Campionato Italiano – I protagonisti

Partirò da chi questo Campionato Italiano se lo è giocato fino in fondo con qualifiche, semifinali e finali.
Come saprete, onde evitare di tirare le 4 del mattino come gli altri anni, le semifinali e finali di tutte le categorie si sono svolte la domenica.
Dei 101 piloti della AW Ninco e 98 della Classic ne sono usciti 16 per categoria.
Le due piste erano pressoché simili, i tempi si scostavano di un paio di decimi l’una dall’altra. Più gommata la 1 e più scorrevole la 2 grazie al rettilineo del sottopassaggio completamente composto da pezzi nuovi.

AW Ninco – semifinali

In pista 1 da sinistra a destra: Motta – Arturi – Dalmonte – Addia – Campriani – Guarisco – GalaTrinchera e il Proff. Biacchi

In pista 2: Cavanna – Gasperini – Gnocchi – Piccinni – Mirone – Santagati – Merulli e Avanzini

11 Toyota – 4 Honda – 1 Nissan. In finale entreranno i primi 4 per ogni pista.
Pista 1: Galak (T) – Addia (T) – Biacchi (T) e Guarisco (H)
Piasta 2: Avanzini (T) – Santagati (H) – Mirone (T) e Merulli (T)
I distacchi fra questi piloti sono ridotti ai settori, la finale si preannuncia più dura che mai.
Pulite le spazzole e riallineate le Super GT Japan, in un religioso silenzio parte la finale che assegnerà il titolo.

Grande gara di Avanzini che pressato da Santagati

non perde la concentrazione e vince di 8 settori. A poco meno di 1 giro segue Merulli in piena rimonta.

Salto di gioia e grande soddisfazione per Antonio finalmente impegnato seriamente in questo Campionato Italiano.

Classic – semifinali

In pista 1 da sinistra a destra: Melioli – Gasperini – Cavanna – Galak – Santagati – Arturi – Elli e Dalmonte

In pista 2: Mirone – Merulli – Dapretto – Avanzini – Capriani – Biacchi – Piccinni e Segante

Quasi un monomarca Ferrari 312 Sloter, le uniche Fly sono state la Porsche 917 spider di Segante e la 908/3 di Piccinni.

In pista 1 si qualificano per la finale Melioli – Elli – Cavanna e Gasperini tutti nello stesso giro.
In pista 2 Avanzini – Dapretto – Merulli e Mirone

Che gara ragazzi!!! In testa un continuo cambio, prima Dapretto, poi Avanzini, Melioli e ancora Avanzini nell’ultimo giro.

Secondo titolo per Antonio Avanzini e un po’ di sconforto per l’inaspettato avversario Tommaso Melioli

Da 2° posto al 5° i concorrenti terminano nello stesso giro (pensate che stress).

GT – semifinali

In pista 1: Galak – Paco – Gasperini – Monaco – Motta – Mirra – Tavano – Dapretto

In pista 2: Merulli – Santagati – Melioli – Savatteri – La Rosa – Mirone – Cavanna – Biacchi

Di queste batterie purtroppo non ho foto perché ero impegnato con il Campionato Junior. Se qualche anima gentile le avesse fatte e me le vuole inviare, le pubblicherò in un prossimo articolo (giacomo@italiaslot.com).
Si qualificano Galak – Paco – Gasperini e Monaco in pista 1, mentre sulla 2: Merulli – Santagati – Melioli e Savatteri.

E chi avrebbe scommesso su Melioli? Di sicuro con nomi come Galak, Merulli, Paco o Santagati, i pronostici non erano certo a suo favore.
Ma Tommaso non si è fatto intimorire e con la sua calma da gentleman inglese li mette in fila tutti.

2° Galak a 9 settori e 3° Merulli

2° posto per Galak a solo 9 settori e 3° Merulli sempre nello stesso giro.
Ho avuto la fortuna di poter fotografare la Mosler di Melioli senza la carrozzeria ma vi lascio un po’ di suspance e la pubblicherò più avanti.

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

7 commenti su “Campionato Italiano – I protagonisti

  1. Complimenti a tutti, vincitori e vinti.
    E pensare che Antonio odia (o odiava) le GT Japan.

  2. Grandissimo Antonio e tutti ma proprio tutti!!!!
    Complimenti!!!!!
    Andrea Lucisano “Il Cavallino Sanremo”

  3. OK Giacomo,

    la “suspence” è durata anche troppo, adesso facci vedere le macchine aperte…….

    Emilio

    • Emilio,io le ho viste tutte e tre,NIENTE PESI, niente di niente,nada,nothing!…….. Ma ….mi sembra che anche tu non ne usi,quindi le tue auto sono OK.Ahahahahaha!!!!!
      Ciao
      Marco

      • Non ci sono più quelle belle macchine piombatone di una volta…..
        evidentemente… non servono più…..
        ;-I

        Emilio

I commenti per questo articolo sono chiusi.