La guida Martinez: 3 – Garden Sport

Via la precedente struttura provvisoria che già dall’anno scorso ospitava la pista su cui si è disputata la sesta edizione del trofeo Automobilina, e spazio ad una nuova struttura permanente, appositamente realizzata, ove lo slot condivide, in serate differenti, uno spazio (considerevole) con la pay-tv per gli eventi sportivi in diretta.
La pista a quattro corsie Polistil, quando la tradizione è sinonimo di qualità, impegna i piloti in un tracciato misto (neanche troppo) di una trentina di metri con un tortuoso saliscendi che si svolge intorno ad un laghetto (mica tanto piccolino, saranno diversi metri quadrati di superficie) circondato da una folta pineta in una alternanza tipicamente siculo-etneo di prati verdi e roccia lavica.
L’alimentazione è a trasformatori indipendenti e l’organizzazione è già un meccanismo perfetto: l’esuberante inesperienza di un neofita ha portato, proprio pochi minuti prima della gara, a bruciare due dei quattro alimentatori. Nessun problema, senza battere ciglio l’organizzatissimo padrone di casa Nicosia ha sostituito e ripristinato il tutto prima che io stesso abbia avuto il tempo di capire esattamente l’accaduto.
Per i box c’è spazio a volontà tanto è vero che non si nasconde l’ambizione di ingrandire ancora più la pista.
Il bar non l’ho visitato (ero impegnatissimo ad imparare la pista, in gara infatti sono arrivato quarto) ma me ne dicono un gran bene.
Insomma non solo per i catanesi, quasi tutti già coinvolti almeno come rappresentanti dei vari club (erano presenti alla gara slottisti dell’A.S.C., dell’Ayrton Senna Club, del Catania Slot, dello stesso Garden Sport e, ovviamente dello Slot Palace) e non solo per i siciliani che forse disputeranno qui alcune prove del campionato regionale (e se non lo faranno sarà uno scandalo), ma soprattutto per chi si trovasse in Sicilia in vacanza e volesse concedersi una scappatella slottistica senza per questo voler condannare la parte non slottante della famiglia ad una giornata di noia assurda, qui ad un passo dal mare trova tiro con l’arco, tennis, calcetto, giochi al chiuso (biliardo e non so cos’altro) bar, servizi, docce, etc., in una struttura tuttora in costante espansione.
La cronaca della gara la trovate (come sempre) nel forum dell’Associazione Slottisti Catanesi a cura di Salvo Toscano (attualmente il numero uno dei reportage slottistici nella rete) e magari a quest’ora l’avrete già letta.
Visti i precedenti imbarazzanti del mio flash non ho voluto cimentarmi in imprese che, data la volumetria dell’ambiente e la tenue luce dei neon, sarebbero state fotograficamente fuori dalla mia portata. Sono in attesa di immagini professionali da fonte sicura che, spero di mostrarvele al più presto, dovrebbero soddisfare tutte le vostre curiosità.
L’indirizzo esatto: Garden Sport, via Oliva S. Mauro 16, Ficarazzi – Acicastello (CT).
Il recapito telefonico: 068-3112537.
Le prossime gare in calendario (a meno di cambiamenti improvvisi): giovedì 8 aprile p.v. – Formula 1 SCX (assolutamente di serie); giovedì 6 maggio p.v. – Sport Prototipi (vuol dire GT A.N.S.I. ma senza pesi, come in Spagna).
La pista (mi ripeto) è proprio molto bella e varrebbe la pena di correrci più spesso (chissà che si riesca).
Se andate a trovarli e vi sentite particolarmente coraggiosi dite pure che vi mando io; se avete fortuna non vi tratteranno male.
Anche per stavolta è tutto,
bacini & rock’n’roll.

Riguardo

Slot racing

3 commenti su “La guida Martinez: 3 – Garden Sport

I commenti per questo articolo sono chiusi.