Come ti preparo un DTM Ninco

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Come molti sapranno, da test di fine 2003 ed inizio 2004, si era trovata la soluzione a livello Ansi (e non) per equiparare il BMW con rapporto 10/30 ai modelli con trasmissione in linea e rapporto “agevolato” 10/27, che consente di sfruttare decisamente meglio il motore NC2: in particolare, sulla ns. pista era stato testato un CLK ed un BMW correttamente piombati a parità di motore e gomme, rilevando gli stessi tempi sul giro con i rapporti sopracitati.
Perché l’Audi TT?
Gli esperti di DTM sapranno che il TT ha un passo più corto del BMW e del CLK, per cui il modello sarà certamente più “nervoso” ed impacciato nelle curve veloci (ma agile nello stretto), ma c’è un elemento che ci fa preferire l’utilizzo in assoluto: il peso della carrozzeria.
A fronte di un CLK con 28,8 grammi, un BMW con ben 31,2 grammi, il TT stacca un invidiabile (anche per i GT) 23,9 grammi, peraltro con un baricentro leggermente più in basso.
E questa differenza non è poco…..

Difetti: l’unico appunto che dobbiamo fare è il basculaggio dell’asse anteriore, eccessivo come su tutti i Ninco (è fatto per l’utilizzo “di scatola” del modello); per il resto ci troviamo un modello che già con i pezzi originali andrebbe già bene.

La carrozzeria ed il telaio nascono, quantomeno nel ns. caso, liberi di basculare, evitandoci i piccoli lavori di smussatura degli spigoli, comunque ammesse dai regolamenti (questa volta ho anticipato Tanuzzo !!!!!).
Addirittura manteniamo le viti originali senza utilizzare il tipo lungo, essendo il basculaggio già ottimo.
Leviamo solo il fermo anti-uscita del motore, inutile e solo fastidioso se si vuol far basculare la carrozzeria.
Leviamo la molla del pick-up, anche se da quanto provato con o senza non ci sono apprezzabili differenze, sostituiamo le dure spazzole Ninco originali con delle morbide NSR.
Pur di buona qualità e precisione (ma con carreggiata a “soli” 60 mm.), sostituiamo l’asse posteriore originale con un set composto da:
asse 3/32” Slot.it, corona 27T Slot.it, bronzine originali Ninco, approfittando del gioco che ci permetterà di “limare” un paio di decimi al giro e di beneficiare di un modello che perdonerà qualcosina in più in entrata di curva.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Leviamo l’impedenza anti-disturbo saldata in serie al motore e sostituiamo il pignone da 9 orignale con uno Slot.it da 10; per il fili lasciamo gli stessi, essendo di buona qualità.
Il motore viene fissato con del sottile nastro di carta tipo per carrozzieri , metodo semplice e valido reso obbligatorio dal poco spazio tra motore e telaio.
Sull’anteriore ci limitiamo ad abbassare non poco le gomme anteriori (quasi al limite della riconoscibilità), al fine di evitare gli impuntamenti non rari in un modello “nervosetto”, lasciando intatti asse e cerchi ben centrati.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Il piombamento, come da foto, non è “soft” e predilige il retrotreno, anche a sbalzo.

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Per ultimo, certamente non per importanza, montiamo delle già collaudate gomme Ninco (tipo quelle di scatola) su cerchio Slot.it (tipo grande), che riuscirà a stare a filo della carreggiata consentita 61 mm.
Va precisato che le gomme sono dei “palloncini ad hoc”, frutto di incollaggio solo sui bordi ed un intenso rodaggio in pista e non con olio e petrolio: tanto per dirla tutto, girano mezzo secondo in meno rispetto ad una gomma Ninco semplicemente tornita ed ammorbidita.

La prova in pista è …. la serie di gare DTM locali che questa macchina ha vinto!
Il modello è estremamente preciso e rapido in curva, con una pulizia quasi disarmante in ogni tratto del circuito, ma quando arriva al limite ti “molla” di colpo senza tanti preavvisi: su pista con molto grip è bene lasciare le gomme oliate e non pulirle/seccarle con “zippo” o petrolio, onde evitare dannosi saltellameti ed impuntamenti del posteriore.
Quello che colpisce sono i tempi sul giro: nell’ultima “apparizione” in gara, questo modello ha tranquillamente staccato sulla pista di La Spezia un comodo 11,60 senza neanche esagerare, tempo di tutto rispetto anche per i GT con il 23k…….

