09/02/2003 3 Ore Endurance Catania Slot

Buon successo per la gara inaugurale del nuovo Club Catania Slot, che ha fra i suoi soci il campione italiano 2002 categoria GT “grande serie” Davide Santagati e alcuni dei principali protagonisti del Campionato Italiano e regionale quali Felice Mirone (membro della Commissione Tecnica ANSI “plastica” per l’anno 2003), Paolo Motta e Mario Sparatore.

Negli ampi locali di ViaGrande i soci del Club hanno collocato un’imponente pista Ninco sei corsie e hanno, in corso di realizzazione, una pista in legno a quattro corsie.
Il tracciato della pista Ninco, molto guidata, ha denunciato nel corso della gara dei problemi legati al recupero dei modelli, che hanno caratterizzato l’andamento della gara.
All’invito hanno risposto i principali Club siciliani: per il Club Flavi’s di Siracusa sono presenti Filippo e Salvo Daniele, La Gioia e Basile; per il Club di Sciacca (AG) Alcamisi, Savatteri, Paolo e Fabio Amodeo; per il Club Protoslot di Isola delle Femmine (PA) Guarnaccia, Comito, Ricca e Sciascia.
A queste squadre il Club ospitante ha contrapposto la fortissima Catania 1 composta da: Santagati, Mirone, Milazzotto e Motta P.. Come Catania 2 troviamo Mangano, Sparatore, Platania, Mirone E., Squillaci
Per completare lo schieramento di partenza è schierata una terza squadra di Catania composta da Savuto, Pappalardo, Motta G., Coco, Fabroni.

