A Labaro (Roma) gara Prototipi e GT

PROGRAMMA

Sabato 27-1-2007:
dalle ore 14.00 alle ore 20.00, prove libere.

Domenica 28-1-2007:
dalle ore 8.00 alle ore 12.30, prove libere;
ore 11.00, verifiche categoria Gt-Ansi;
ore 12.30, qualifiche;
ore 14.00, partenza della gara.

La gara ha una durata di 30 min. (5 min. per corsia), con batterie determinate da qualifiche di un minuto per concorrente.

PREMIAZIONE

· Trofeo “Speed Contest ” – Alla squadra a maggior punteggio (punteggio determinato dalla somma dei punti dei due piloti meglio classificati di ogni squadra, in caso di parità verrà considerato il punteggio dell’eventuale terzo pilota, ad ulteriore parità il miglior tempo di qualificazione).
· Trofeo “S.C.Carli 19” – Alla squadra concorrente nella categoria “Gt-Ansi” a maggior punteggio (nella eventualità risultasse vincitrice assoluta della manifestazione una squadra con modelli “Gt-Ansi”, questo trofeo verrà assegnato alla squadra classificata seconda assoluta).
· Verranno inoltre premiati i primi sei piloti della classifica assoluta ed i primi tre della classifica “Gt-Ansi” .

Al fine della formazione della classifica a squadre ai primi venti concorrenti classificati verranno assegnati i seguenti punteggi:
24, 22, 20, 18, 16, 15, 14, 13, 12, 11, 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1.

SPECIFICHE TECNICHE
CATEGORIA PROTOTIPI

Spirito della categoria –
Categoria caratterizzata da un’ampia libertà di elaborazione finalizzata al raggiungimento delle massime prestazioni possibili con modelli scala 1: 32 “Grande serie”.
In linea di massima, fatta salva l’assenza di qualsiasi tipo di magnetismo (ad eccezione di quello del motore) tra telaio e binario e il rispetto dei fondamenti dello “slot-plastica” (ovvero il divieto di gomme di spugna, “ruotini” anteriori, carrozzerie in lexan e motori con magneti alle terre rare) , la filosofia della categoria è tale da prevedere che l’interno del modello non risulti soggetto a verifica.

Modelli utilizzabili –
Tutti quelli riproducenti vetture a ruote coperte di tipo Sport, Prototipo, Gt, Gruppo C, etc., che abbiano corso la “24 ore di Le Mans” o Campionati internazionali riservati a tali categorie.

Carrozzeria –
Fatte salve le dimensioni originarie e la cura di una buona estetica, sono consentite tutte le modifiche atte a favorire il libero basculamento con possibilità di intervenire sulla lunghezza dei piloncini, di utilizzare tamponi elastici e/o molle ecc..
E’ consentita la eliminazione dell’abitacolo nei modelli chiusi e la sua sostituzione con un analogo in lexan nei modelli spider.
E’ vietata l’asportazione di vetri, lunotti, spoiler ed alettoni.

Telaio –
E’ possibile la sostituzione integrale del telaio originale con quello HRS o similari.
Per i modelli che lo prevedano, la scelta del banchino portamotore è facoltativa.
Sono consentite smussature o modifiche per consentire il migliore basculamento ed il migliore assetto. E’ consentito l’uso di sospensioni magnetiche, molle, inserti in gomma, neoprene o altro.
Piombatura libera all’interno del modello (ovvero la zavorra non deve sporgere dal profilo del modello).

Motore-
Libero purchè intercambiabile con quello originale, oppure che possa essere montato tramite un adattatore esistente in commercio.
Il motore è modificabile (avvolgimento, cuscinetti, etc.).
Vietate le calamite alle terre rare (cobalto, neodimio, etc.).
Ad evitare incrementi di magnetismo tra motore e binario sono vietate asportazioni di materiale nella parte inferiore della cassa.
Il motore può essere fissato al telaio con nastro, colla, viti o altro.

Ruote-
Cerchi anteriori e posteriori in commercio, anche modificati.
I cerchi anteriori devono avere una larghezza minima di 8 mm. (ovvero sono vietate le “ruotine” tipicamente utilizzate per il “metallo”.)

Gomme-
Gomme di tipo commerciale liberamente trattate, non c’è l’obbligo della evidenza delle scritte laterali.
Le gomme anteriori, obbligatoriamente presenti a coprire tutto il cerchio, devono avere un diametro costante, salvo una leggera smussatura della spalla; possono essere trattate (cianoacrilate o altro).
Vietate le gomme in spugna.