Un modello, quindi, semplice e relativamente economico da preparare in assetto “race”, per una categoria dove mi risulta non venga un granchè utilizzato, forse perché sensibile al tracciato della pista o forse perché sottovalutato.

Emilio

Riguardo

BICI, AUTO, MOTO E.... SLOT

63 commenti su “Come ti preparo un DTM Ninco

  1. Bella Emilio!!!!
    Queste prove fatte a fine di un intero campionato svolto sulla vostra pista, sono molto interessanti.

    Ci forniresti anche il peso totale in assetto gara della TT?

    • La bilancia non ce la fà ……….

      SCHERZO!!!

      Stasera la peso e lo comunico.

      Emilio

    • Anche io uso spesso la Tt a Napoli, ma nn sono mai andato oltre qualche secondo posto..C’è da dire che da noi c’è la M3 di D’Orazzi che è praticamente un gioiellino e che la ns. pista ha molti tornanti lunghi, poco dritto e non ha esse dove la Tt può avvantaggiarsi. Personalmete mi da + soddisfazione guidare la Tt che la M3..ma da noi la pista lenta ma con curve lunghe la penalizza un pò.
      Comunque come assetto siamo lì.
      Io nn ho però limato e-o modificato la carrozza nè usato il piombo per alzare l’assale. Vito BOFFA

      • Visto che l’argomento di questo articolo, uscendo dagli intendimenti con cui era stato lanciato, è “modifiche e piombo”, tengo a precisare che anche con i fili sopra l’asse anteriore i tempi sul giro sono gli stessi.
        Inoltre, la carrozzeria, come precisato, non è stata nè carteggiata nè allargata a caldo.

        Emilio

        • COME NO??!!!??? Ci mancheranno 3 mm per parte!!!!!!!! AHAHAHAHAH!!!! Dai Emilio……..lascia perdere.

  2. Beh, avresti potuto semplicemente dire:
    “piastrellare accuratamente tutte le zone libere del fondo del telaio con piombo dello spessore di x millimetri”.
    Chiaramente scherzo.
    Non scherzo invece quando dico che da uno della CT quei piombi messi sotto l’assale anteriore in modo che permettano ai fili di tenere l’assale sollevato non me lo sarei mai aspettato.
    Non mi dire che sono finiti li per sbaglio perchè l’assale è chiaramente a fine corsa superiore ed è rigato nella zona centrale a contatto con i fili.
    Ti ricordo che i piombi devono non devono avere nessun’altra funzione se non quella di appesantire il modello.

    Un saluto
    Cavanna Claudio

    • Ti assicuro che l’asse anteriore è libero di flottare.
      Peraltro, pur nella mia poca esperienza nazionale, mi risulta che siano in pochi a far passare i fili sopra l’asse anteriore.
      Emilio

      • Ti assicuro che la tua macchina, in un interregionale qualsiasi non passerebbe le verifiche proprio per i fili che sollevano l’assale….

        Figuriamoci ad un campionato Italiano…

        Sarà libero di flottare, ma i fili, con gli spessori di piombi che hai messo, sollevano alla grande l’assale ….
        Però poi vado sul sito Ansi è non esiste l’articolo che regolarizza i piombi….. incredibile!

        • Si è già detto che i regolamenti andrebbero riscritti, perchè molti punti sono lacunosi e lasciano alla libera interpretazione, comunque domani rimando la foto con i fili che passano ai lati o sopra e la finiamo lì, tanto la macchina va bene lo stesso.
          La presenza del piombo rispecchia il principio di masse all’interno del triangolo disegnato tra le ruote posteriori e il pick-up.
          Comunque, se vogliamo essere attenti alla legge, lo stesso fatto di far passare i fili sotto l’assale anteriore è, alla lettera, un’infrazione alla norma delle regole tecniche generali, a meno che i fili non siano fissati al telaio e non tocchino in nessuna condizione l’assale anteriore.
          Di fatto, da noi, in ambito strettamente locale, la cosa è stata ragionevolmente tollerata purchè l’asse sia in grado di flottare liberamente.

