1a Gara Interregionale Centro GT Open ANSI – Passaggio (PG) 20 Luglio 2003

Un nostalgico delle Proslot sidewinder? Un metallaro pentito che avrebbe voluto delle gomme più efficaci? Alla fine della gara, pur dominata dalle fantastiche Audi R8 di Slot.it, un buon numero dei piloti di casa avrebbero voluto stendersi sulla pista e chiedere carrozzerie più robuste per tutti, ma la direzione gara è riuscita a contenere i facinorosi: nessuno ha emulato il pazzo che a Silverstone, nel giorno della vittoriosa cavalcata di Barrichello, ha messo a repentaglio la sua vita e quella di munerosi piloti, ma il preoccupante numero di cedimenti dei passaviti delle auto dei piloti di casa (2 R8 e una Gtone), ha dato molto da pensare.
Costruttori meditate, la corsa all’alleggerimento delle carrozzerie aumenta la prestazioni, ma a volte ci rimette l’affidabilità.
La prima gara del neonato campionato Interregionale GT Open Centro Italia Ansi ha coinciso con la prima gara ufficiale disputatasi sulla nuova pista del Gruppo Slottistico Perugino, presso il Bar Caponi a Passaggio di Bettona.
Discreto successo di partecipanti, con 23 iscritti (un buon numero se si pensa che il caldo e il miraggio del mare hanno scoraggiato molti) provenienti da Arezzo, Livorno, Pisa, Forlì, Ravenna, Rieti, oltre naturalmente a una nutrita partecipazione del club ospitante. Forse qualcuno non è venuto perché temeva di perdersi il Gran Premio di Formula 1, ma i presenti hanno usufruito, dopo le qualifiche, di una pausa di oltre un’ora che a permesso a tutti di vedere tranquillamente la gara della Formula 1 a Silverstone, oltre che di apprezzare la cucina della Signora Vania che ci ha rifocillato con penne al ragù e torta al testo con salsiccia (la versione umbra della piada…).
Dopo le prove libere per tutti i piloti esterni, parco chiuso alle 13, verifiche tecniche effettuate da Dal Monte, Gasperini e Regoli, e qualifiche subito a seguire.
Si segnalano due ragazze iscritte che affrontano la competizione con trepidazione (prima gara ufficiale) ma anche con un certo piglio: Sarah Pacetti “Lalla” Giustiniani e Ylenia Rotondi (al seguito del moroso Daniele Radicchi). Si sono avvicinate a questo gioco per seguire i propri uomini, ma ora si divertono anche loro!
Dal punto di vista tecnico si segnala, come si prevedeva, un netto predominio delle Audi R8 di Slot.it; si vede una sola Ferrari 355 Proslot condotta in gara dal coraggioso Signorini (Daviken-Policar), mentre ci sono 3 Toyota Gtone Proslot (Regoli, Niccolai e Cavalierini) che ben si comportano e sicuramente si faranno rispettare in gara.

Terminate le qualifiche, viene sigillato il parco chiuso e tutti ci trasferiamo alla tv con un bel piatto di penne fumanti…
Si riprende dopo un’ora di pausa, lo stomaco pieno e ben più carichi.

