Wales Rally GB, 5a prova OPV Rally

Per la prima volta si sono visti volti nuovi affiancare gli abituali frequentatori delle gare, per un rally che ha come caratteristica da sempre la difficoltà dei cambi di fondo improvvisi e le insidie derivanti dalla presenza si steccati, cancelli e rocce vicinissimi alla sede stradale, una gara il cui minimo errore si paga disastrosamente e dove il recupero non è sempre possibile per via della presenza di foglie e terra che cambiano costantemente l’aderenza in gara.

Tutte queste caratteristiche si rispecchiano nelle discontinue prestazioni dei piloti che passano da vittorie in speciale a posizioni fuori dalla top ten. Le speciali allestite per l’evento sono cinque da ripetersi due volte, si comincia con due “mickey mouse” sterrate con la prima che va a Paolo Furno su Subaru Impreza SCX, seguito dalla 307 di Sarteur, dal leader di campionato Dario Franco e da De Marchi che torna alla guida di una Ninco dopo tre anni di SCX e che dopo l’assenza al Tour de Corse non può più permettersi passi falsi in campionato. Si continua con la PS 2, sempre cortissima, e a primeggiare questa volta e Efisio Grande su Lancer Evo VIII che precede la vettura gemella condotta da Antonella Puddu e la Focus di Dario Franco. Quarto tempo per Cervellati su 307 SCX e quinto per la Subaru di De Marchi.
Si passa alle speciali più lunghe e più scivolose e la prima sorpresa è l’uscita di De Marchi che chiude solo con l’ottavo tempo, mentre Dario Franco vince la prova e prende la leadership del rally.
Cicogna, Furno e Giacomini si piazzano nell’ordine alle spalle del leader di campionato.
Quarta speciale e vittoria per il terzo classificato ai campionati italiani Claudio Giacomini che precede una redivivo Rollo su 307 Ninco e Dario Franco sulla fida Focus, ancora due uscite per De Marchi che deve ancora prendere le misure della nuova Impreza Ninco e che ottiene così un altro ottavo tempo.

Si parte per la PS 5, la più dura del rally, con foglie sulla sede stradale, con strette strade sterrate e steccati a bordo strada, con dislivelli in curva e salti su asfalto, Dario Franco incontra non pochi problemi ed esce dalla prova con un quattordicesimo tempo lasciando a De Marchi, vincitore della PS, oltre sette secondi e la leadership della gara. Ottima prestazione di Stefano Lavazza che chiude al secondo posto davanti a Maurizio Merlo terzo entrambi su Xsara SCX.

Si ritorna sulle “mickey mouse” e De Marchi rafforza la sua prima posizione vincendo anche la sesta speciale davanti a Franz Cicogna e Paolo Furno.

Settima speciale e fantastica vittoria per Antonella Puddu dimostra di non avere timori reverenziali nei confronti dei 22 “maschietti” in gara, segue Dario Franco, Furno e Cicogna, il leader De Marchi è sesto ma a soli 30 centesimi da Antonella.
Giacomini si impone nella PS 8 davanti a Paolo Furno, Dario Franco ed Enrico De Marchi tutti e tre in venti centesimi.

Un quattordicesimo tempo costringe Stefano Lavazza ad abbandonare il secondo posto in generale, ad approfittarne sono Giacomini, Schiapparelli e Franco che avanzano di una posizione.

Nella PS 9 vince De Marchi che allunga in testa alla gara, seconda posizione per uno sfortunato Fabrizio Cervellati che dimostra che quando la vettura lo asseconda è li a battersi con i primi.
Giacomini con il terzo tempo congela la sua seconda posizione in generale, mentre Lavazza approfittando della debacle di Dario Franco e Marco Schiapparelli, rispettivamente 7° e 10° tempo, recupera due delle tre posizioni perse in precedenza.
Ultima speciale al fulmicotone per De Marchi che vince la prova nonostante un dritto, Lavazza recupera un secondo e mezzo a Giacomini ma non basta per soffiargli la posizione, tra i due rimangono ancora 99 centesimi.

Il Wales Rally 2007 va quindi a Enrico De Marchi che nonostante qualche errore riesce comunque a prevalere di 5”41 su Claudio Giacomini, terzo chiude Lavazza, solo quarto Dario Franco a 7”83 dal leader, quasi tutti persi nella disastrosa quinta speciale. Super prestazione di Rollo che abbandona la guida funambolica per una condotta più redditizia che lo porta ad ottenere una buona quinta posizione finale. Sesto chiude Franz Cicogna autore di una gara altalenante che lo ha visto passare dalla nona posizione alla seconda e poi nuovamente alla nona e decima per poi riuscire a recuperare nel finale. Settimo è Marco Schiapparelli a cui sono state fatali le PS 2 e 4. Ottavo Paolo Furno, ci si aspettava qualcosa di più di una gara che non lo ha mai visto salire sopra la sesta posizione nella generale.