Pick-up-
Non soggetto a verifica

Assi-
Non soggetti a verifica.

Bronzine o cuscinetti-
Non soggetti a verifica.

Trasmissione-
Corona e pignone non soggetti a verifica.

Viti di fissaggio-
Non soggette a verifica.

Ingombri-
Lunghezza e larghezza del modello originale, carreggiata massima 65 mm.

3 commenti su “A Labaro (Roma) gara Prototipi e GT

  1. Leggendo il regolamento tecnico soprariportato ci si potrebbe fare una idea di eccessiva complessità tecnica della categoria Prototipi, in realtà basta potenziare con un motore più potente una normale Gt ed il gioco è fatto.

    Photobucket - Video and Image Hosting
    Due Toyota Gt-One motorizzate King 30K

    Lo scorso giovedi, al terzo appuntamento del campionato interno, si è di nuovo affermata una Toyota Gt-One motorizzata King. Non quella del superfavorito Benedetti col 38K, attardata da un problema alla trasmissione, ma quella di Alberto Felici con il 30K. Alberto, uno dal dito veramente pesante, ha fatto la storia dello Slot 1/32 in Italia e con questa affermazione corona il suo recente rientro alle competizioni.

    Questa la classifica:

    Alberto Felici MRMC Toyota NSR King 30K
    Maurizio Zinelli Ninco BMW Scaleauto 35K
    Sergio Lucarini Slot.It Porsche Slot-it V12 40K
    Simone Roggi NSR Mosler Scaleauto 35K
    Claudio Galateria Spirit Dallara NSR King 21K
    Mauro Blasi MRMC Toyota NSR King 30K
    Aldo Pistilli MRMC Toyota NSR King 30K
    Pasquale Tempesta Fly Porsche NSR King 30K
    Andrea DeChiara Spirit Dallara NSR King 30K
    Riccardo Priori Ninco BMW Scaleauto 35K
    Giancarlo Morresi Spirit Dallara NSR King 21K
    Claudio Bucci MRMC Toyota NSR King 30K
    Andrea Oliva NSR Mosler Scaleauto 35K
    Marco Benedetti MRMC Toyota NSR King 38K
    Emilio Tempesta Slot.it Nissan NSR King 21K
    Tatiana Petrovich Slot.It Nissan NSR Shark 21K

    Photobucket - Video and Image Hosting
    La BMW LM12 telaio HRS di Riccardo Priori

    Photobucket - Video and Image Hosting
    La Toyota di Mauro Blasi preparata da Marco Benedetti

    Dal punto di vista tecnico è da notare il secondo, terzo e quarto posto conquistati da modelli dotati di motore trasversale e l’interessantissimo quinto posto di Claudio Galateria con una Gt-Ansi autore di una gara molto regolare e veloce che gli ha consentito di mettersi dietro una bel numero di più potenti Prototipi.
    Esperienze positive come questa di Galateria ci hanno convinto di abbinare in questa seconda edizione del trofeo “Speed Contest” sia modelli rispondenti alle specifiche Gt-Ansi che veri Prototipi.
    Il 29 gennaio commenteremo questo interessante confronto.
    Ciao, Sergio

  2. Per chi non si accontenta, in attesa di novità eclatanti by NSR (in commercio dopo la Befana),
    per chi è già in possesso del King 46000 giri,

    ho scovato nel passato ed ho trovato dei pignoni da 7 denti (!!!!!!!), sempre con lo stesso modulo di quelli che usiamo e sempre “a pressione”.

    veramente avrei trovato anche quelli da 6 denti (miiiiiiiiii) ma secondo me sono troppo piccoli, guardandolo bene somiglia più alla croce di S. Andrea che ad un pignone ehehehheheh

    buone prove!

    • Photobucket - Video and Image Hosting
      Magggico Salvatore, con pignoni da sette denti in effetti è possibile utilizzare motori decisamente più potenti.
      A questo punto posso pure svelare il mio “segreto”: indotto con 60 spire che spinge un rapporto 7/38.
      In pratica una turbina che fischia attorno ai 60K (in realtà non l’ho mai misurato).
      La cosa che più mi ha meravigliato è che questo motore si è sciroppato senza fare una piega almeno dieci gare ed ancora va che è una bellezza!!!
      E stiamo parlando di un motore cassa corta. Con i nuovi King 46K, che riusciranno certamente nonostante tutto a mantenere una buona coppia, ci sarà certamente da divertirsi.
      Ciao Salvatore, un abbraccio e, se non ci risentiamo prima, tanti cari auguri Sergio

I commenti per questo articolo sono chiusi.