Campionato Interregionale Centro DTM Ninco NC2

Il numero degli iscritti è risultato discreto, 29, considerata la concomitanza di altri eventi (scioperi ferrovie, mondiali metallo e assenze per improcastinabili impegni da parte di alcuni protagonisti del torneo).

I modelli utilizzati sono stati tutti BMW, due Mercedes CLK e un’Audi TT.

Guido Monaco (11,665) conquistava la pole e nei primi otto riusciva ad inserirsi un solo concorrente esterno, Walter Merulli (6°). I tempi di qualifica tra i finalisti e i semifinalisti sono compresi tra gli 11, 665 e l’11, 871 segnale già di grosso equilibrio e di gara da decidere all’ultimo secondo.

Inizia la gara con la batteria “g” che vede l’affermazione di Tempesta G. premiato con gadget e modelli NINCO gentilmente concessi in omaggio dalla ditta “Fantasyland” che ha permesso di premiare anche i più giovani partecipanti all’evento partenopeo che sono stati Tempesta Emilio e il conosciutissimo napoletano Corno Antonio (mascotte del club) e vincitore della sua manche. Va sottolineato che “Tonino a Busta” (questo il soprannome affibiato a Antonio) giunge 16° con 98,31 giri, a pari merito di un certo “Roberto Rotoni” che si piazza 15°, solo per effetto del miglior tempo realizzato in qualifica.
Quest’ultimo faceva parte della batteria “d” che comprendeva Monica Scafuti, il sottoscritto che con CLK si aggiudica la manche piazzandosi 9°, e Gasperini Andrea. L’Aretino, irritato dal comportamento del proprio modello, si ritirava avventatamente dalla gara, prima del termine della terza manche (73 giri), inconsapevole che portandola a termine avrebbe potuto inserirsi tra il 10° e 14° posto. Si classifica solo 27°.

La batteria “c” premia giustamente un recente frequentatore del club di Napoli, De Maio Enzo che con 100,04 giri riuscirà ad ottenere un pesante sesto posto finale.
Viene danneggiato sportivamente Boffa Vito da Martini Corrado, al quale vengono rivolti rispettosi saluti agli avi con grande apprezzamento per la comicità da parte dei commissari e spettatori.
I due termineranno rispettivamente 10° e 11°. Il quarto componente della batteria, Montanino, parte male ma nella restante parte della gara riesce a recuperare cogliendo un buon 13° posto.

Giungiamo così alla batteria “b”, semifinale. I protagonisti sono: Genny Marchese (o’ nipote), Grassi Sergio (Gazzetta), Mazza Ettore(Mazzanera) e Walter Merulli. Il perugino, capoclassifica del torneo si sente braccato. La tensione è altissima ma la condotta di gara è correttissima. Alla fine i quattro terminano con i seguenti giri:
Genny Marchese: 100,74
Merulli Walter : 100,30
Grassi Sergio: 100,22
Mazza Ettore : 99,77

Batteria Finale: Monaco Guido, D’Orazi Marino, Gala Trinchera F., Del Pezzo Roberto.
Alla fine della prima manche i quattro moschettieri del club vantano una media (previsione!) che li porterebbe a concludere sopra i 100 giri nonostante qualche fallo di troppo. Il risultato appare scontato e gli avvicendamenti in testa alla gara sono continui nell’ambito dello stesso giro. Alla fine della seconda manche però non vengono superati i 50 giri. Nella terza manche Guido Monaco ha voglia di essere nuovamente protagonista della rubrica televisiva “Clamoroso al Cibali”. Il suo modello diventa falloso e scende al di sotto della media vittoria. Concluderà con 98,81 giri corrispondente alla 14ma posizione.
Problema simile viene accusato da Gala Trinchera che conclude con 99,79 giri per un 7° posto. Si consola per aver fatto registrare il miglior tempo in assoluto sul giro: 11,589.
Fino agli ultimi secondi il duello si restringe a D’Orazi (vincitore delle ultime nove gare consecutive di club) e Del Pezzo. I due terminano rispettivamente a 100,43 e 100,33 sufficienti per conquistare la 2a e 3a posizione.
A sorpresa, ma con merito, conquista la vittoria della terza gara del Campionato Interregionale Centro DTM NINCO NC2 Genny Marchese, vittoria ottenuta per la disciplina osservata in pista e il comportamento di gara, elementi talvolta trascurati che avrebbero permesso al vincitore di oggi di ottenere migliori risultati in passato.
Citazione a parte per Grassi Sergio che conquista un brillante quinto posto (Monica gridava: “è mio marito…, è mio marito!).
Nel corso della gara è stato premiato con una targa Moraca Francesco per la Sua proverbiale disponibilità, serietà e spirito di amicizia dimostrata nei confronti di noi tutti. Una vera Standing Ovation culminata con una richiesta di nomina presidenziale (Francesco, Ti chiedo di accettare).
Congratulazioni vanno al quarto classificato, Walter Merulli, che ha interpretato nel miglior modo possibile il tracciato NINCO del Napoli Slot Promotion, e, con i punti conquistati, consolida il primato in classifica che può essere insidiato nella prossima gara, da disputare a Perugia, dal solo Salvatore Noviello, assente ingiustificato a Napoli.
Merulli questo campionato può solo perderlo.