Dopo la mattinata dedicata alle prove libere e alla preparazione dei modelli, alle 13 formalizzazione delle iscrizioni e parco chiuso. Ricordiamo che i regolamento prevede per questa gara l’utilizzo di modelli con trasmissione “inline” (inclusi l’Audi R8 delle Slot.it, Porsche GT1 racing della Fly e la Toyota Gt1 della Proslot) preparate secondo il regolamento ANSI Gt “grande serie” 2002. A parco chiuso vengono presente 6 Audi Slot.it equamente divise far modelli grigio argento e nero.
Dopo un rapido pranzo, dove per la felicità dell’”oriundo” Guarnaccia sono presenti le “cipolline”, alle 13,30 è data il via alla prima gara ufficiale disputata presso il Club Catania Slot.
La gara si disputerà su una durata di 3 ore, con manche di 15 minuti a corsia, e l’obbligo di 2 pit stop per la sostituzione obbligatoria di gomme e motore.
Considerando che ci sono solo sei squadre in gara viene deciso di assegnare le corsie a sorteggio.
Lo schieramento di partenza vede Siracusa sulla esterna rossa, Palermo sulla bianca, Catania 1 sulla verde, il team “Zio Lillo” di Sciacca sulla arancio, Catania 2 sulla blu e Catania 3 sulla gialla.
Catania 1 prende subito il largo sfruttando al meglio la corsia centrale e, nei primi 15 minuti, compie 67 giri sulla corsia verde (record assoluto sulla corsia), a 64 giri si ferma il contagiri per il team “Zio Lillo”(arancio) e per Catania 2 (blu). Sull’ostica esterna rossa la squadra di Siracusa, dimostrando ottime doti di guida e una buona conoscenza della pista, stacca 62 giri (record di batteria sulla corsia). A 59 giri si ferma il contagiri per la squadra di Palermo sulla corsia bianca, fanalino di coda Catania 3 sull’interna gialla con 53 giri.
Alla mezz’ora Catania 1 insiste con 67 giri sulla blu, accorcia le distanze Siracusa con 65 giri sulla verde, con un giro in meno troviamo Catania 2 sulla gialla. A pari merito con 61 giri si fermano Catania 3 sulla arancio e il team di Sciacca sulla bianca. Con 55 giri conclude la manche Palermo sull’esterna rossa.
Nella terza manche recupera Siracusa che sulla corsia blu compie 67 giri. A 64 giri si ferma il contagiri per Catania 1 sull’interna gialla e per Catania 2 sulla centrale arancio. A 59 giri si fermano Palermo sulla verde e il team “Zio Lillo” sulla rossa. Ancora una volta fanalino di coda Catania 3 con 55 giri sulla bianca.
Dopo 45 minuti la situazione è: Catania 1 198 giri, Siracusa 194 giri, Catania 2 192 giri, “Zio Lillo” 184 giri, Palermo 173 giri, Catania 3 169 giri.
Nel corso della quarta manche la squadra di Palermo procede al primo pit stop obbligatorio per il cambio gomme e, complice anche un “botta” piuttosto dura con successivo controllo del modello, si ferma a 48 giri sulla blu. I due team di testa intanto procedono appaiati con 66 giri rispettivamente sulla centrale arancio per Catania 1 e sulla interna gialla Siracusa. A 62 giri si ferma il contagiri per la squadra di Sciacca sulla centrale verde, con un giro in meno troviamo Catania 2 sulla corsia bianca. Sull’ostica esterna rossa il contagiri segna 53 giri per Catania 3.
Nella quinta manche grande prova di forza della squadra di Siracusa che sulla centrale arancio stacca 67 giri (record di batteria sulla corsia), a 63 giri sulla bianca (record di batteria sulla corsia) troviamo Catania 1. In contagiri segna un giro in meno per il team Zio Lillo sulla blu, mentre con 61 giri troviamo Catania 2 sulla rossa. Il terzo team di Catania stacca 59 giri sulla centrale verde, mentre sull’interna gialla la squadra di Palermo si ferma a 53 giri.
Per quanto attiene la classica generale Siracusa e Catania 1 sono a pari giri, seguite da Catania 2 e il team “Zio Lillo” che ha ridotto leggermente lo svantaggio. In coda inversione di posizioni fra Palermo e Catania 3.
Nella sesta manche zampata di Catania 2 che stacca 65 giri sulla corsia verde, a 62 giri si ferma il contagiri per il team “Zio Lillo” sull’interna gialla e per Siracusa sulla corsia bianca. A 59 giri ancora una doppietta: Palermo sulla centrale arancio e Catania 1 sull’esterna rossa. Per Catania 3 il contagiri segna 55 giri sulla blu.
Dopo un’ora e mezza la classifica generale è: Siracusa 389 giri; Catania 1 386 giri; Catania 2 379 giri; Zio Lillo 370 giri; Catania 3 336 giri; Palermo 333 giri.
Dopo avere ricaricato i dati sul computer si riavvia la gara.
Alla ripartenza di nuovo all’attacco Catania 1 con 66 giri sulla centrale verde, con un giro di scarto si ferma il contagiri per il team Zio Lillo sull’altra centrale arancio e per Catania 2 sulla blu.
A 60 giri sull’ostica esterna rossa troviamo la squadra di Siracusa.
La squadra di Palermo, in profonda crisi tecnica, si ferma a 49 giri sulla bianca mentre per il team Catania 3, complice un travagliato Pit stop, il contagiri segna 37 giri sull’interna gialla.
Nella seconda manche delle seconda parte di gara Catania 1 dimostra di non volere lasciare spazio agli avversari e, sulla corsia blu, stacca 68 giri (record assoluto di corsia). La squadra di Siracusa non ci sta e sfrutta al meglio la centrale verde e compie 66 giri, a 2 giri la segue Catania 2 sull’interna gialla. La terza squadra di Catania si ferma a 57 giri sull’arancio.
Le due squadre della Sicilia occidentale si fermano tutte e due al pit stop e concludono, rispettivamente, il team “Zio Lillo” a 47 giri sulla bianca e a 38 giri sulla rossa la squadra di Palermo.
Dopo 2 ore di gara torna in testa Catania 1 che sopravanza Siracusa di 5 giri, per le posizioni successive, al di là dei distacchi non cambia nulla.
Nella terza manche della seconda parte di gara prova d’orgoglio di Catania 2, che sfrutta al meglio la centrale arancio, con 67 giri (record di batteria di corsia); con un giro di distacco si ferma il contagiri per Catania 1 sull’interna gialla.
Per Catania 3 il contagiri segna 58 giri sulla bianca, mentre Siracusa, impegnata nel primo pit stop stacca 53 giri sulla blu. Il team Zio Lillo si ferma ancora al pit stop e sulla rossa compie 50 giri.
Per la squadra di Palermo invece da questa manche comincia il calvario e, complici diverse soste per cercare di ovviare ai problemi, si ferma a soli 37 giri sulla verde.
Da questo momento le squadre che non hanno fatto i pit stop saranno impegnate negli stop obbligatori previsti dal regolamento.
Nella manche successiva buona prova di Siracusa: per loro il contagiri segna 65 giri sulla arancio. Con 2 giri di distacco troviamo Catania 1 sulla arancio (pit stop) e Catania 2 sulla bianca, mentre a 61 giri si ferma il team “Zio Lillo” sulla verde.
50 giri sulla blu segna il contagiri per la squadra di Palermo, che continua ormai senza nessuna velleità di classifica, con tre giri di distacco troviamo Catania 3 sull’ostica esterna rossa.
Ad una manche dalla fine Siracusa insiste e per loro il contagiri segna 64 giri sulla centrale arancio. Con 58 giri la seguono Catania 3 sulla verde e il team di Sciacca sulla blu.
Il team Catania 1 sostituisce il motore e per loro il contagiri segna 54 giri sulla bianca. Con 2 giri di distacco si ferma la squadra di Palermo sull’interna gialla mentre Catania 2, complici i pit stop obbligatori sulla rossa si ferma a 39 giri.
Nell’ultima manche svetta ancora una volta Catania 2 sulla centrale verde compie 65 giri, con 2 giri di distacco troviamo Siracusa sulla bianca, Catania 1 sull’esterna rossa e il team “Zio Lillo” sull’interna gialla. Palermo sulla centrale arancio si ferma a 54 giri, con 2 giri di distacco conclude la sua gara Catania 3 sulla corsia blu.
La classifica finale è:
Catania 1 766,62
Siracusa 760,129
Catania 2 742,20
Zio Lillo 714,128
Catania 3 643,82
Palermo 613,105