          Comunque, mi sembra che sia questo articolo che il precedente sul Classic siano più l’occasione per trovare spunti polemici che per dare un’idea ai neofiti di come mettere le mani su un modello.

          Forse è per questo che…….

          Emilio

          • ad ogni gara mi ritrovo con la macchina ferma alle verifiche perche ci sono i fili tra asse e piombo, io impuntandomi sulla questione prendo ragione spiegando che se i fili tengono l’asse sollevato solo perche riesco a dar loro una particolare curvatura e non perche sono completamente stretti tra piombo e asse , vedo la piena regolarità del modello. e visto che il regolamento dice che i fili possono passare sotto l’assale , non è necessario riempire di piombo per far comunque stare l’asse leggermente sollevato…. ed è incontestabile ! almeno con l’attuale dicitura del regolamento….

  3. Complimenti per la preparazione,quindi il regolamento Ansi prevede(come vedo)l’asportazione di parti di carrozzeria,nel caso specifico della tua Audi hai tolto il fermamotore,per
    migliorare il basculamento,in pratica e’ l’equivalente
    nella carrozzeria della BMW,di quelle due linguette
    che poggiano nell’assale posteriore,che se non limate bloccano il tutto.
    Il regolamento vedo che prevede anche l’uso di piombi,da usare come supporto,per potere sollevare i fili sotto l’assale anteriore.
    Io personalmente,avendo partecipato nel 2003 al
    C.reg.Siciliano,sono stato scippato di una vittoria nel “Dtm” perche i forellini del telaio della mia BMW
    dove passano le viti,a “qualcuno” sono sembrati piu’
    larghi degli altri(….)

    • Non è così! Almeno fino all’anno scorso “era consentita l’asportazione della linguetta ferma motore….” ma non era assolutamente consentita l’eliminazione o il semplice abbassamento delle 2 linguette che vanno ad appoggiarsi sull’assale posteriore.

      Lorenzo.

      • Francamente non ricordo se era consentito,nella Audi togliere il fermomotore,ma perche’ allora nella
        bmw era vietato limare le 2 linguette? che cambiava? e i piombi come supporto? che diceva il regolamento Ansi? ripeto,personalmente sono stato
        scippato di un primo posto,perche’ la mia Bmw aveva i buchini del telaio dove passano le viti,qualche
        millesimo di millesimo piu’ larghi degli altri,che dice il regolamento?……

        • Il regolamento, inequivocabilmente, dice che il telaio non si può modificare….. tranne le leggere smussature. Ma non l’allargamento dei fori delle viti… semplicemente.

          Il problema è che se un membro della commissione tecnica nazionale (anche se per caso, e questo è la cosa ancor più preoccupante) si mette a dire queste cose, quando neanche sul sito Ansi esiste un vero regolamento… siamo proprio alla frutta….

          • Ok,ma con leggere smussature, senza “fonare” la carrozzeria e allargare i forellini dove passsano le viti,e possibile fare basculare come si deve una bmw ninco? non prendiamoci in giro…e allora, o
            si permette il basculaggio o non lo si permette-STOP-si evitano equivoci,e furbate….e poi secondo il reg.sportivo, per i miei “forellini” larghi,mi “meritavo” al massimo un “warning”non pensi?,come
            hanno fatto in simili occasioni in’altre gare,ma lasciamo stare(….)

          • A proposito per Tanuzzo: al punto 4 comma 3° del regolamento tecnico generale si dice che le carrozzerie possono essere riverniciate, visto che sull’articolo precedente avevi questo dubbio.
            Emilio

          • E poi secondo reg. quanto deve essere il diametro
            dei forellini dove passano le viti? voglio dire:se ho la carreggiata a 62 mm.sono fuori,ok ma perche’ e’ stato definito un limite,ma nel caso dei fori no,e allora? e non potrebbero essere piu’ larghi a causa
            di usura? o che la Ninco li ha stampati un po piu’ larghi? so che e’ paranoico il mio discorso,ma anche
            quello di partenza,penso no?

