Risultati 5a prova C.I. Ansi a S. M. degli Angeli (PG)

Fly Avant:

1. Merulli – PG – 80,115
2. Campriani – AR – 78,035
3. Gasperini – AR – 78,026
4. Nardecchia – PG – 77,073
5. Monaco – NA – 77,023

Super GT:

1. Santagati – CT – 114,098
2. Merulli – PG – 114,052
3. Gasperini – AR – 113,033
4. Mirone – CT – 112,114
5. Benvenuto – TS – 112,108

Presto un resoconto completo.

Walter Merulli
Gruppo Slottistico Perugino

Riguardo

running, F1, musica, calcio

1 commento su “Risultati 5a prova C.I. Ansi a S. M. degli Angeli (PG)

  1. Si sono svolte presso la pista del Gruppo Slottistico Perugino, presso il Bar il Giardino di Santa Maria degli Angeli – Assisi, le gare valide per la Va prova di Campionato Italiano Grandi Serie, nelle categorie Fly Avant e Super GT.
    Sono giunti per l’occasione slottisti in rappresentanza di numerosi titolati club, tra cui Arezzo, Pisa, Napoli, Catania, Trieste, Aosta e la new entry Rieti.
    La pista è stata messa a disposizione degli ospiti per lunghe sessioni di prove, per permettere anche a chi non aveva mai visto la pista di impararla e testare le proprie auto.
    Il tracciato è una Polistil 4 corsie di 39 metri di lunghezza, a prima vista un po’ tecnico, ma alla guida estremamente semplice e scorrevole; ciò premesso, tutti gli ospiti hanno avuto la possibilità di ben figurare.
    Dopo ampie prove libere, svoltesi nelle giornate di venerdì e sabato in mattinata, nel pomeriggio si è svolta la gara Fly Avant, con 28 iscritti.

    Questa la classifica Fly Avant:

    concorrente club giri/sett best lap batt.
    1. MERULLI PG 80,115 11.59831 verde I
    2. CAMPRIANI AR 78,035 11.80813 blu III
    3. GASPERINI AR 78,026 11.92127 verde I
    4. NARDECCHIA PG 77,073 11.92199 blu VI
    5. MONACO NA 77,023 11.86704 blu III
    6. SANTAGATI CT 77,022 12.07846 verde II
    7. PINCA PG 77,001 12.08156 verde V
    8. GENTILI PG 76,116 11.86398 verde VI
    9. MIRONE CT 76,111 12.12873 verde II
    10.TAVANO TS 76,108 11.92181 blu V
    11.MILAZZOTTO CT 76,085 12.12887 verde II
    12.RADICCHI PG 76,021 12.13316 verde VII
    13.ZAGO TS 75,093 11.85886 verde VI
    14.PERUZZI AR 75,020 12.25019 blu IV
    15.MARCHESE NA 74,088 12.35966 verde IV
    16.MOTTA CT 74,084 12.30101 blu II
    17.FIORAVANTI PG 74,066 12.03078 blu VII
    18.BENVENUTO TS 74,053 12.30858 blu VI
    19.GRANDE AO 74,010 12.08173 verde III
    20.GRASSI NA 73,111 12.29761 verde V
    21.SCAFUTI NA 73,086 12.40959 verde IV
    22.DEL PEZZO NA 73,021 12.46823 verde III
    23.GIUBILEI PG 72,098 12.13244 blu VII
    24.JUGLAIR AO 71,084 12.57806 verde IV
    25.SPARATORE CT 70,116 12.24248 blu V
    26.DA TOS AO 56,032 12.80105 verde VII
    27.RUDILOSSO AR 80,028 * 11.58607 blu I
    28.ROVINI F. PI 79,090 * 11.69514 verde I

    * I concorrenti Rudilosso e Rovini F. , classificatisi in pista rispettivamente secondo con 80,028 e terzo con 79,090 sono stati esclusi dalla classifica finale in seguito delle verifiche tecniche di fine gara. L’infrazione contestata è il superamento del limite massimo di rotazione (giri motore) consentito.

