Cerchi BBS anni ’80

Chi le utizza per correrci, magari è poco interessato all’aspetto estetico della macchina, privilegia il peso, la funzionalità o il rendimento che il componente che va a montare produce. Molti però sono anche modellisti, curano anche l’aspetto delle loro slot e saranno sicuramente interessati a questi cerchi prodotti dalla BRM.

Questo cerchio è un ottimo compromesso, bello da vedere e funzionale in pista. Ha il foro da 3/32 per gli assali professionali e si fissa con il classico grano M2.

Per info http://www.brmmodelcars.com/

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

24 commenti su “Cerchi BBS anni ’80

  1. dal mio punto di vista le macchine con i cerchi a razze sono sempre le piu’ belle , non per questo nel regloamento dell’endurance 2006 al mi 90
    sono stato categorico nell’avere le macchine con copricerchi obbligatori…..
    non solo e qui’ tutti mi criticheranno è vero che nelle massime categorie cerchiamo le prestazioni e quindi riduzioni di peso evitando di mettere i copricerchi ……ma…..da parte mia anche una categoria come il gt avere da regolamento le auto con i copricerchi dal punto di vista estetico sono un’altra cosa …..io non ho mai visto correre macchine nella realtà come le nostre ….nel gt sono state introdotte giustamente anche le barchette che non hanno molto a che fare, nel gt japan idem cerchi nudi e crudi …..allora mi sorge spontanea una osservazione ….
    perchè non rendere obbligatori i copricerchi in tutte le categorie ?????
    chiaramente è solo un discorso di pura estetica ma vederle correre in tutto il loro insieme è sicuramente altra cosa
    tant’è vero che conosco persone che pur di non compromettere l’estetica della macchina corrono con i cerchi in plastica ….poi qualcuno ha abdicato
    e si è convertito ai materiali sul mercato sempre piu’ leggeri !!!!!
    la mia è solo una considerazione non una critica
    ma allo stesso tempo un punto di riflessione per le commissioni tecniche …..
    ciao renato

    • Io invece Renato sarei assolutamente contrario a renderli obbligatori. Anche io dò molta importanza all’estetica, tanto è vero che personalizzo i piloti di tutte le mie macchine, ma lo faccio per me, non per gli altri; tanto chi li vede quando corrono in pista? e lo stesso vale per i cerchi; perchè renderli obbligatori in gara se tanto si distinguono a malapena le livree delle carrozzerie? Io e sicuramente molta gente come me, ho un sacco di cerchi di diverse dimensioni con altrettanti tipi di gomme; sai che casino fare tutti i treni completi con i copricerchi uguali? e la spesa? No, no; bellissimi, ma che li usi chi gli pare, non obbligatoriamente…
      E infine, non si può certo dire che i cerchi in metallo siano brutti…

  2. Sarebbe bello avere nella plastica regole estetiche come ci sono in altri campionati che si svolgono all’estero, ma penso sia difficile mettere tutti d’accordo.
    Relativamente all’articolo, belli i cerchi, non c’è dubbio, peccato che sono solo per le 1/24….

    • Quella che vedete in foto è una Porsche 956 Slot.it in scala 1/32.
      I cerchi sono prodotti in entrambe le scale, così come le gomme.

      • Io sono andato sul sito e a tale foto corrisponde tale articolo 1/24, spero vivamente che a breve saranno disponibili per l’1/32 come dici.
        Grazie

  3. Premesso che per la cura dell’estetica i regolamenti hanno, per forza di cose, dei limiti dovuti alla discrezionalità del modellista (se vuoi attaccare alla carrozzeria l’adesivo dei Power Ranger …….), il disuso dei copricerchi è derivato da quanto richiesto dalla maggioranza dei piloti che fanno le gare in Italia e anche da chi ne fa poche nei clubs, perchè per il dilagare dei cerchi metallici after-market il copricerchio obbligatorio era un fastidio (ed un onere visti alcuni prezzi) in più.

    Peraltro, il passato fastidio di imporre un peso minimo alle carrozzerie, con zavorra, ci vede oggi rincorrere (brutti) abitacoli in lexan per levare 6 grammi.