          • Personalmente, ritengo sempre valido il principio del “buon senso” e del non superare la misura della ragione.
            Comunque, a meno che tu non abbia riforato i passaggi vite con una punta da 6 mm., penso che la squalifica sia stata eccessiva, al limite un “warning” sarebbe stato più equilibrato.

            Emilio

            p.s.: comunque questo articolo non era stato pubblicato per trattare di regolamenti…………

          • Il foro del telaio dove passa la vite,non puo’ essere
            allargato piu’ del diametro della testa della vite,in
            quel caso la vite non terrebbe piu’ il telaio ripeto,
            roba di millesimi di millimetro,ma per cio’ mi hanno
            tolto un primo posto,”buon senso” avrebbe dettato
            al limite di essere sanzionato con un “warning”,come si e’ sempre fatto in questi casi,
            come saggiamente hai anche tu detto,purtroppo temo che la CT della gara in questione,ignorasse
            questo termine,e questa eventualita’,ma lasciamo
            perdere….
            cmq.hai ragione,non erano i regolamenti,l’argomento del tuo articolo,e qua’ mi fermo.

      • Cofermo quello che dice Lorenzo, da sempre nel DTM è permessa l’asportazione del nasello ferma motore, ma non si possono assolutamente toccare le linguette che appoggiano sulle boccole posteriori.
        Anche senza accorciare quelle linguette, allentando la vite posteriore, la carrozzeria bascula ugualmente, se vogliamo in modo non ottimale ma lo fà.

        Un saluto a tutti
        Cavanna Claudio

        • Quindi sostieni che, allentando la sola vite posteriore,si ottiene un basculamento accettabile,senza smussare e fonare minimamente
          la carrozzeria…..a me non mi e’ mai capitato(…)

          • Io dico che non ho mai usato il Phon, ho solo smussato le bave di stampaggio presenti sul perimetro del telaio e basta.
            Quantificare un basculaggio accettabile è molto relativo, se in teoria non puoi usare il phon, non puoi eliminare le linguette e puoi solo allentare la vite post. e se vuoi anche quella ant. ti devi accontentare.
            Quindi se tutti si attenessero a queste possibilità, che sono poi le sole che il regolamento permette correremmo tutti sicuramente con prestazioni inferiori, ma comunque alla pari.
            Il problema è sempre e solamente uno, le CT presenti alle gare vuoi perchè piloti, vuoi per non alterare il quieto vivere comune chiudono un occhio ed a volte anche due e si creano dei precedenti che poi diventano la normalità delle cose.

            Ciao
            Cavanna Claudio

          • “se tutti si attenessero a queste possibilita’….”pura utopia,e allora (parliamo sempre di “dtm”)si vietano
            le carrozze basculanti,e il caso e’ risolto,(almeno per questa parte di regolamento)”prestazioni inferiori,ma comunque alla pari”,ne convieni?

          • noi al centro non abbiamo piu certi problemi…. la mia carrozzeria è stata verificata anche per ore… misurando spessori , larghezza passaruota ed altezza dei pernetti portaviti…. è vero che si va per le lunghe , ma da quando c’è DALMONTE alle verifiche i furboni se la prendono in tasca …….. io per primo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • il regolamento non prevede l’uso di piombi che abbiano al funzione diverse dal solo appesantire il modello…..

      Certo è che se queste sono le premesse della commissione tecnina nazionale, a Soragna per il Campionato ci facciamo quattro risate…..

      • Infatti qui in Sicilia chi ha “bloccato” l’assale anteriore con piombi e filo è stato squalificato proprio per questo motivo (uso del piombo per funzioni diverse dall’appesantire il modello).
        Stando hai “sentito dire” (riferito da fonte comunque piu’ che attendibile) in sede di Campionato Italiano modelli che in Sicilia non avrebbero passato le verifiche sono stati ammessi tranquillamente proprio per la lacunosità del regolamento, mi sa che effettivamente ci faremo quattro risate…

        • FARVI QUATTRO RISATE?????
          E’ proprio un bel modo di affrontare con passione e sportività l’appuntamento nazionale di tutti gli slottisti!!!!
          Uno che viene ad una manifestazione del genere con lo spirito di andare a vedere come la commissione tecnica fa le verifiche per farsi quattro risate……. MAH ?????
          Non è che TANTO TANTO si sia perso il senso della misura?
          Scrivere su Italiaslot tanto per rovinare quello che fanno gli altri, andare ai CI per rompere le palle agli STRAPAGATI E PROFESSIONISTI commissari (è noto, vero, che ci guadagnano, giusto????), ma, mi viene un dubbio……
          MA SIETE SLOTTISTI ????????