    Il parco chiuso si svolge con regolarità; prima della partenza Giuseppe Rudilosso chiede la parola per commemorare l’amico Franco Giannotti, slottista storico, conosciuto in Italia e nel mondo. E’ un momento toccante e alla fine del suo intervento parte spontaneamente un lungo applauso.
    La cronaca della gara vede batterie abbastanza omogenee e combattute.
    Nella settima tre piloti di casa si affrontano, insieme al debuttante aostano Da Tos, slottista novizio, a Perugia per slot e per amore.
    La batteria 7 vede prevalere con 76 giri Radicchi su Panoz Lmp dopo una sfuriata iniziale di Fioravanti, che paga la sua scarsa regolarità con quasi due giri di ritardo. Più staccato Giubilei (Lupo per gli amici), alle prese con un’auto assemblata due giorni prima della gara; Da Tos paga un incidente dopo pochi giri con conseguente perdita dell’alettone, il fissaggio di quest’ultimo lo attarda di molti giri.
    Derby inusuale Perugia-Trieste in sesta batteria, difendono i colori del club di casa Nardecchia e Gentili, gli ospiti sono Zago e Benvenuto. Dopo qualche schermaglia iniziale, Nardecchia prende il comando con passo regolare e distanzia gli avversari; Gentili è ultimo nei primi giri, ma si riprende fino a minacciare Nardecchia negli ultimi giri, Zago è veloce, fa registrare il giro veloce in 11.85 ma esce troppo spesso, Benvenuto non riesce mai a prendere il ritmo. Nardecchia e Gentili chiudono rispettivamente a 77 e 76 giri e sono momentaneamente primo e secondo sempre su Panoz Lmp
    Pinca, Tavano, Sparatore e Grassi si affrontano in quinta batteria ed ancora una volta prevale uno dei padroni di casa su Panoz lmp… Il mitico Mirko Pinca “gtoneacaso” impone la sua regolarità (incredibile ma vero) sul pur veloce Tavano, ma non riesce a scalzare dal comando Nardecchia per 72 settori… Mirko è sfortunato con i commissari di pista, la sua auto è bianca ma qualche commissario quando esce non la vede!
    Mario e Sergio pagano dazio con auto lente e ballerine e chiudono abbastanza indietro.
    La quarta batteria tradisce le attese, i piloti presenti, pur di una certa esperienza, non riescono a piazzarsi nelle posizioni di vertice.
    Peruzzi su Panoz gtr stradale sponsorizzata “Peruzzi” prevale su Claudio Marchese, ma i loro giri sono solo 75 e 74, davvero troppo pochi. Monica Scafuti e Juglair sono attardati nelle retrovie; addirittura Monica non riesce a sopravanzare il marito Sergio (come accade di solito) ed i molti la prendono in giro…
    In terza batteria si fa sul serio. Grande e Del Pezzo sono in crisi di assetto e rimangono attardati, Campriani e Monaco invece viaggiano come saette, veloci e regolari. Campriani, con una Panoz Lmp by Rudilosso, batte il giro veloce in gara che resisteva da molto e fa segnare un ottimo 11.80; Guido stupisce guidando veloce e pulito, è fenomenale se si considera che era arrivato a Perugia soltanto in mattinata! Campriani passa al comando con 78,035 giri, Monaco è di poco alle spalle di Nardecchia.
    Aria di Sicilia in seconda batteria, dal Maestrale a Comeilvento… si sfidano quattro catanesi (Santagati, Mirone, Milazzotto, Motta), veloci ed agguerriti! Se le danno di santa ragione, solo Paolo Motta Vincemott rimane un po’ attardato, gli altri concludono distanziati da meno di mezzo giro: Santagati (incredibile ma vero, su Corvette!!!) chiude a 77.22, Mirone 76.111, Milazzotto 76.085.
    In prima batteria si sfidano i 4 leader di campionato: Gasperini 65 punti, Rudilosso 65, Rovini 62, Merulli, che corre in casa, 56. Il pronostico è incerto, la gara sarà tiratissima.
    Merulli parte al comando seguito da Rovini, Rudilosso rinviene alla fine della prima manche e attacca il leader, Gasperini paga la corsia esterna con qualche uscita. Si gira in 10.70…
    Si cambiano le corsie, Merulli esce due volte, Rudilosso solo una e passa al comando, gli altri sono già indietro. In terza manche i due leader girano fissi in 10.80/10.70/10.60, Merulli spara un 10.59. Risponde Rudi in 10.58; il vantaggio di circa 6/7 metri sembra stabilizzarsi.
    Ultima manche, Merulli parte a palla di fucile, Rudi esce, i commissari non brillano in velocità e Giuseppe perde il comando. Merulli non esce più e va a vincere, fermandosi a pochi centimetri dall’ottantunesimo giro!!!
    Rudilosso e Rovini sono 2° e 3°, Gasperini finisce anche dietro Campriani.
    Poi purtroppo le verifiche tecniche estromettono Rudilosso e Rovini per giri motore superiori al limite consentito, così il podio si compone di Merulli, Campriani, Gasperini: quarto l’ottimo Nardecchia.
    Il campionato Fly Avant è quanto mai aperto: a Siracusa sarà assegnato tra Gasperini, Rudilosso, Rovini e Merulli; tutti hanno delle possibilità, ma determinante sarà il gioco degli scarti…

    La comitiva non si scioglie e vincitori e vinti, fidanzate e mogli, si ritrovano a Foligno presso l’Hotel Italia del nostro socio (e validissimo pilota, peccato abbia saltato la gara per impegni di lavoro) Paolo Pazzani, per stemperare la tensione della gara e passare qualche ora di gustoso relax.

