A Racing Sunday

Negozio con 2 circuiti slot ritenuto tra i migliori del Canada (se non il migliore, dicono qui…) .
A dire il vero ho approfittato di 2 Domeniche, la prima per “vedere l’ambiente” e la seconda in seguito ad un gentile invito a partecipare ad un paio di gare (e secondo Voi potevo dire di no?) che mi ha fatto “nientepopodimenoché” mr.Ernesto “Ernie” Mossetti, noto a chiunque abbia avuto a che fare con il mondo delle gare 1/24 “metalliche”

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Ernesto “Ernie” Mossetti grande costruttore-progettista di telai nonché più volte Direttore di Gara ai Campionati Mondiali).

Beh, iniziamo con la descrizione del posto: in un nuovo complesso commerciale a Woodbridge, nord di Toronto, con grande spazio per parcheggio, pulitissimo, due piste in legno disegnate da Ogilvie (cercate su Internet se non sapete di chi si tratta…), una ad 8 corsie usata prevalentemente per noleggio, l’altra a 6 corsie per gare e prove (e noleggio se serve…). Le trecce portacorrente sono in acciaio (magnetiche), in quanto alcune gare si svolgono con le calamite. Il fondo, grigio, è assolutamente pulito

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Particolare della pista… pulitissima!!! pulito da pappe e colle varie, e prima di gareggiare una veloce passata con uno straccio umido elimina gli eventuali detriti. Questa è la prima cosa che mi ha(piacevolmente) stupito, ma a quanto pare sia Ernie che Chris Walker (di cui riferirò in seguito) nonostante i trascorsi negli ambienti “metallari” che di colle e pappe fanno ragione di vita, ora si sono convertiti ad una diversa e più pulita (per le mani di sicuro!) ideologia.
Qui sono vietate le varie“porcherie” atte a trattare le gomme; quando l’auto viene posata sulle piste le gomme devono essere assolutamente asciutte e non lasciare detriti se non quelli del normale consumo. Si usano prevalentemente gomme in gomma uretanica (simile al tatto alle ns. siliconiche), incollate ai cerchi ed appena tornite per evitare eventuali eccentricità. Spesso è lo stesso Ernie Mossetti che si occupa della preparazione “al volo”: si comprano le gomme ed i cerchi (o si forniscono), e con un paio di dollari in più e 5 minuti di attesa ci si ritrovano le gomme preparate da Lui in persona. Ho assistito personalmente all’acquisto di un modello (non cito volutamente la marca per evitare di essere tacciato di pubblicizzare l’uno o l’altro), via le gomme di serie, due ritocchi minimi e via a girare per la gara…

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Pista ad 8 corsie prevalentemente per noleggio

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Pista a 6 corsie per gare (e noleggio)L’ambiente è, almeno per le 2 volte che ci sono stato io, molto rilassato ed amichevole, vedendomi come “nuovo” mi sono venuti a salutare ed a presentarsi ed a fare due chiacchiere quasi tutti. Altra cosa per noi inusuale i pulsanti: dei Professor Motor elettronici forniti dall’organizzazione e lasciati fissi in corsia. (tral’altro io mi ci sono trovato bene in fretta nonostante la mia conclamata riluttanza ad abbandonare il mio fidato Parma Economy modificato).

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Pronti… VIAParlando delle modalità di gara, il cambio corsia e la bollinatura delle auto sono a cura dei Piloti, che hanno un tempo pressoché fisso per effettuare leoperazioni, così non si hanno rischi di ritardi eccessivi sulle tabelle di marcia (d’altronde chi meglio di Ernie saprebbe come gestire le gare?). Larotazione è effettuata in modalità “Round Robin”,come ad esempio viene fatto alla 24h del Verbano (corsie pari “salgono”, dispari “scendono” o viceversa), così non si ha mai lo stesso avversario al fianco. Rilevamento tempi con “dead strips” ed, ovviamente PC, ma con programma che gira sotto DOS, di cui francamente non ricordo il nome. Hopartecipato a 2 gare: una con modelli classe LMP-1 ed LMP-2 (appena avrò i regolamenti magari li pubblicherò per informazione e confronto con i nostri) ed una con modelli GT, un po’ più spinti, almeno in teoria, ma con giri motore limitati a 25000…

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Schieramento (incompleto)di una batteria della gara LMP1 ed LMP2
La cosa strana è che alla gara “LMP1-2” c’erano sia Gruppi C, che GT che barchette, con netta prevalenza dei primi, probabilmente per la maggior competitività “out of the box”; alla gara GT invece predominavano i JGT anglewinder,che mi pare fossero la quasi totalità, fatta esclusione per una Mosler con tanto di luci funzionanti. Non so se a causa della pista abbastanza semplice e veloce (5,7” i più veloci mi pare), ma comunque i distacchi erano abbastanza contenuti, e ci sono state delle battaglie non indifferenti.. A fine gara l’altra sorpresa (già da un poco mi chiedevo come avrebbero fatto…): i settori non sono “segnati”, ma convenzionalmente “ci sono” ed è cura della D.D.G. attribuirli. Notevole il fatto che non ci siano state contestazioni di sorta,forse anche perché il Direttore di Gara qui a quanto pare non corre… A fine gara le prime 3 auto vengono aperte e ricontrollate, quindi lasciate al “pubblico ludibrio” in modo che chiunque possa vedere e toccare con mano i componenti usati, la disposizione dei (pochi) pesi ecc… insomma sarebbe un vero paradiso per alcuni curiosoni delle nostre parti! Notare che prima della gara vengono comunque controllate tutte le macchine.
Tornando all’ambientazione eccoalcune immagini:

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Banco vendita principale

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Le NASCAR 1/24 “Metalliche” da noleggio

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Vetrina con (anche) 1/24 Carrera
La prima volta che sono andato ho avuto la fortuna di conoscere mr. Chris Walker, stimatissimo modellista nonché ottimo pilota-preparatore;anche lui si è rivelato una persona estremamente gentile e cordiale; una vetrina centrale contiene tra le altre cose anche alcune delle sue “creature”:

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Storica: La Cucaracha di Chris Walker: perfetta!!

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Una “Thingie”,sempre di Chris Walker

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Ed una Lotus , sempre di Chris, la foto (mossa) fatta con il telefonino non gli
rende giustizia ma credetemi sulla parola, c’è da restarci a guardarla!

In conclusione, sono stato (ma questo era ovvio!) molto contento delle due Domeniche in cui ho potuto dimenticare per un po’ la lontananza da casa e le fatiche del lavoro. Non mi interessava particolarmente il risultato, comunque considerando che era la mia “prima volta”, tutto sommato non è neppure andata malaccio, quasi quasi mi metto a lavorare più piano… così ci posso tornare!!!

Ciao MarcoC

IMMAGINE NON RECUPERABILE

Riguardo

Slot, computer

I commenti per questo articolo sono chiusi.