In batteria VI a sorpresa prevale Ylenia (giri 90,98), che rifila oltre 5 giri ai due maschietti che la sfidano; Matteo Valli soffre contro Signorini ma alla fine la spunta e si aggiudica il secondo posto di batteria.
In batteria V si sfidano quattro R8 Slotit; la gara è combattuta, ma Daniele Radicchi se ne va via facilmente; è un principiante, ma da quindici giorni gira con una certa regolarità ed ottiene in gara dei tempi di tutto rispetto (11.148 in verde).
Purtroppo a metà dell’ultima batteria accusa notevoli problemi alle spazzole, si fa prendere dal nervosismo e, una volta perduto il comando della gara decide di ritirarsi. Peccato per lui, ma Gulminelli (Chapparal) ringrazia e va a vincere (giri 96,69) la sua batteria con poco più di mezzo giro di vantaggio su Simeoni, che tenta il recupero fino all’ultimo. Chiodo termina terzo, staccato di 4 giri a causa di una partenza poco felice, ma in notevole recupero nel finale.
La batteria IV è composta interamente da piloti perugini; prevale con un’ottima prestazione (giri 104,30), e passa in testa alla classifica generale, l’ormai veterano Mirko Pinca; la cosa non sorprende, l’avevamo visto insolitamente lento in prova in una pista dove abitualmente è tra i primattori, e ci si aspettava una sua riscossa.
Forse in qualifica non aveva avuto il tempo di abituarsi al nuovo motore, montato in fretta e furia la domenica mattina, dopo che il suo precedente aveva esposto da tempo bandiera bianca…
Ma in gara la musica cambia, e Mirko è veloce in tutte le corsie (gpv 11.089 in blu) ma soprattutto regolarissimo!
La seconda classificata è a sorpresa la romanissima naturalizzata perugina Sarah Pacetti, staccata però di ben 10 giri: comunque un applauso alla ragazza più veloce della giornata.
E gli altri due? Marco Cavalierini (Gtone) e Gianluca Cellini (R8) sono soliti ritrovarsi a duellare tra loro in ogni gara che disputano: accadeva già quando, prima di passare allo slot, si sfidavano con le auto radiocomandate! Stavolta sono accomunati dalla sfiga, dato che entrambi rompono il supporto vite della carrozzeria e sono costretti al ritiro quando stavano facendo piuttosto bene, cercando di resistere al forcing di Pinca. Anzi no, dato che un miracolo di Samuele Radicchi, ottimo meccanico oltre che veloce pilota, restituisce alla Gtone di Marco un assetto decente, fin quando l’auto di ferma di nuovo col pignone che scorre liberamente sull’asse del motore. E’ un vero miracolo che nessuna delle auto sia finita sotto i piedi di chicchessia!
In batteria III i due piloti di casa Coccia e Giustiniani affrontano i due esperti Dal Monte e Campriani. La gara è molto combattuta, nelle prime 2 batterie si assiste a frequenti scambi di posizione e anche i rispettivi giri veloci si aggirano intorno agli 11 secondi netti.
Ma se la fortuna è cieca, oggi la sfiga ci vede benissimo e ha preso di mira i piloti locali! Lallo Giustiniani rompe l’ennesima carrozzeria e dopo una riparazione volante riprende la sua gara staccato di molti giri; invece Coccia, dopo aver fatto registrare il miglior giro in gara in 10.929, accusa un calo di motore, poi ha problemi alle spazzole, infine si incazza e si ritira.
Ne approfittano Campriani e Dal Monte che con 101 e 98 giri rispettivamente vanno a posizionarsi alle spalle di Pinca.
Siamo in batteria II e, complice anche il sole di metà pomeriggio che picchia forte, la competizione si surriscalda… un Niccolai coraggioso su Gtone sfida 3 Audi. I quattro piloti in gara girano davvero forte, su tempi che finora irraggiungibili: 10.600 Martini, 10.820 Niccolai, 10.867 Grigioni, 10.987 Peruzzi.
Il magionese Martini è autore di una prestazione maiuscola, impressiona per come affronta l’ingresso del Karussel e la chicane; alla fine per lui ci sono 109,71 giri, quelli che seguono dovranno fare mooolta attenzione!
Paolo Niccolai, ricordiamo uno dei padri fondatori dell’Ansi, è velocissimo come al solito e chiude al secondo posto (per ora anche assoluto) di batteria: un plauso speciale a lui come a Regoli per aver portato in gara la GtOne, auto che molti avevano forse troppo frettolosamente scartato.
Una segnalazione la merita la splendida gara del giovane Luca Grigioni, passaggiese doc che negli ultimi tempi è molto cresciuto: sulla pista di casa ha raggiunto il livello dei migliori e, anche se alla lunga paga qualche uscita di troppo, si piazza davanti a diversi piloti competitivi ed esperti.
Chiude Leo Peruzzi, sempre veloce, ma che ovviamente paga lo scotto di una gara su un tracciato visto per la prima volta solo qualche ora prima!
La batteria I è caldissima, con la sorpresa Samuele Radicchi (velocissimo in casa, poco conosciuto altrove), che si inserisce tra tre piloti ai vertici nelle gare del centro Italia ma anche nazionali.
Alla partenza Merulli scatta dalla pole e va in testa, ma mente Regoli con la sua Gtone accusa alcune uscite e si stacca leggermente, Gasperini e Radicchi resistono a brevissima distanza dal leader.
Alla fine della prima manche incredibilmente il giro veloce è di 10,71 per tutti i quattro piloti!!!
Inizia la seconda manche e Merulli precede Gasperini di pochi settori, Radicchi e Regoli sono ora doppiati in quest’ordine. Dopo un’uscita a testa i due leader si ritrovano appaiati ma in corsie non contigue e percorrono 15 giri con lo stesso passo. Esce Gasperini, così Merulli accumula due o tre di secondi di vantaggio: per tutta la terza manche quei due/tre secondi rimarranno praticamente invariati, entrambi non escono mai!
Inizia la quarta e decisiva manche, ma ora Gasperini è in gialla, corsia più veloce della blu di Merulli, e gli mangia qualche centesimo al giro.
Si prospetta un arrivo in volata, il sottoscritto già suda di brutto, ma a un certo punto il vantaggio si stabilizza: mancano sette o otto giri, l’aretino da il 101% ed esce!
Vince Merulli (111,35), Gasperini segue a 110,76, nel finale Regoli (108,17) approfitta di qualche errore di Radicchi (107,93) e lo scavalca, mentre Martini sale sul terzo gradino del podio.
Giro più veloce di Merulli con 10,597, di misura su Gasperini e Regoli (10,601), Radicchi 10,710.
Complimenti a tutti, la gara è stata entusiasmante ma corretta.

