16. Meeting Internazionale Vintage – Torino 7/8 Maggio 2005

I Mostri sono stati la massima espressione tecnologica (motori elaborati, gomme di spugna, carrozzerie aerodinamiche, cuscinetti a sfera, etc.) prima della caduta nell’oblio dello slot per un lungo periodo.
Il Raduno scala 1/24 di quest’anno sarà quindi riservato alle Cucaracha, alle Mini Dream, alle Classic e tutte le altre “Dream cars” concepite prima del 1972. Per non mettere in difficoltà i potenziali partecipanti, privi di Mostri, verranno comunque accettate alla manifestazione anche tutte le macchine tipo Gran Turismo, Sport o Fuori serie purchè appartenenti a quel periodo.
Nella categoria 1/32, in mancanza di Mostri (ne esistono solo 3 o 4 modelli), si ritroveranno invece le monoposto a ruote scoperte. Quindi Policar, Scalextric, MRRC, Monogram, etc.
Il Meeting avrà inizio quest’anno dal sabato pomeriggio 7 maggio alle ore 15 con la mostra scambio, dove sicuramente troverete qualcosa da acquistare o scambiare (se avete merce di scambio). Si proseguirà poi la domenica tutto il giorno con il mercatino le competizioni delle 2 categorie descritte sopra.
Quindi se volete assistere ad una vera gara slot di fine anni ’60 non potete mancare a questo appuntamento. Ricordate 7 e 8 maggio 2005 a Torino in Via Volante 6. Per informazioni chiamate il 347 8520198 (Franco)

——————————————————–

Il Meeting Vintage Slot di Torino è il più classico e storico appuntamento del genere in campo slot: quella del 2005 sarà infatti la 16. edizione.
La borsa scambio del sabato pomeriggio e domenica mattina è a partecipazione libera con i tavoli gratuiti per tutti e come sempre e precede il Raduno vero e proprio. Il tema di quest’anno sarà per la scala 1/24 Dream cars (o Mostri) e per l’1/32 le Monoposto.
Lo spirito di questo Meeting è di raggruppare modelli slot racing in scala 1/24 e 1/32 il più fedeli possibile all’originale. Gli scrath build possono partecipare con una penalizzazione.
Il Meeting è suddiviso in due parti: il Concorso di presentazione (con votazione dei modelli da parte di tutti i partecipanti) e la gara. La classifica del Concorso prevede un punteggio doppio rispetto alla gara.

-REGOLAMENTO SPORTIVO

1. Ogni concorrente potrà presentare un solo modello per ogni categoria (1/24 e 1/32)
2. I modelli presentati dovranno essere riproduzioni fedeli di modelli costruiti prima del 31/12/1972.
3. Ogni concorrente dovrà presentare alla Direzione i propri modelli entro le ore 10 per l’iscrizione. La quota di iscrizione è di € 10 a pilota.
4. Verrà dato ad ogni concorrente un modulo per la votazione dei modelli partecipanti (concorso di presentazione). Non si potrà votare il proprio modello.
5. Il voto sarà da 1 a 10. Per ogni concorrente saranno annullati il voto più alto e quello più basso (gli estremi).
6. Dalla somma di tutti i voti validi si otterrà la classifica del Concorso di presentazione.
7. Il punteggio del Concorso sarà il seguente: al 1° 40 punti, al 2° 32, al 3° 28, al 4° 26, al 5° 24, al 6° 22 al 7° 20, all’8° 18, al 9° 16, etc. fino al 16° che avrà 2 punti. Dal 17° in poi 1 punto.
8. A seguire si svolgeranno le gare 1/32 e 1/24 con durata di 3’ a manche.
9. Le batterie saranno formate a discrezione della Direzione in base alle prestazioni dei modelli.
10. Alla classifica finale della gara verrà attribuito un punteggio inferiore rispetto al concorso vale a dire: al 1° 25 punti, al 2° 20, al 3° 17, al 4° 15, al 5° 14, al 6° 13 e via di seguito.
11. Dalla somma delle due classifiche (Concorso + Gara) dedotti eventuali punti di penalità si otterrà il vincitore del Meeting.