          Emilio

          • L’importante è esserci per divertirsi, correre competere con regole “chiare” per tutti.
            Per quanto mi riguarda il regolamento dello scorso anno, come dimostrano tutti questi interventi, era parecchio interpretabile.
            Non voglio denigrare nessuno e sottovalutare i problemi, mi auguro soltanto che sia fatta chiarezza.

  4. Complimenti Emilio come al solito esaustivo !!!
    Essendo un neofita dei regolamenti non ho capito come mai ci sono tante levate di scudi sui fili sotto l’assale anteriore e i piombi che supportano le ruote etc quando poi ci sono i motori fatti girare nella zuppa di pesce che riescono a trasportare 7/8 lastre di piombo, le gomme trattate con la marmellata di castagne che se le tocchi non riesci a staccarle. A proposito ai prox campionati italiani posso portarmi la colla di pesce ?
    Paul

    • GRANDISSIMO!!!!!!!
      Vedo che hai capito quando si parla di “spirito” dei regolamenti.
      Come premio, dato che il 5/7 finiamo l’attività locale, ti prometto che vengo a Genova e ti regalo un bel kit….. PIOMBI E FILO!!!!!!

      Emilio

    • Le “levate di scudi” sono leggittime,in quanto l’uso
      del piombo come “supporto” e’ vietato,per il resto:”zuppe di pesce”ecc… il reg.non lo vieta,quindi…cmq per quanto mi riguarda,non ho
      mai perso molto tempo in queste cose,non so a chi
      ti riferisci.

      • Guarda che, piuttosto, sono i fili a fare da supporto, non il piombo.
        Proporrei alle CT di tutta Italia di vietare il passaggio dei fili sotto l’asse anteriore.
        Certo, sono questi i punti importanti da tenere sotto controllo, non altri.

        Emilio

        • Si,ma con il supporto del piombo alzano come si deve l’assale,e non e’ cosa da poco.
          Alla tua proposta per la CT aggiungerei,che le
          carrozze devono essere bene avvitate al telaio
          con viti originali,che insieme alle gomme e ai
          motori a sorteggio,eviterebbero discussioni inutili,e
          prestazioni molto simili,non pensi?

          • Sono d’accordo, ma la cosa fu già proposta e la maggioranza espresse dubbi perchè la prestazione e la facilità di guida (inserimento di curva più che altro) sarebbe stata troppo penalizzata.

            Emilio

          • La penalizzazione sarebbe per tutti uguali,e’ chiaro
            che le prestazioni diminuirebbero,ma ne varrebbe la
            pena,e poi (se sbaglio correggimi) in Spagna mi sembra che lo fanno,e non sono gli ultimi arrivati
            nello slot.

          • Guarda che, piuttosto, sono i fili a fare da supporto, non il piombo.
            Proporrei alle CT di tutta Italia di vietare il passaggio dei fili sotto l’asse anteriore.
            Certo, sono questi i punti importanti da tenere sotto controllo, non altri.

            Emilio

          • Hai ragione, sono proprio un cretino!!!
            Solo un cretino si metterebbe a scrivere degli articoli di come mettere le mani sulle macchinine!!!!
            E solo un cretino gli verrebbe in mente di dare una mano all’Ansi, soprattutto se neanche all’altezza di poterlo fare!!!!

            Emilio

          • No Emilio, non intendevo offenderti il tuo messaggio per la preparazione della macchina è lodevole però non puoi contiane a sostenere che non sono i pesi che fanno da supporto ma bensì i fili, allora diciamo che è ammesso che i fili possano passare sotto l’assale quello che non è ammesso che sotto i fili ci siano dei piombi che li rialzino al fine di di farli sfegare contro l’assale diminuendone l’oscillazione.

