Campionato Regionale Sicilia – Quarta prova GT Open

Alla prima batteria prendono parte Martinez, Guarnaccia, Battiato, Ricca, i fratelli Sabella e Paolo Amodeo in batteria “round robin” (ad ogni cambio corsia il concorrente che dovrebbe andare nella corsia rossa esce ed entra il pilota in attesa).
Nelle prima manche, Battiato e Ricca prendono subito il largo, a loro si accodano Guarnaccia, con un modello in mancanza di messa a punto, e Paolo Amodeo. Per le altre posizioni Martinez ha la meglio sui fratelli Sabella.
Con lo scambio di corsie Battiato e Paolo Amodeo si contendono la testa della corsa mentre Ricca regola Guarnaccia.
A partire dalla quarta manche la “consistenza” nella guida e la maggiore conoscenza della pista fanno sì che Battiato conquisti indisturbato la testa della corsa, mentre c’è battaglia fra Paolo Amodeo e Ricca per la seconda posizione.
Posizioni congelate per gli altri, con i fratelli Sabella a settori per la conquista della maglia nera.
Nella manche conclusiva Paolo Amodeo subisce la corsia bianca quando nel frattempo Ricca si esibisce sull’ interna gialla questo fa sì che a fine batteria la classifica sia:
Battiato 170 giri; Ricca 168; Amodeo P. 167; Guarnaccia 164; Martinez 157; Sabella Giov. 155 / 52 settori; Sabella Gasp. 155 / 39 settori.
Alla seconda batteria prendono parte Fabio Amodeo, Motta, Filippo Daniele, Sparatore, Alcamisi, Augello.
Nel corso della prima manche il gruppo rimane sostanzialmente compatto, l’unico che è attardato rispetto agli altri è Filippo Daniele. Nel corso della seconda manche Sparatore prende un piccolo vantaggio su Motta, seguono Fabio Amodeo ed Alcamisi fra loro molto vicini, più staccati Augello e Filippo Daniele.
Nelle manche a seguire Motta duella con Sparatore per la testa della batteria, mentre Fabio Amodeo e Alcamisi continuano il loro infinito duello rimanendo comunque sempre l’uno a portata dell’altro; fanno ormai gara a se Augello e Filippo Daniele.
Nel corso della sesta ed ultima manche, si deve registrare da un lato il ritiro di Alcamisi per problemi ai fili di alimentazione, dall’altro il ritmo sempre crescente di Mario Sparatore che fa conquistare un piccolo margine nei confronti di Motta. Al termine della batteria la classifica è:
Sparatore 166 giri / settore 89; Motta 166 giri / settore 66; Amodeo F. 165; Augello 157; Daniele F. 152; Alcamisi 142
La Gioia, Santagati, Mirone, Daniele S., Tarascio e Savatteri si schierano per la prima e conclusiva batteria.
Il ritmo è da subito impressionante e si intuisce da subito che la lotta per la vittoria è un affare privato fra Davide Santagati e Massimo La Gioia.
Fin dalla prima manche alla velocità di Santagati fa da contraltare la regolarità e la consistenza di La Gioia e agli altri, pur con un ritmo elevato, non rimangono le posizioni a seguire
Per dovere di cronaca è giusto ricordare che la terza posizione ha inizialmente come contendenti Salvo Daniele e Mirone, mentre inizialmente Savatteri rimane attardato per problemi ad una spazzole. Più staccato segue Tarascio.
Nel corso della quarta manche La Gioia ha qualche esitazione che consente a Santagati di acquisire un piccolo vantaggio, mentre Savatteri, risolto il problema alla spazzola recupera progressivamente lo svantaggio su Salvo Daniele e Mirone.
Nella quinta manche il distacco fra Santagati e La Gioia rimane immutato, mentre Savatteri conclude a pari giri con gli altri contendenti della terza piazza.
Nella manche conclusiva La Gioia subisce la corsia bianca consentendo a Santagati di acquisire un consistente vantaggio, nel frattempo Savatteri sfrutta al meglio la corsia blu e fa sua la terza piazza.
A fine batteria la classifica è:
Santagati 174; La Gioia 172; Savatteri 170; Mirone 169 giri / 69 settori; Daniele S. 169 / 58 settori; Tarascio 163
Viste le verifiche regolari è confermata la classifica finale che è:
Pos. Pilota Giri Set. GPV Corsia
1 Santagati 174 47 8,06 blu
2 La Gioia 172 54 8,18 gialla
3 Battiato 170 20 8,23 rossa
4 Savatteri 170 12 8,17 gialla
5 Mirone 169 69 8,28 blu
6 Daniele S. 169 58 8,24 rossa
7 Ricca 168 7 8,12 verde
8 Amodeo P. 167 42 8,30 verde
9 Sparatore 166 89 8,28 verde
10 Motta 166 68 8,39 bianca
11 Amodeo F. 165 25 8,30 rossa
12 Guarnaccia 164 53 8,45 gialla
13 Tarascio 163 58 8,62 arancio
14 Augello 157 58 8,62 arancio
15 Martinez 157 42 8,62 arancio
16 Sabella Giov. 155 52 8,62 rossa
17 Sabella Gasp. 155 39 8,61 gialla
18 Daniele F. 152 46 9,01 rossa
19 Alcamisi 142 0 8,23 gialla

Riguardo

Slot, Libri, videogiochi, viaggi

4 commenti su “Campionato Regionale Sicilia – Quarta prova GT Open

  1. Ciau a tutti gli slotters siciliani
    Mi piacerebbe sapere,se possibile, nell’ordine di arrivo i modelli delle auto
    Cheddoloreeee!!

    • Personalmente ricordo così

      1 Santagati Ferrai355
      2 La Gioia Audi R8
      3 Battiato Porsche GT3
      4 Savatteri Audi R8
      5 Mirone Audi R8
      6 Daniele S. Audi R8
      7 Ricca Audi R8
      8 Amodeo P. Audi R8
      9 Sparatore Toyota GT1
      10 Motta Audi R8
      11 Amodeo F. Audi R8
      12 Guarnaccia Ferrari 355
      13 Tarascio Audi R8
      14 Augello Ferrari 355
      15 Martinez Audi R8
      16 Sabella Giov. Ferrari 355
      17 Sabella Gasp. Toyota Gt1
      18 Daniele F. Audi R8
      19 Alcamisi Porsche GT3

      Ovviamente con il beneficio dell’inventario…

      • Grazie per la tempestivita’ della risposta, freddo come il mammo restai!
        Ciau e un salutone alla bellissima Sicilia

  2. Non so più se rimanere esterefatto o allibbito!
    E’ ancora lecito non dare conto degli eventi sportivi più rilevanti della domenica? Ci vorrebbe la pena di morte!
    Domenica si è assegnato, in prova unica, il prestigioso titolo di Campione Regionale Siciliano categoria GT per la terza età (il più importante tra i titoli in palio).
    L’ancora saldo e presente a tutti i sentimenti e quasi tutte le funzioni fisiche principali, il sottoscritto Domenico Martinez, si è imposto sul matusalemmico Filippazzu Daniele, scavando un abisso di 5 (cinque) giri di differenza sulla classifica finale.
    Il faraonico trofeo (un caffè) non è stato ancora consegnato in quanto non è stato possibile organizzare in tempo la scorta armata ed il furgone portavalori.
    Che grande giornata di sport!

    P.S.:Coraggio Filippo! in fondo sei arrivato secondo!

I commenti per questo articolo sono chiusi.