REGOLAMENTO TECNICO

-A. Lo spirito del Meeting è quello di avere modelli il più fedeli possibili all’originale con telaio, carrozzeria e tipo di motore* della stessa Marca. Pertanto i modelli non conformi potranno partecipare ma dovranno detrarre alcuni punti di penalità dal totale dei punti finali.
-B. Tutte le gomme dovranno essere di colore nero. E’ consentito l’uso di gomme repro. E’ vietato l’uso del mou sia sulle gomme che sulla pista.
-C. Tutti i magneti sul telaio sono vietati. E’ consentito appesantire il modello con piombo fissato all’interno del modello.
-D. E’ consentito abbassare la carrozzeria per rendere il modello più realistico modificandone gli attacchi. La carrozzeria non si potrà comunque tagliare o limare.
-D. Le penalità previste sono le seguenti.
Telaio/carrozzeria di marche diverse – 8 punti
Motore di tipo diverso dall’originale* – 3 punti
Carrozzeria termoformata (anche se originale) – 3 punti
Telaio modificato (saldature o alleggerimenti) – 5 punti
Scrath (parti di marche diverse o autocostruiti) -10 punti

* per tipo motore si intende il D16 o 100 o il 110 o il D26 etc.

8 commenti su “16. Meeting Internazionale Vintage – Torino 7/8 Maggio 2005

  1. devo fare un paio di appunti al regolamento:
    1) gomme di colore nero: all’epoca non erano la regola, anzi, per la Mini Can-Am praticamente non esistevano gomme nere (erano rosse, verdi, azzurre, arancio o grigie) ed anche gli altri modelli variavano di colore, sopratutto tra grigio-bianco ed arancione. Perché vietarle?
    2) carrozzerie termoformate (vac): difficile se non impossibile trovare un “mostro” in plastica rigida (injection), specie in 1/24. Perché penalizzarle?
    3) va bene ammettere anche tutti i modelli riproducenti, ma saranno fuori tema e dovrebbero quindi essere fuori classifica, oppure potranno vincere lo stesso il concorso (come è già capitato)?

    • Gli appunti di Lucio sono corretti per la categoria 1/24, quindi le gomme potranno essere di qualsiasi colore e le carrozzerie termoformate non saranno penalizzate.
      Inoltre chi correrà con modelli riproducenti vetture Sport o GT essendo fuori tema, sarà penalizzato di 10 punti.

  2. Forse,impegni di lavoro permettendo,verrò a Torino per il meeting a maggio. Posseggo ancora diverse auto (Cox,Unicar,Mini A,Mini B, C e Mini Can Am) perfettamente
    funzionanti e cassette piene di ricambi che ho custodito gelosamente dagli anni 60.Ora che dopo 30 anni di pausa ho ripreso in mano lo slot a pieno ritmo sia plastica che metallo,volevo gentilmente un chiarimento sul regolamento tecnico:tutte le carrozzerie Mini Can Am in mio possesso sono tagliate con un foro sopra il pick up per permettere l’alloggiamento di un pesetto che aveva la funzione di evitare il decollo dell’auto,inoltre per abbassare la carrozza la parte posteriore (spoiler) veniva rialzata e fissata con della colla bicomponente. Tutto questo che penalità comporterà?
    Sottolineo che con queste modifiche ho corso regolarmente alla fine degli anni 60 nel Triveneto dove risiedo ma anche a Rimini.Roma e perfino a Monaco di Baviera senza nessun appunto delle commissioni tecniche.
    Ringraziando,spero di incontrarvi presto.
    Marco B. Verona
    p.s. Se vengo, nell’1/32 porto una Vanwall del 1959 Triang(non si chiamava ancora Scalextric) a mio avviso una delle più belle slot di tutti i tempi.
    Salutoni

    • altri tempi, altre regole: però da noi si distingueva tra “prototipi” e “scatole di montaggio” cioè di serie: in questa categoria uno fu squalificato perchè aveva aperto i “fori” della carrozzeria sopra il motore del Mini Can-Am

      • In effetti hai ragione Lucio,le mie auto erano prototipi e non potevo correre con la categoria auto di serie,che inoltre dovevano avere motore D16 o D26 di serie.Grazie della precisazione.

    • Siccome i mostri si chiamavano così anche per il fatto di essere mostruosamente tagliati, puoi tranquillamente partecipare con i tuoi modelli “alleggeriti” nella carrozzeria. Ricorda però che la pista non è una Blue King ma una casalinga Carrera 1/24 quindi … la potenza non è niente senza il controllo.

      • Grazie a Franco Uliana per le precisazioni.Se ho ben interpretato quanto ci siamo scritti in privato, il giudizio “estetico” sarà a discrezione di ogni singolo partecipante, cioè qualcuno potrebbe valutare di più un “mostro” 100\% originale e magari mai usato anzichè un “prototipo” elaborato ad arte (che magari ha colto qualche successo all’epoca), qualcun altro invece potrebbe pensare l’esatto contrario: sarà un confronto interessante.
        Vi ricordo che qualche foto dei meeting precedenti le trovate sul sito del Gruppo Modellistico Triestino

I commenti per questo articolo sono chiusi.