            Ciao walter

          • Ero tentato di rimandare una foto con i fili che passano ai lati e non al centro dove ci sono i piombi, poi mi è scappata la voglia perchè ho già perso troppo tempo.
            Anche in quella posizione, vai tranquillo che se vuoi l’asse anteriore lo alzi.

            Emilio

      • Il mio era un discorso in generale…Mi sembra comunque che alcune cose particolarmente ecclatanti che stravolgono completamente l’auto non vengono contemplate dal regolamento. L’es più ecclatante è il trattamento delle gomme che addirittura vengono aumentate di diametro gonfiandole con prodotti chimici fino al 20/30\% che oltre a cambiare la consitenza della gomma aumentando tantissimo il grip stravolgono anche la filosofia del rapporto corona pignone che dovrebbe essere fisso. Questo mi sembra che vada a impattare sulle prestazioni molto più dei fili sotto l’asse anteriore anche se come giustamente dici sono vietati dal reg.
        paul

        • Hai perfettamente ragione….. l’anno scorso alla fine del campionato, lettera del presidente ansi alla mano e pubblica, il coro degli slottisti reclamava gomme uguali per tutti date poco prima della gara… c’è stato qualche produttore che addirittura aveva offerto la sua volontà ed esperienza a fornire gomme INCOLLATE ai cerchi tornite tutte allo stesso diametro e con cerchi piccoli o grandi… insomma come li volevi…. Tu hai saputo qualcosa?
          Ma la sai l’ultima … NO! non te la posso dire…. diventerei distruttivo.

          • Aggiungerei:per le sole “Dtm” e “Fly classic”,carrozze fisse con viti originali,solo per le
            “Fly classic” un peso di 5g. fornito dall’org. da posizionare anteriormente.

  5. Tagliamo la testa al toro in modo tale che non ci siano equivoci e false “interpretazioni”.

    1) IO VENGO AL CAMPIONATO ITALIANO NON PER DIVERTIRMI CON QUATTRO AMICI…. MA SEMPLICEMENTE PER DISPUTARE UNA COMPETIZIONE … CHE SIA POI DI SLOT E’ UN’ALTRO ARGOMENTO. SIA CHIARO! Se voglio passare una serata o un week end di divertimento slottistico vado al Milano Trophy, al campionato Tecnoslot produzione e via dicendo.
    Poi se incontro amici veri al CI, meglio, così passerò anche qualche momento di rilassamento…

    2) MI PIACEREBBE CHE IL RITORNELLO CHE CHI CRITICA DISTRUGGE SIA BANDITO DAL “VOSTRO” MODO DI INTERPRETARE LE CRITICHE. Quando arrivano le critiche dovreste, al posto di tirare su la cresta, analizzare bene il senso della critica e poi, se si intravedono gli spazi, aggiustare la mira. LA MIA IRONIA SPESSO MOLTO DIRETTA DA’ UNA IMPRESSIONE DI DISFATTISMO, MA DIETRO, PER I PIù ATTENTI, C’E’ SPESSO UNA VERITA’: MANCANZA DI CHIAREZZA!

    3) Caro Emilio, la dimostrazione dei piombi che sostengono i fili ed alzano l’assale, ma che possono passare sotto, E’ LA DIMOSTRAZIONE CHE NESSUN REGOLAMENTO TECNICO DEBBA DARE ADITO AD INTERPRETAZIONE. L’Italiano lo conosciamo tutti.

    4) Per dimostrare la mia buona volontà, sono disposto, vista l’esperienza passata in una commissione tecnica molto attenta appunto quella Nord, … dicevo SONO DISPOSTO A REDIGERE TUTTO IL REGOLAMENTO TECNICO IN UNA FORMA CHE NON DIA PIU’ ADITO AD INTERPRETAZIONI.
    Non sono un legale, ma visto che ne ho scritti anche per veri sport e per competizioni mondiali, metto a vostra disposizione questa mia esperienza. Fate voi.

    5) Vi ricordo che ad oggi non si conoscono ancora le date della gara, non si ha un regolamento chiaro, e non si hanno indicazioni di massima su tutto il campionato. Tranne il tracciato della pista.

    IL PROSSIMO CHE DICE CHE LE CRITICHE SONO DISTRUTTIVE GLI DIMOSTRO PUBBLICAMENTE CHE SI SBAGLIA ALLA GRANDE.