    Emilio

  4. Personalmente amo lo slot “plastica” proprio per la pregevole estetica dei modelli che, in molti casi, ha già raggiunto livelli degni delle migliori riproduzioni “statiche”. Sono appassionato di gare vere fin dagli anni ’70 e vedere sulle piste slot la riproduzione fedele di ciò che ho visto “dal vivo” mi da sempre un emozione particolare; capisco che non è così per tutti, c’è chi privilegia le prestazioni dei modelli e se ne infischia dell’estetica, io dico che è un po’ la filosofia del “metallo”, dove tutto è sacrificato sull’altare delle velocità e della tenuta di strada, basta guardare le ruote anteriori o la carrozzeria in lexan di un’Eurosport 1/24 per vedere quanto ci si è allontanati dalla estetica di un auto da corsa vera. Io comunque continuo per la mia strada perchè, a casa mia, l’occhio vuole la sua parte e sono disposto a sacrificare qualcosa all’altare della velocità pur di utilizzare un modello che sia anche “bello da vedere”. Così dal Classic al GT uso copricerchi e (salvo rari casi) utilizzo solo modelli che riproducono livree di auto da corsa veramente esistite. Sarebbe bello che almeno per le due categorie Classic e DTM (JGTC dal 2006) si tenesse conto anche di queste esigenze estetiche, in verità nel Classic i copricerchi erano previsti ma poi mi pare che nessuna Commissione Tecnica abbia fatto rilievi in questo senso nelle gare interregionali. Credo che nessuno potrebbe lamentarsi di perdere qualcosa in prestazioni se i regolamenti contemplassero qualche regola sull’estetica dei modelli (e il costo dei copricerchi non mette in crisi economica nessuno!), del resto nel Campionato Slot.it, dove i copricerchi sono obbligatori, prestazioni dei modelli e “spettacolo” vanno tranquillamente d’accordo.
    Ciao, Andrea

    • Siamo perfettamente in sintonia. La plastica deve differenziarsi, rispetto al metallo, non solo nelle prestazioni, ma anche nell’estetica. Già nella categoria GT si è perso queto spirito, in virtù di una ricerca spasmodica delle prestazioni, spero che nelle altre categorie non si segua la stessa strada. L’anno passato ai Campionati Italiani, nella categoria Classic, i copricercerchi erano obbligatori, anzi era prevista una penalità in caso di perdita degli stessi, spero che quest’anno si continui sulla stessa strada. Strada che bisognerebbe imboccare anche per la categoria Japan gt. E non dimentichiamo i Rallyes. Avete guardato le foto della coppa italia? Le wrc erano un pugno nell’occhio!!!
      Anzi per meglio dire: erano dei “cessi”. E non mi si venga a dire che l’esborso per i copricerchi manda in rovina lo slottista!!! Per favore non prendiamoci in giro!
      Ciao
      Dario

      • Ciao Dario,
        come al solito concordo con te, ma andrei anche oltre: perchè le GT devono essere brutte?
        Un copricerchio può incidere tanto sulle prestazioni, se il GT deve essere per la spasmodica ricerca del top?
        Comunque, io sogno sempre una gomma non incollata in tutte le categorie, così il cerchio (anche d’oro…) lo metti su e non lo tocchi più, con il suo bel copricerchio.

        Emilio

      • Per quanto riguarda la Coppa Italia hai ragione, qualcuno se ne è un’pò approfittato, ma era purtroppo un’orrida regola presa dagli spagnoli, che aggravano poi il tutto con carrozze in lexan, mah.
        Dal prossimo anno avremo sempre obbligatori i copricerchi perchè è giusto così e basta, tanto alle gare vai con una wrc e puoi tranquillamente dedicargli il tempo necessario per farla anche bella e curata, anche questo sarà obbligatorio.
        Io ho iniziato anche nel Dtm ad usare gli inserti, a me d’altra parte piace la macchina curata.
        Nel Gt il problema è che per fare andare forte una macchina ne prepari e ne provi un secchio e poi arrivi alla fine di corsa, stai a guardare il pelo, ti fai un sacco di idee….e non metti i copricerchi.
        Io voto a favore anche da subito.