Le verifiche tecniche, comprendenti la misurazione dei giri motore di tutte le auto partecipanti, non evidenziano alcuna irregolarità, quindi la classifica rimane quella espressa dalla pista.
Tutti i partecipanti hanno espresso soddisfazione per l’evento cui hanno partecipato, per i primi tre ci sono anche dei trofei e la foto di rito.
Così come per il DTM, anche l’Interregionale Centro GT è iniziato con un discreto successo che si conta di replicare per prossimi appuntamenti; la seconda gara si disputerà a Rieti presso la sede del Gruppo Modellistica Reatino, domenica 21 Settembre.

Per ora buone vacanze a tutti!

Walter Merulli
Gruppo Slottistico Perugino

PROVE

posizione/batt Concorrente tempo
1 I MERULLI 10.431
2 I GASPERINI 10.525
3 I RADICCHI S. 10.571
4 I REGOLI S. 10.577
5 II MARTINI 10.695
6 II NICCOLAI 10.840
7 II GRIGIONI 10.876
8 II PERUZZI 11.039
9 III COCCIA 11.066
10 III CAMPRIANI 11.161
11 III DAL MONTE 11.176
12 III GIUSTINIANI 11.193
13 IV PINCA 11.200
14 IV CELLINI G. 11.382
15 IV CAVALIERINI 11.597
16 IV PACETTI 11.701
17 V RADICCHI D. 11.735
18 V SIMEONI 11.813
19 V GULMINELLI 11.837
20 V CHIODO 12.021
21 VI ROTONDI 12.854
22 VI SIGNORINI 13.077
23 VI VALLI 13.885

CLASSIFICA FINALE

Pos. Concorrente Club Batt. Auto Giri Gpv lane
1 MERULLI PG I R8 111,35 10.597 V
2 GASPERINI AR I R8 110,76 10.601 R
3 MARTINI PG II R8 109,71 10,600 V
4 REGOLI S. PI I GTOne 108,17 10,601 V
5 RADICCHI S. PG I R8 107,93 10,710 V
6 NICCOLAI LI II GTOne 106,106 10,820 V
7 PINCA PG IV R8 104,30 11,089 B
8 GRIGIONI PG II R8 103,45 10,867 V
9 PERUZZI AR II R8 102,14 10,987 V
10 CAMPRIANI AR III R8 101,07 11,147 V
11 DAL MONTE FC III R8 98,07 11,203 G
12 GULMINELLI FC V R8 96,69 11,581 V
13 SIMEONI RI V R8 95,92 11,808 V
14 PACETTI S. PG IV R8 94,19 11,637 V
15 CHIODO RI V R8 92,34 11,531 V
16 ROTONDI PG VI R8 90,98 12,027 G
17 RADICCHI D. PG V R8 89,07 11,148 V
18 VALLI AR VI R8 85,57 12,297 V
19 SIGNORINI RA VI 355 84,92 12,800 G
20 GIUSTINIANI PG III R8 80,21 11,038 R
21 CELLINI G. PG IV R8 73,00 11,308 B
22 COCCIA PG III R8 66,00 10,292 V
23 CAVALIERINI PG IV GTOne 60,00 11,481 G

Riguardo

running, F1, musica, calcio

6 commenti su “1a Gara Interregionale Centro GT Open ANSI – Passaggio (PG) 20 Luglio 2003

  1. Errata corrige: il giro più veloce di Coccia in gara non è 10.292 ma 10.929.

  2. Gran bel week-end quello trascorso domenica scorsa a Passaggio (PG) dove i ragazzi edel Gruppo slottistico perugino, encomiabili come al solito per la loro ospitalità, hanno messo a disposizione dei partecipanti alla prima gara interregionale Gt light, un circuito (costruito a tempo di record) non “difficile” ma veramente veramente bello teatro di una serie di sfide incrociate entusiasmanti. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli amici che hanno partecipato dando a tutti appuntamento alla prossima gara.
    Peccato che il giardiniere, probabilmente in ferie, si è dimenticato di tagliare l’erba del circuito causa dell’arriciolamenrto delle spazzole del caro amico Paolo Niccolai, persona squisita che fa bene allo slot.

