24 Ore del Verbano – Iscrizioni ANSI

Ricordo a coloro che partecipano alla 24 ore del verbano che è necessaria l’iscrizione all’ANSI.
La mancata iscrizione anche di un solo componente penalizzearà, ai fini della ranking list, l’intera squadra.
La regolarizzazione potrà essere effettuata tramite versamento di 10,00 euro sul c.c.p. n. 61389748 intestato a A.N.S.I, oppure direttamente al Verbano, tra Venerdi e Sabato mattina, rivolgendosi al sottoscritto (Alessio) o ad Aldo Quintili.
Ci vediamo in quel di Germignaga
Alessio

Riguardo

Tiro a segno.

20 commenti su “24 Ore del Verbano – Iscrizioni ANSI

  1. …. allora la “Mia battaglia” non è stata inutile…….Peccato che la voglia di divertirmi insieme a Voi sia ancora lontana.

    Migio

      • Ciao Alessio,
        tutto bene; non ho ancora “sbollito”, colpa del mio carattere di m@@@a, piano piano cerco di farmi una ragione ma è difficile andare contro ai propri principi.
        Ad maiora !
        Migio

    • Migio, ti faremo martire. ewwiwa San Migio martire!!!!!!!
      Anche l’anno scorso bisognava essere iscritti ANSI, ma al momento della premiazione, questa “regola” è stata “ignorata”.
      Mah… speriamo meglio per quest’anno.

  2. De Luise Roberto, Cassanelli Lorenzo, Cassanelli Giorgio si sono iscritti all’ANSI il 27 maggio alla gara IRN disputatasi al Brianza Slot Club Nuvolari e come soci del Brianza Slot Club Nuvolari mi chiedono di inserirli nella lista dei piloti abilitati ANSI.
    De Luise corre alla 24h e quindi necessita il numero ID.
    Grazie Alessio per tutto e per la pazienza che ci vuole per queste cose.

    Ciao a presto anzi alla 24h

    Davide

    • Ciao Davide,
      sia Roberto che Lorenzo e Giorgio sono già stati inseriti nell’elenco piloti abilitati, ed hanno il proprio ID. Non appaiono nell’elenco pubblicato sul sito ANSI perchè non è l’ultima versione. La versione aggiornata sarà pubblicata Venerdi mattina. Comunque, come ho scritto nell’articolo, eventuali inscrizioni sarà possibile effettuarle anche a Germignaga.
      Ci vediamo alla 24 ore
      Alessio

  3. ..e se un Italiano corre in una squadra straniera?

    … e se a tutto il team della Ranking non gli passa neppure per le…. ?

    Vabbè, di certo non si diventa poveri con questa quota… GLOM! rospo ingoiato ed andiamo avanti…

    Marco

    • …e se a qualcuno gli girasse di iscrivere all’ANSI tutta una squadra straniera? o magari due?

      • ………Merulli è stato Campione Spagnolo. Abbiamo avuto piloti Svizzeri che hanno partecipato ai nostri IRN (e potevano vincerlo), non vedo perchè una scuadra Spagnola non possa vincere un Campionato Italiano.

      • P.S.: sullo statuto non c’è scritto che i tesserati devono essere Italiani.
        Dimenticavo il grande J. Secchi, un Inglese tesserato ANSI, ha fatto anche lui gare IRN.

        • Ehm, il senso del mio commento era un poco diverso…. Ben “vengano” pilotii Stranieri se vorranno partecipare, così come ben “vadano” a fare e magari vincere gare all’estero i piloti Italiani, ci mancherebbe altro!

          Intendevo solo evidenziare che, a mio personale parere, il MODO in cui la obbligatorietà di iscrizione all’ANSI è stato proposto sia un po’ “vessatorio”.

          Bastava porre la cosa in termini del tipo “Tutti i piloti che siano regolarmente iscritti all’ANSI avranno diritto ad acquisire punteggio per la Ranking List ANSI, ecc. ecc.” Se poi uno non è interessato ad iscriversi all’ANSI non sarebbe ovviamente titolato ad acquisire punteggi ANSI…

          Invece per come è stata posta la cosa, per non penalizzare gli altri amici del suo Team gli tocca PER FORZA di iscriversi…

          Ovviamente anche io mi adeguerò, anche se di Ranking a me ne importi ben poco (non riesco nemmeno a trovare il tempo di fare garette di Club con regolarità, figuriamoci un po’ campionati… ma questi sono “problemi miei”).

          Se c’è un regolamento e voglio partecipare mi adeguo, ovviamente, anche se dovesse dire che i piloti devono guidare indossando “Kilt Scozzesi, scarponi da sci e cappelli da cuoco”. Anche questo non avrebbe alcun senso, ma volendo partecipare ci si adatta… con libertà di MUGUGNO, spero!