    Domenica mattina, ore 8 e 30, Michele e Roberto sono a colazione al bar Il giardino, le auto GT sono pronte per l’ultima sessione di prove prima della gara. Arrivano anche gli altri, in tre sembrano avere una marcia in più, infatti occuperanno i tre gradini del podio…
    Giungono nuovi piloti da Arezzo, Perugia e Rieti; il club reatino è l’ultimo arrivato, ma vanta numerosi appassionati, il prossimo anno avremo modo di conoscerli meglio.

    La gara parte regolarmente, le verifiche tecniche al parco chiuso vanno per il meglio.
    In ottava batteria ci sono quattro debuttanti; Scarpelloni ha un mezzo poco performante ed è subito staccato, gli altri vanno come possono, ma manca la regolarità; prevale l’aretino Maggi con 97 giri, staccati Da Tos, Rossi e Scarpelloni.
    La settima batteria vede altri quattro debuttanti: Simeoni e Grifoni rappresentano il nuovo club affiliato al Gruppo Modellistica Reatino, che vanta già un numero di iscritti da impressionare anche i più titolati slot club italiani. Volontà ed entusiasmo non mancano, ma la scarsa esperienza li relega rispettivamente ad 87 e 84 giri.
    Viaggia meglio la risposta perugina a Jordaney, il nostro parrucchiere slottista Ivano Fringuelli, con 95 giri; vince la batteria con quasi 100 giri il nostro funambolico Giubilei, che in più di un’occasione rischia, con la sua guida irruenta e “sbandierante”, di spedire in cima alla tribuna le auto dei suoi diretti avversari.
    La sesta batteria è tutta perugina, si comincia a fare sul serio. La gara vede il rientro di una vecchia conoscenza, quel Raffaele Gentili che solo nelle prove dell’ultimora abbandona una delle sue amate Mclaren Ninco per convertirsi ad una meno intrigante, ma sicuramente più performante Porsche GT2 Proslot.
    Raffaele è veloce, ma nelle prime fasi commette molti errori e sarà costretto ad una gara in rimonta.
    Radicchi è nettamente il più veloce del lotto, ma paga qualche irruenza di troppo. Nardecchia e veloce e regolare ed approfitta delle uscite dei suoi avversari per andare al comando: 108 giri!
    Radicchi tenta il tutto per tutto negli ultimi giri, ma esce e chiude secondo davanti a Gentili e Fioravanti, quest’ultimo a 105 giri.
    La quinta batteria vede una prestazione strabiliante di Moreno Benvenuto. Il triestino parte come un forsennato e distacca subito Peruzzi e Grassi, mentre Zago tiene botta. Moreno non solo tiene un ritmi indiavolato, arrivando a girare in 10,20 su tutte le corsie, ma quello che è strabiliante è che esce solamente un paio di volte! 112 giri sono un risultato lusinghiero e molti cominciano a preoccuparsi. Michele Zago tiene alto il livello della squadra triestina e si issa al secondo posto con 110 giri, anche lui autore di una ottima performance personale. Peruzzi non ripete le ultime prestazioni che aveva ottenuto sulla pista perugina, mentre Sergio non convince… alla fine però sarà ancora suo il derby con la bella moglie Monica!
    Spettacolo in quarta batteria; Pinca e Tavano duellano come forsennati, ma entrambi pagano il conto con la jella… Roberto perde una ruota anteriore ed urla al suo meccanico di fare veloce,ma perde un paio di giri per l’intervento; Mirko si distrae ed esce, i commissari non sono delle lepri e anche lui perde tempo prezioso. I due chiudono a 109 e 106. Monica, che ha rinunciato a correre con l’auto cortesemente offerta dagli amici triestini (un muletto, ma sempre un missile), se ne pente amaramente. Le prende persino da Sergio!!! Anche il buon Sparatore non trova mai il ritmo giusto e chiude attardato.
    La terza batteria è forse la più equilibrata e comunque combattuta. Solo Juglair è attardato sin dall’inizio, non è riuscito a mettere a punto le sue auto sulla nostra pista; Ezio infatti ha approfittato della gara per fare il turista, ha seguito la gentile signora Paola a Perugia e dintorni.
    Invece Campriani, Grande e Marchese se le danno di santa ragione e chiudono nell’ordine distanziati di poco più di mezzo giro… Benvenuto e Zago rimangono in testa, finora irraggiungibili nei giri totali e nel giro più veloce.
    In seconda batteria si affrontano quattro pezzi grossi… Merulli, speronato, carambola su Mirone al primo giro, Motta e Del Pezzo si avvantaggiano. Del Pezzo ha problemi col pulsante, impreca contro la malasorte, non sta in pista e perde molti giri. Merulli sfrutta il fattore campo, è regolare ma non ultraveloce; comunque recupera terreno, passa in testa e prende quasi due giri a Mirone. Poi nel finale Merulli si disunisce, esce tre volte ma chiude comunque a 114 giri, Mirone a 112, Motta regolare è a 110. La gara di Paolo Vincemott merita una menzione: 110 giri, una sola uscita!
    In prima batteria sembra potersi decidere l’esito del campionato. Ci sono Gasperini, Santagati, Milazzotto. Assente Federico Rovini, Monaco prende il suo posto in batteria; Guido è regolare come di consueto, ma le prestazioni della sua auto non sono al top: chiuderà a 110 giri.
    Gasperini parte a palla di fucile ed alla fine della prima batteria è al comando e nel computo complessivo è ad un passo da Merulli. Inspiegabilmente in blu esce subito 2 volte e Santagati va al comando. Milazzotto per un po’ insidia Gasperini, poi perde terreno. Santagati va come un fulmine e polverizza il record sul giro con 10.04; alla fine della terza manche è in testa.
    Gasperini perde tempo con Milazzotto, il doppiaggio non è agevole… Davide guida al limite e allo scadere dei venti minuti vince a settori: 114,098 contro 114,052 su Merulli; Gasperini 113, Milazzotto 112.
    Santagati ha vinto, le verifiche tecniche non riservano sorprese. Il campionato Italiano Super GT riprende ancora una volta la strada della Sicilia… A Siracusa Gasperini ci proverà, ma l’impresa appare veramente difficile!!!