La classifica finale, di fatto immutata dopo la prima metà della seconda parte di gara, ha dimostrato che per le prime tre squadre, oltre le indubbie capacità di guida, quello che ha fatto la differenza è stato da un lato la maggiore cura nella preparazione dei modelli, dall’altro la migliore conoscenza della pista.
Per quanto riguarda “gli altri”, sono sicuramente da rimarcare il quarto posto della squadra di Sciacca e la buona volontà di Catania 3 (squadra estemporanea che si è formato a pochi minuti dal via).
Sfortunata la prova della squadra di Palermo, con un modello carente in fatto di preparazione e con un pilota “zavorina” in squadra, che comunque ha ritenuto opportuno onorare l’invito del neonato (e fortissimo) club di Catania.

Personalmente voglio ringraziare Paolo “vincemott” Motta, Felice “comeilvento” Mirone, Luca Mangano, Davide Santagati, Mario Sparatore, Filippo Milazzotto e tutti gli altri amici del Club Catania Slot per la splendida ospitalità e per la fiducia per avere lasciato a me l’onore e l’onere di scrivere questo resoconto.

Riguardo

Slot, Libri, videogiochi, viaggi

6 commenti su “09/02/2003 3 Ore Endurance Catania Slot

  1. ¿Pero por qué, Sr. Salvatore Daniel ha llevado con si ese hombre lento de su padre Filippo?

  2. Mas por que, o Sr. Salvatore Daniele carregou com se esse homem lento de seu pai Filippo?

  3. Mais pourquoi, M. Salvatore Daniele a-t-il porté avec si cet homme lent de son père Filippo?

  4. Aber warum, hat Herr Salvatore Daniele mit wenn dieser langsame Mann seines Vaters Filippo getragen?

    • Ciao Mimmo,
      voglio precisare che in squadra c’ero anch’io
      ” Basile ” e ti posso dire con tutta franchezza che si Filippo puo essere un po lento ma è e rimane un ottimo passista difatti lui ha fatto solo la corsia rossa perchè era l’unico di noi che riusciva a fare tempi migliori.
      Buona vita
      Vincenzo

I commenti per questo articolo sono chiusi.