Nona e decima posizione rispettivamente per due fior di debuttanti, Maurizio Merlo e Simone Carta, freschi vice campione e campione del GT HRS OPV, hanno navigato a lungo in settima e ottava posizione prima di dover cedere a Cicogna e Furno, offrendo anche talvolta buone prestazioni in prova. Undicesimo Giovanni Sarteur che dopo il secondo posto nella prima speciale è caduto in centro classifica senza riuscire più a divincolarsi e a ripetere la bella prestazione ottenuta in Corsica. Seguono in classifica Bassetto 12°, Antonella Puddu 13° che ha alternato ottime prestazioni, tra cui una PS vinta, a posizioni oltre la top ten. Quattordicesima posizione per Luca Franzoso buon asfaltista in Corsica, ma in difficoltà nella terra Gallese. Chiudono la lunga classifica Efisio Grande 15° precipitato indietro dopo la vittoria in PS 2, Stefano Rovina 16°, Stefano Grigoletto 17°, Fabio Mazzon la cui rimonta dopo i problemi alla vettura si è fermata al 18° posto, Mori Massimo 19°, Yuri Chabloz 20°, Fabrizio Cervellati 21° i cui problemi alla vettura sono stati determinanti per l’opaca prestazione, chiudono G.P. Ronco 22° e Roberto Robattino relegato ben presto in fondo alla classifica a causa di una prima tappa con vari problemi alla vettura.

A questo punto, con il gioco degli scarti, a due prove dal termine, De Marchi rientra in gioco per il campionato, un solo punto lo divide ora dal leader Dario Franco, ormai la lotta al vertice e chiusa a questi due concorrenti, mentre tutto è ancora aperto per il gradino più basso del podio, con ben quattro pretendenti che non si risparmieranno sicuramente già dal prossimo Rallye di Sanremo.

Riguardo

Rally Slot

17 commenti su “Wales Rally GB, 5a prova OPV Rally

  1. beh che dire, complimenti, fate proprio venire la voglia di buttarsi nei rally, poi se penso alla mia “prima volta”, è stata proprio su una pista “innevata”, indimenticabile !!! da lì è partita la “scimmia”.

    Paolo

  2. Ragazzi complimenti!!!!!
    Porca miseria… dovremo trovare altro spazio per provare a costruzire qualche “speciale”!!!
    ciao
    Cesare (Race64)

  3. Ottima serata, ottimo articolo, ottima compagnia!
    Dopo anni di ostracismo nei confronti della ” sbandata su neve ” a favore del grip esasperato, mi sono lasciato convincere dagli amici dell’OPV:
    MI SONO DIVERTITO UN CASINO !
    E’ incredibile come un’organizzazione seria , pur con tutte le difficoltà del posto-orario-numero di partecipanti, possa rendere piacevole e appassionante una serata in cui, pur facendo 200 km. per slottare su 10 speciali, mi sono sentito coinvolto per tutta sera nel mio primo rally su neve e terra!!!
    Bravi tutti, di certo non mi perderò il Sanremo!
    Alla prossima
    Maurizio

  4. Mi piacerebbe partecipare alla prossima prova. Potrei avere indicazioni precise su come arrivare alla sede della gara ? Grazie

  5. La prossima gara, il rally di Sanremo, non me ne vogliano gli amici liguri…., si terrà a Saint Vincent presso il palasport, in via trento n.ro 7
    Partecipate numerosi.
    Ciao
    Dario

    • No problem, e tanti ma tanti auguri per la riuscita dell’evento!

      Andrea Lucisano “Il Cavallino Sanremo”

  6. Vicitore di 4 prove speciali inseguito dai soliti Claudio Dario etc ?!? Enrico incontenibileeeeeeeeeee….
    paul

  7. Avrei bisogno ancora un’informazione.
    Quali sono le gomme omologate per l’assale posteriore (il regolamento ANSI mi pare poco chiaro in proposito) ?
    Si usano gomme divererse a seconda del fondo ?
    Vengono date per la gara ?
    Grazie.

    • Gomme ninco o scx 19×10 (quelle di serie sui modelli) con rigatura visibile…….per il 2008 vorremmo riuscire a fornirle direttamente come OPV, cosi come gia avviene per le tassellate per i Rally sporchi….
      dico bene Dariofrancoespositoluomosenzacognome???
      avsalut a tuch
      znarfdellago

  8. Sul regolamento ANSI non è ben chiaro perchè era riferito ai C.I. e perchè serviva più come riferimento che come regola, infatti in ogni club, ogniuno può usare le gomme che vuole.
    Per quanto riguarda L’OPV 2007 le gomme omologate sono le Ninco slik, rigate o scolpite (la scritta deve essere ben visibile).
    Viste le difficoltà per alcuni a reperire le gomme “Tacos” nei rally “sporchi” vengono fornite dall’organizzazione a tutti delle PKS.

    • Scusa, per maggiore chiarezza : si possono usare le slik per i rally su asfalto o è obbligatorio usare le rigate di serie ?

      • Gomme Omologate:

        NINCO SLIK
        NINCO STANDARD (rigate)
        NINCO RALLY (tacos)

        Puoi usare quelle che vuoi, la norma però consiglierebbe su asfalto solo le prime due, ma per assurdo se tu volessi usare le Tacos puoi farlo.
        Attenzione però deve vedersi la scritta, vi sono infatti delle gomme Ninco (quelle anteriori con cui esce di serie la Mègane Trophy) che sono più basse e non portano la scritta Ninco, quelle di conseguenza non sono omologate.

I commenti per questo articolo sono chiusi.