    Questa la classifica GT:

    concorrente club giri/sett best lap batt.
    1. SANTAGATI CT 114,098 10.04725 blu I
    2. MERULLI PG 114,052 10.21067 blu II
    3. GASPERINI AR 113.033 10.10935 verde I
    4. MIRONE CT 112.114 10.26506 verde II
    5. BENVENUTO TS 112.108 10.21085 blu V
    6. MILAZZOTTO CT 112.092 10.32055 rossa I
    7. MOTTA CT 110.105 10.43719 rossa II
    8. ZAGO TS 110.071 10.38229 rossa V
    9. MONACO NA 110.045 10.54708 gialla I
    10. CAMPRIANI AR 109.054 10.43701 blu III
    11. PINCA PG 109.027 10.48847 blu IV
    12. GRANDE AO 108.110 10.49207 verde III
    13. PERUZZI AR 108.092 10.48771 blu V
    14. MARCHESE NA 108.085 10.59729 gialla III
    15. NARDECCHIA PG 108.035 10.76869 rossa VI
    16. RADICCHI PG 107.083 10.48000 blu VI
    17. GENTILI PG 107.035 10.49209 blu VI
    18. GRASSI NA 106.069 10.55085 blu V
    19. TAVANO TS 106.064 10.38342 verde IV
    20. FIORAVANTI PG 105.082 10.88196 blu VI
    21. JUGLAIR AO 103.053 10.92950 blu III
    22. SCAFUTI NA 102.010 10.92917 verde IV
    23. SPARATORE CT 101.021 10.60155 rossa IV
    24. GIUBILEI PG 99.113 10.81971 blu VII
    25. DEL PEZZO NA 99.078 10.44495 blu II
    26. MAGGI AR 97.071 11.42123 verde VIII
    27. FRENGUELLI PG 95.111 11.68791 gialla VII
    28. DA TOS AO 94.011 11.41756 gialla VIII
    29. ROSSI P. AR 92.081 11.58986 verde VIII
    30. GRIFONI RI 87.021 12.35927 blu VII
    31. SIMEONI RI 84.041 12.19132 verde VII
    32. SCARPELLONI PG 84.033 12.57035 gialla VIII

    Il Gruppo Slottistico Perugino ringrazia tutti i partecipanti e dà appuntamento a tutti il prossimo anno.

    Walter Merulli
    Gruppo Slottistico Perugino

I commenti per questo articolo sono chiusi.