          Marco C.

          P.S.: Ma per mia personale curiosità c’è un “patrocinio ANSI” alla 24 ore che vada oltre il fatto di una presenza per raccogliere le iscrizioni? Scusate ma non ne sono a conoscenza…

          • E’ una gara a [b]squadre[/b] Marco, secondo me deve essere così. A vincere o a perdere deve essere tutto il team.

    • Vorrei aggiungere che , secondo me, potrebbere essere possibile se un pilota, di qualunque nazionalità, prendesse un licenza italiana e svolgesse la sua attività nelle gare titolate della federazione esclusivamente in Italia

      Pieraldo

  4. Si fanno da anni i soliti discorsi…
    Avete mai provato a fare qualsiasi tipo di gare (atletica, auto, moto, bici ecc.)?
    Se non siete tesserati al CONI, alla FIM e via discorrendo, non potete partecipare, perché l’ANSI dovrebbe essere diversa? Perché sono solo macchinine?
    Continuiamo a pensarla così e rimarremo piccoli piccoli.

    Discorso a parte sono gli stranieri, se si è deciso per l’assegnazione del titolo in prova unica e vengono a correrci degli stranieri, se vincono i campioni devono essere loro.
    Andare all’estero a vincere e non vedersi assegnato un titolo farebbe imbestialire chiunque, è per questo che oggi come oggi gli stranieri vengono a fare la 24 ore, domani potrebbero venire per vincere il titolo di Campioni Italiani, tutto dipende da come sono impostate le cose.

    Sono solo macchinine, cosa pretendete…

    • Mi risulta che se vuoi partecipare a gare di atletica, nuoto o altro le varie federazioni (ad es. CONI, FIN ecc.) le gare le organizzano, si trovano spazi e sponsors, accollandosi le assicurazioni, ecc. ecc. ed allora sì che per partecipare devi essere tesserato o incluso nelle ranking di federazione.
      Per gare “pubbliche e popolari” (vedi la Stramilano) ci sono quei 2-300 che fanno la gara competitiva, valida per le ranking di “mezza maratona” ecc. ecc., ed i 20000 cosiddetti “bisonti” che corrono per divertirsi, senza pretese…. e magari il primo di questi potrebbe anche far registrare tempi migliori del peggiore degli atleti, ma non ne avrebbe comunque alcun beneficio, con buona pace di tutti.
      Questo paragone mi sembra più calzante, comunque ribadisco che era un mio parere personale sulla modalità proposta.
      Rimane un punto oscuro (A ME) il perchè se un’intera squadra ha (diciamo) uno “scarso interesse” per iscriversi ad una certa associazione (dalla quale non avrebbe poi alcun beneficio, non essendo in grado o interessati a partecipare alle “gare importanti”), si deve iscrivere alla associazione stessa?
      Forse la 24 ore del Verbano, nata e mantenuta da quel che ne so io da un gruppo di amici, è diventata “troppo grande” ed appetibile…
      Naturalmente un banchetto di “informazione ed iscrizione facoltativa” dell ANSI ci potrebbe anche stare bene….

      Ah, spero che sia chiaro che io non ho niente contro l’ANSI in sé, semplicemente mi è “indifferente”

      MarcoC – “prossimo iscritto ANSI”

  5. Scusate se mi intrometto, ma se uno va a fare una gara ciclistica, anche amatoriale e da “cicloturista” (che è una sotto-categoria, ma sempre categoria è…), patrocinata da UISP e FCI ed ha la tessera della federazione tedesca o svizzera, per esempio, non può correre, per diversi aspetti, anche assicurativi.

    Emilio

  6. leggendo la quantità di interventi, si può fare un quadro di come, certe volte le regole scritte siano interpretabili piuttosto che applicabili.
    Poche parole, esaustive, che non diano adito ad interpretazioni, ed un argomento del genere non si sarebbe infiammato.
    Ricordiamoci che l’ANSI siamo “noi”, siamo noi quindi che decidiamo le regole con cui “giocare”; sta a noi a spiegare a quelli che vogliono giocare con noi, come ci si debba comportare.
    Se le regole vengono recepite come vessatorie, allora non si è stati chiari nello stenderle o, ancora peggio “noi”non siamo stati capaci di trasmettere il messaggio ai “giocatori”.
    Pertanto, chi è adibito a “scrivere” le regole, prenda appunti, e cerchi di essere più chiaro la prossima volta.
    saluti,
    Migio

I commenti per questo articolo sono chiusi.