allo slot.
    Aspettiamo quindi il prossimo anno quando SCX sbarcherà col proprio sistema digitale in attesa del DAVIC-DiSlot che si spera possa essere -come già successo per i sistemi di rilevamento tempi- reso compatibile con più “brand” slottistici.
    bye e complimenti ancora, U.

  2. non ci sono parole per descrivere l’ennesima grande prestazione internazionale del “maestro”!
    complimentoni,
    znarfdellago

    • Maurizio, cosa ne dici di adattare a DAVIC anche la pista di Vaglio ?
      cosa ne pensi di una dozzina di macchine tutte sulla DUE corsie ? La pulsantiera la metterei fuori nel cortile sotto un ombrellone. un commissario bastera’ ?

      Hi , avevo voglia di scherzare

      bravissimo Maurizio

    • Non è vero,di parole ce ne sono tante, il fatto è che tu non sai cosa scrivere perchè ne conosci solo una: “complimentoni”.
      Ma và a laura’ barbun!

  3. Naturalmente, complimenti anche da parte mia. Ma, vi prego, non si potrebbero avere piu’ informazioni di dettaglio sull’ “effetto Davic”? Per esempio : c’e’ un minimo di ritardo alla risposta, il freno resta uguale, tempo di azionamento (e di ritorno) degli scambi – cioe’ quale e’ la distanza minima da tenere da chi precede per poter cambiare corsia, la pace car “conta” nelle 15 macchine, i tamponamenti sono realmente tanti da rendere necessario un giudice di gara?

    Pero’ a me sembra che – almeno per le gare di durata – il Davic sia ormai inevitabile, con 15 macchine su pista a 6 corsie
    David Laurent (l’inventore) li fabbrica a mano in garage – il prezzo che mi aveva detto e’ certamente alla portata di un club “major”, ma non so quanto sia lunga oggi la lista di attesa.
    In alternativa, ci sarebbe da capire a che ne stanno quelli di DS – qualcuno va ad Igualada ?

    Beppe

  4. le foto si possono vedere su :

    htpp://users.skynet.be/carrera-slot-racing/classement_2003.htm

  5. Mi sono collegato al sito riportato nei commenti per vedere le foto…UNA FIGATA PAZZESCA!!!!!!!!!!
    Complimenti ai nostri portacolori e spero che presto ci sia qualche club in Italia che possa utilizzare il Davic. Vedere 15 modelli partire in schieramento deve essere una cosa da orgasmo slottistico!

  6. beh, che dire complimenti per i bei risultati ottenuti, Razzano????? strepitoso ma come ha fatto.
    E’ davvero una bella sorpresa bravo Pietro che con il “ciccione” casnici (così chiamato da Mufalli ) ha vinto le Classic.
    Un plauso di merito a tutta la squadra azzurra.

I commenti per questo articolo sono chiusi.