Toyota contro Nissan AW Ninco

Prima della prova in pista diamo un’occhiata alla Nissan. Esteticamente è molto bella, le prese d’aria e le appendici aerodinamiche sono ben riprodotte e le tampografie sono di ottima qualità.

Al primo colpo d’occhio si capisce subito che è una Ninco, una via di mezzo tra modello da collezione e la praticità di un’auto slot. Alcune case ci stanno abituando a rifiniture in fotoincisione come griglie, freni a disco, inserti dei cerchioni o altri fronzoli che, per l’amor del cielo, sono molto belli ma in pista lasciano il tempo che trovano; Ninco ci mette quanto basta.

La 350 Z è 2mm più corta della Toyota ma il passo delle ruote è 81,85 mm contro i 79,6 della rivale.
Il passo slottistico (misura al PK) invece è più corto, 96 mm contro i 99 delle Toyota.
Ricapitolando abbiamo una macchina esteticamente più corta, con un passo più lungo e con il PK più vicino all’asse anteriore.

Internamente l’abitacolo è simile a quello della Honda NSX, appoggia in parte al motore evitandone l’uscita dai supporti. Ma dove ho notato dei notevoli cambiamenti è nel telaio, due alti longheroni longitudinali ne irrigidiscono la struttura correggendo il difetto di torsione che ci assillava sui primi telai Honda.

Tutte queste misure ci incuriosiscono parecchio, ma cosa vorranno dire in termini pratici? Non ci resta che andare in pista e verificare con il cronometro alla mano.

Per prima cosa ho tolto il magnete e allentato le viti della carrozzeria, girando il rumore non è dei migliori, ma prima del confronto voglio vederne il comportamento anche in configurazione “da scatola”.
Mi rendo conto che con le ruote anteriori alte, le uscite di muso saranno frequenti e staccare un tempo decente non sarà cosa facile, invece il comportamento in curva non è niente male e dopo pochi giri riesco a fermare il cronometro a 12,02. Sulla pista Ninco del Milano Slot dove ho fatto il confronto, per darvi un’idea dei tempi mi baso sull’ultima gara di AW Ninco che si è svolta pochi giorni fa, il miglior tempo nella corsia verde che utilizzo per la prova è stato di 11,681. Se andate a vedere la classifica su www.milanoslot.com, noterete che solo i primi 6 sono scesi sotto i 12”, per cui ritengo che quello ottenuto con la Nissan completamente di serie sia un’ottimo risultato.

La Toyota Supra utilizzata per il confronto è una macchina rodata e preparata per la gara di Interregionale che si svolgerà a breve su questa stessa pista, dopo ore e ore di messa a punto, ritengo che sia al top della categoria.

Bastano solo due giri per sentire il fischio del cronometro: 11,66; ne faccio ancora un centinaio per vedere la media di gara e di quanto aumenta il tempo con l’usura delle gomme. La macchina è perfetta, silenziosa e pulita nelle traiettorie, il tempo più alto è stato di 11,82 mentre di media la Toyota girava in 11,75.

A questo punto smonto completamente le due auto della prova e sulla Nissan monto assali, motore, fili, PK e viti della Toyota, gomme nuove come avevo messo all’inizio prese dalla stessa confezione e torno in pedana per altri 100 giri.

Uau!!! Tutta un’altra musica, giro di lancio e bip! 11.57. La Nissan è più agile nel misto e scoda meno, riesco a controllare meglio gli errori di guida, i longheroni del telaio svolgono a pieno il loro lavoro mantenendo la macchina piatta sulla pista, riesco ad aprire prima e i tempi mi danno ragione; 11.77 il peggiore con una media di 11,63.
Sarà che la conformazione del circuito è particolarmente adatto per questa Nissan, ma la mia impressione è che dà subito confidenza, non inganna ed è estremamente facile da guidare, decisamente una macchina adatta a chi è alle prime armi e non conosce le malizie della preparazione.
Come abbiamo visto prima, le misure sia di passo che di PK sono diverse e l’agilità si è subito notata, uniti ad un telaio che sopporta meglio le torsioni, ne è uscita una macchina che saprà dare del filo da torcere, su parecchie piste, alle rivali Honda e Toyota.

Non ci resta che aspettare la sua commercializzazione prevista per fine mese, inizialmente in due livree, azzurra Calsonic e rossa-argento Xanavi.

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

2 commenti su “Toyota contro Nissan AW Ninco

  1. grande giacomo !!!!
    come sempre prove dettagliate e ben precise …
    mi hai tenuto incollato al monitor ed ora non riesco piu’ a staccare il mio nasone……
    quando ho visto l’home page e poi ho letto le prime righe ho subito pensato ” QUESTA E’ UNA MACCHINA CHE DARA’ DEL FILO DA TORCERE !!!!
    per completare l’opera dopo tanta attenzione dovresti fare la stessa comparazione con la honda nsx e i nuovi telai irrobustiti nel posteriore…….
    grazie ” cosi antonio avanzini è contento ” per l’ottima comparazione !!!!!
    dai ragazzi mano al borsellino e prenotiamola !!!
    buona pasqua a tutti
    renato

    • Un bravissimo al redattore dell’articolo molto esauriente, completo e ricco di foto,ma soprattutto convincente,leggendo ho gia capito quale sara il mio prossimo acquisto.
      Ancora Complimenti CIAO Berlucchi

I commenti per questo articolo sono chiusi.