    Un saluto a tutti
    Leonardo Peruzzi
    Slot Club Arezzo Il Barone Rosso

  3. Anche i Romagnoli si sono divertiti, anche se il sottoscritto si è quasi pentito di non aver portato in gara la bianca Porsche Gt2 Pro-Slot, in luogo delle inflazionate Audi R8C di Slot.it, almeno per rendere il “paesaggio” un po’ più vario. Complimenti agli organizzatori: la pista è bella, la gara è stata regolare e corretta, il caldo non era poi così terribile in quel di Passaggio (venite a Forlì per provare la differenza!).
    Speriamo di vederci dopo l’estate a Rieti, anche se dalla Romagna il viaggio è veramente lungo, con molti poi avremo anche occasione di ritrovarci a Perugia per la prova del DTM.
    Ciao a tutti, grazie se avrete anche la cortesia di mettere qualche foto sul sito del vostro Slot Club o su questo portale.
    Andrea, Chaparral

  4. Oggi, dopo aaaanni di inattivita’, ho corso !
    Ho corso e ho scoperto che, pur andando piano, pur avendo dormito poco, pur avendo fatto 180 e passa chilometri, MI SONO DIVERTITO !
    Magari non si e’ divertito il tettuccio della Ferrari che avevo in dotazione ma tant’e’… 2 decals belle grandi e le righe non si vedono piu !

    In piu’ ho scoperto che il mio difetto di andare in palla 1 corsia si e una no mi e’ rimasto, provvedero’ con ansiolitici… antidoping permettendo.

    Complimenti all’organizzazione del circuito (…come nella migliore delle tradizioni vicino ad un circuito CI DEVE essere piadina e salsiccia !!!) e alla pista realizzata sfuttando ogni centimetro della sala a disposizione.

    Soprattutto devo ringraziare Chaparral per la cortesia di avermi fornito tutto il materiale e di aver fatto il setup di ben 2 vetture ( la sua e la mia…), Luca per il viaggio (se ci fosse un Intercity Perugia – Ravenna farebbe sicuramente medie peggiori) e la fidanzata per essere andata a lavorare di Domenica (…altrimenti mi sa che non mi mandava a “zugher al machinin a ca` de’ gieval !”

    E poi ringrazio tutti quelli che per farmi felice e non farmi arrivare ultimo si sono impegnati a rompere tutte quelle Audi… Grazie di cuore

    PS.:24 concorrenti, 1 assente, le rimanenti auto erano tutte Audi tranne 3 Toyota e la “mia” 355…
    Quando verra’ presentato qualcosa di efficente come le Audi per variare un po’ il parco auto ?
    Aspettando fiducioso la commercializzazione di nuovi modelli, passero’ notti insonni a studiare come fare per evitare una figuraccia cosi’ anche la prossima volta (…vabbe’ la ruggine ma beccarmi 30 giri dai primi mi pare veramente tanto… da domani dieta ferrea e allenamento psicofisico regolare e costante… )

    Ciao a tutti e alla prossima !

    • A proposito se qualcuno di voi e’ interessato, posso spiegare come ottenere carrozzerie da allenamento.
      Ovvero, come arrivare alla domenica con una carrozzeria sana, senza incollaggi o riparazioni ( a rischio di squalifica ), utilizzabile il sabato durante le prove libere.
      E’ un lavoraccio, roba da artisti della resina, ma si puo fare avendo un minimo di abilita’ manuali e non costa molto. (…ricomperare una macchina intera per tenere la carrozzeria costa sicuramente di piu !)

      Vi posso inviare un DOC con disegni
      La mia mail e’ travidex@interfree.it

      Ciao

  5. Ehi, lupaccio della miseria, dacci anche la classifica generale che, se come dichiarato in via ufficiosa, riprende i punteggi del motomondiale dovrebbe essere: 25 al 1°, 20 al 2°, 16 al 3°, 13 al 4°, 11 al 5°, 10 al 6° e quindi 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2 e 1 fino alla 15^ posizione, più un punto a tutti i classificati dopo il 15° posto.
    Per Daviken-Policar: stiamo lavorando per mutare il paesaggio e contrastare le Audi R8 C di Slot.it, si preannunciano nuove Toyota, Porsche Gt2, Bmw V12, Joest Porsche, Lola B98/10, Mercedes Clk GTR e perfino Venturi! Se il modello di Walter finisce “accidentalmente” sotto ai miei scarponi da montagna abbiamo ottime chanches di batterlo!
    Ciao a tutti. Andrea (Chaparral)

I commenti per questo articolo sono chiusi.