Infine, delle brevi considerazioni di carattere generale. L’evento si è contraddistinto per la correttezza dimostrata da tutti i partecipanti. La gara è stata apertissima e combattutissima sin dalla terzultima batteria. I primi otto sono racchiusi nello spazio di un giro e lo stesso vale per le posizioni tra il nono e il sedicesimo. Ciò va ascritto anche alla scelta della categoria adottata per organizzare il torneo.
Particolare attenzione va rivolta anche alla classifica generale che grazie alla nuova modalità di assegnazione dei punteggi, vede in lotta quasi ogni singolo pilota. La partecipazione alla prossima gara offre la possibilità a tutti di migliorare la propria posizione in classifica e, quindi, nonostante la vittoria di Merulli sia quasi certa, l’interesse alla partecipazione dovrebbe rimanere alto.
Un saluto a tutti gli intervenuti e un ringraziamento per la collaborazione ricevuta, come di consueto, ai Soci del club.

Napoli Slot Promotion
Claudio Marchese
qui le classifiche

13 commenti su “Campionato Interregionale Centro DTM Ninco NC2

  1. Complimenti vivissimi per la gara l’ospitalità dimostrata ancora una volta e infine per il bellissimo commento alla gara .
    Bravi!.

    • Caro Antonio, Ti ringrazio per i complimenti che fanno sempre piacere.
      Scusa per il ritardo ma non ho modo di rispondere facilmente e tempestivamente per indisponibilità di un PC.
      Ciao, e a presto, Claudio

  2. Complimenti a tutti, a Sergio in particolare per il bel piazzamento (essendo una chiavica)! Grande dispiacere per Monica (problemi di motore, se non sbaglio, suo marito le ha trapassato con una punta del trapano il motore… invidie familiari).

    Sarebbe interessante per noi del DTM-NC1, vedere qualche foto delle vostre macchine all’interno, visto che molti di noi si cimenteranno anche con NC2 ai Campionati Italiani.

    • Per cortesia e soprattutto curiosità vorrei sapere esattamente,se possibile, quali rispettosi saluti agli avi sono stati rivolti al Sig. Martini corrado.
      Potrebbe magari rispondermi quella “chiavica” -a detta del sig.Giacomo- del Sig. Grassi Sergio, Il Direttore, a cui vanno i miei rispettosi saluti

      • Cara Lasagna,
        la storia parte da lontano!
        Uno dei nostri soci,tale Vito Boffa, ha un edipo irrsolto non già con la madre, ma con la nonna! (pare per volgarissime questioni d’eredità). Qualsiasi cosa o persona lo contrari, il suo primo pensiero vola alla nonna! (della cosa o della persona chiaramente)
        Espressioni tipo: ” Trombati a tua nonna” ormai nel nostro club sono all’ordine del minuto!
        Nella fattispecie il buon Martini, reo di una sportellata da incubo in piena gara ai danni del sopracitato Boffa (al secolo “fastchiatt”), si è sentito dire: ” Non conosco tua nonna, ma ti posso dire con certezza cosa fa!!!!”

        Ti assicuro che la scena è stata esilarante!
        Grazie per i rispettosi saluti
        Un saluto dalla chiavica!

    • Cara sacchetta di naftalina sfiatata,
      la chiavica in questione ha avuto una sola occasione di correre contro di te, a Soragna in occasione del dtm 2003.
      Nonostante abbia corso con una macchina preparata da te, e quindi:
      1) di per se un cesso
      2) certamente più cesso di quella con la quale hai corso tu,
      la chiavica di cui sopra ti ha dato 2 giri e sulla tua pista!
      Credo che qualsiasi altro commento sia superfluo, se non cercare di capire perchè uno come te, che di slot non capisce una mazza (Ettore tu non c’entri!), si sbatta tanto appresso alle macchinine!

      Circa il boicottaggio alla macchina di mia moglie, hai ragione, ma questa è una lunga, penosa e troppo divertente storia!

      Salutam ‘a soreta!
      Cià
      La chiavica

      • Intanto ti avevo dato la macchina migliore!!!!! Per gli ospiti questo e altro.

        1 – Non ho mai avuto pretese di vittoria, mi diverto e basta, la mia ragione di vita è tenere dietro Tanuzzo e anche i muri lo sanno.

        2 – Per distrarre gli avversari, ti porti in giro quella sventola di tua moglie, essendo io molto sensibile al gentil sesso, capisci che due giri sono una sciocchezza.

        Cià assassino!
        Salutam ‘a mamate!

  3. E’ vero che a fine gara Sergio, dopo l’ottimo 5° posto, trattenuto dal pubblico festante e tutto sudato e dolorante gridava con la bocca tutta storta “Monicaaaaaaaaaaa!!!!” quasi ad emulare Sylvester Stallone in Rocky (“Adrianaaaaaaaaaa!!!)?

    Emilio

  4. Confermo che l’ospitalità degli amici del Napoli Slot Promotion è stata come al solito elevatissima.
    Per me, prima delle qualifiche, avevo preventivato un piazzamento dal 7° al 10° posto, poi la gara è andata molto bene (4°) e ho portato a casa con soddisfazione anche un trofeo!
    Tornando all’ospitalità, il momento più gradevole è stato sicuramente la cena al sabato sera, degustazioni di pesce in un ristorantino a Nisida (Nisida è un’isola e nessuno lo sa…).
    La dissertazione di Sergio sul dialetto Puteolano è stata straordinariamente esilarante, chi era con me può davvero testioniarlo!

  5. Ecco le foto della terza gara DTM-NINCO

    IMMAGINE NON RECUPERABILE

    Il podio dal basso in alto
    Luporinco – Roberto La sgnaccera Del Pezzo (bel pezzo di sgnacchera)
    Marino d’Orazi – Genny Marchese

    IMMAGINE NON RECUPERABILE

    1a batteria Antonio ed Emilio Tempesta di Rieti (Emilio è il piccolo)

    IMMAGINE NON RECUPERABILE

    3a batteria Francesco Campanie ed Antonio Corno (Little Tony) mascotte del club.

    Ringraziamo Fantasyland per aver fornito i premi

I commenti per questo articolo sono chiusi.