    Tanuzzo forever

  6. TAGIAMO LA TESTA AL TORO PARTE SECONDA.

    Leggendo tutto questo mi è venuto in mente come preparo io un modello, penso di non avere mai letto, in vita mia, un regolamento tecnico per intero, ho sempre e solo usato il “BUON SENSO”.

    Risultato?

    Zero squalifiche e zero contestazioni.

    Lorenzo.

    • BEATO TE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      io anche se apro una macchina SIGILLATA rischio una squalifica !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
      …………non ci credi ??????????????????

  7. Caro Emilio, il tuo sforzo è lodevole , nel fatto che un neofita che vuole vedere che cos’è in dtm pesato clicca e almeno si fà un’idea di quello che vuol dire preparare un dtm pronto gara.
    Non importa se i fili passano sopra o sotto non importa se ha nc1 -2-3-5 non conta se è un ferro da stiro tanto è pesante.
    Qs sono tutti dettagli che solo e soltanto dopo un nuovo entrato in questo mondo si porrebbe come problema e quindi secondo me non è nemmeno giusto menzionare, in quanto solo gli addetti ai lavori si rendono conto se il filo o meno sopra o sotto dà vantaggi o meno.Quello che conta invece è dargli un’idea di base di cosa vuol dire pesare un’auto o mettere la corona da 27 o il pignone da 10.
    Emilio hai fatto benissimo sei uno dei pochi che ha centrato l’obbiettivo .
    Io ti faccio i complimenti e se puoi o vuoi fanne altri di qs articoli in tanti ti diranno grazie.
    Antonio Avanzini
    AS slot club Soragna.

    • Daccordissimo,cmq mi sembra “fisiologico” che da
      un’articolo del genere,ne scaturisca una discussione
      inerente ai regolamenti,dalle regole e dalle cattive
      interpretazioni di esse(in buona o cattiva fede che
      siano…)dipendono ore e nottate, a provare e riprovare per ottenere il miglior risultato,e poi
      magari ti squalificano per un’inezia(anche per meno
      di quei fili che passano sotto l’assale),e tutto va in
      fumo…prevaricazione? o che altro? per questo motivo le discussioni sui reg.sono cosi’ accese,e’
      inevitabile.

      • Fisiologico?
        Mi dispiace tanto che tu sia stato squalificato; noterai che una delle novità più recente è fare le verifiche prima e non dopo la gara, al fine di evitare le squalifiche.
        Ma lo spirito dell’articolo non è trattare dei regolamenti.
        Emilio

        • Mi sembra un’ottima idea,il problema e’ che prima di squalificare di “netto” qalcuno,bisognerebbe sentire le sue ragioni,e dopo di cio’ decidere se e’ il
          caso della squalifica o del “warning”,leggendo le
          cronache delle gare del nord questo si riscontra,
          diversamente qua’ al sud e’ totalmente assente,a
          causa di questo e di “altri” problemi,le gare qui’ al
          sud sono poche frequentate,mentre da voi la
          partecipazione e’ molto piu’ vasta,questo e’ un dato
          di fatto ineccepibile.
          Cmq scusami ma non parlero’ piu’ di regolamenti,
          come dici giustamente tu,non e’ lo spirito dell’articolo.

          AAldo”The fast snails”-Pa-

    • A spezia comunque saranno rimasti senza piombo gli idraulici!!!! ah ah ah enrico sp bastonalo per favore !!!!

  8. Beh, poco da dire, un articolo davvero encomiabile, Enrico sei tra i pochi che sono disponibili a condividere i piccoli grandi segreti di preparazione con la massa degli utenti! (compresi i “casalinghi o quasi” come me)

    Ciao, MarcoC

  9. Sono riuscito a pesare la macchina e supera di poco i 130 grammi.
    Le dirette concorrenti preparate al meglio per la ns. pista BMW e CLK pesano più o meno uguali.
    La spiegazione di così alti valori è nelle gomme usate particolarmente gonfie e dal tipo di fondo, che con meno peso farebbe saltellare non poco il modello.
    Emilio

I commenti per questo articolo sono chiusi.