Ape Piaggio 1/32 di Squillax.

Il modello è realizzato con i materiali più disparati: metallo, cartoncino, legno e plastica.
La prima cosa che noto girando in pista, perché il modello gira e stracarico di frutta e verdura va anche forte, che i fari sono funzionanti.
All’interno dell’abitacolo, nel più classico miscuglio di sacro e profano, donne nude ed immagini sacre (‘u signiuruzzo in persona!).
Il parasole è dedicato a due figure storiche dello slot catanese, Giusi e Melo i due (unici) rivenditori degli anni ’80.
Tranquilli, sul parabrezza si vede, l’assicurazione è in regola.
Avete visto la sponda anteriore del cassone in ferro battuto?
I particolari sono da brivido: le maniglie, le frecce, il tergicristallo, i finestrini ed i deflettori.

Sul lato sinistro del cassone, come vuole la tradizione siciliana, decorazioni in arte povera ispirate alla Cavalleria rusticana.
Si nota che la ruota anteriore è sterzante solidalmente al pick-up.
Avete visto i copricerchi?

Visto posteriormente, il modello, rivela una ricchezza inaspettata di particolari, continuano le rappresentazioni iconografiche della Cavalleria; è, ovviamente, targato Catania; i paraspruzzi, nel più solido stile anni ’70, abbondano e sembrano di gomma vera (e probabilmente lo sono); le luci posteriori sono realistiche e funzionanti; il motto stampato sul tettuccio è il più classico: “invidioso crepa”, d’altra parte come potrebbero tutti i colleghi trasportatori trattenere l’invidia?

Sul lato destro, inevitabile, il dramma: cumpare Turiddu muore trafitto!
Non ce la faccio più andate avanti da soli.

Ma non posso astenermi dal presentarvi i tesori della mia terra: anguria matura e garantita, pomodori rossi come il fuoco, lumìe di Sicilia e muluneddi ‘i ciàuru!
I prezzi sono onesti ma ancora in lire, qui ci vorranno almeno altri dieci anni perché arrivi l’euro.
Le cassette sono tutte di legno e l’ombrellone, volendo, funziona.

E finalmente alziamo la gonna!
La prospettiva slottisticamente più sexy rivela il motore Polistil Super Hp, l’assale Polistil Hp ma le gomme e i cerchi SCX; le sospensioni posteriori sono indipendenti, le due molle sono autocostruite, le spazzole sono Alpha Big Mama; altro non ho riconosciuto.
Il magnete non c’è, come fa ad andare così forte?
Speriamo lo rinchiudano presto, quest’uomo ha bisogno di cure.

Riguardo

Slot racing

4 commenti su “Ape Piaggio 1/32 di Squillax.

I commenti per questo articolo sono chiusi.