      • Per quanto riguarda la Coppa Italia hai ragione, qualcuno se ne è un’pò approfittato, ma era purtroppo un’orrida regola presa dagli spagnoli, che aggravano poi il tutto con carrozze in lexan, mah.
        Dal prossimo anno avremo sempre obbligatori i copricerchi perchè è giusto così e basta, tanto alle gare vai con una wrc e puoi tranquillamente dedicargli il tempo necessario per farla anche bella e curata, anche questo sarà obbligatorio.
        Io ho iniziato anche nel Dtm ad usare gli inserti, a me d’altra parte piace la macchina curata.
        Nel Gt il problema è che per fare andare forte una macchina ne prepari e ne provi un secchio e poi arrivi alla fine di corsa, stai a guardare il pelo, ti fai un sacco di idee….e non metti i copricerchi.
        Io voto a favore anche da subito.

    • sono d’accordo con voi tutti tanto e’ vero che dopo aver fatto il metallo per diversi anni(mi vanto di essere delle generazione dei ovarese, Uliana e Capra a proposito chi se lo ricorda)sono tornato a fare slot dopo aver visto i modelli plastica.MI SORGE PERO’ UN DUBBIO: E SE CI RITROVIAMO TUTTI E SEI CON LE MACCHINE DELLA STESSA LIVREA? PER L’ITALIANO A SORAGNA SACRIFICHERO’ UNA BELLISSIMA POESCHE 908 DIPINGENDOLA CON I COLORI DEL NOSTRO CLUB.
      SALUTI A TUTTI E A PRESTO IN PISTA

  5. bravo chaparal è proprio quelo che intendevo almeno nelle categorie minori come CLASSIC E JAPAN un pò di estetica non guasta il GT si può anche lasciare cosi’
    renato

    • Però… se per caso io su una japan monto davanti cerchi della ditta XX e dietro della YY le borchie sono diverse come fattura e disegno giusto? la macchina sarebbe comunque più bella o molto simile a quella senza niente? Prima di parlare dei cerchi secondo sarebbe già un miracolo non vedere macchine verdi e arancio fluo o tutte con la stessa livrea….

      Ciao, GA

      • Mi sembra di aver letto da qualche parte che ci potrebbe essere un premio per le migliori realizzazioni estetiche, sbaglio?
        Non sarebbe male una classifica delle auto più belle a Soragna.

      • Mi sembra di aver letto da qualche parte che ci potrebbe essere un premio per le migliori realizzazioni estetiche, sbaglio?
        Non sarebbe male una classifica delle auto più belle a Soragna.

      • SONO DACCORDO CON TE.TANTO E VERO CHE PROPONGO CHE LE JAPAN VENGANO VENDUTE BIANCHE DA DIPINGERE COME FA SLOT.IT CON ALCUNI MODELLI.

      • La regola che era stata introdotta nel Classic prevedeva che il disegno dei copricerchi doveva essere lo stesso sia nelle ruote anteriori come in quelle posteriori, ripristinare questa regola ed estenderla al Japan GT non sarebbe poi così problematico, basta utilizzare cerchioni della stessa marca sia davanti che dietro. Io ho due “Japan”, nella Honda NSX ho cerchioni e copricerchi PRS, nella Toyota Supra ho cerchioni e copricerchi Ninco “racing” (entrambi i modelli con anche i dischi freni all’interno dei cerchioni!). Il risultato estetico è bello in entrambi i casi, probabilmente l’effetto sarebbe accettabile anche con cerchi di alluminio “a raggi” come qualche produttore artigianale costruisce. Il problema delle livree tutte uguali si può risolvere anche senza fare modelli fluorescenti, ho visto modelli riverniciati con livree “inventate” ma molto belli da vedere (io dico “verosimili”). Ricordate poi che esiste anche la possibilità di fare livree “vere” ma non prodotte da nessun costruttore, basta trovare le “decals” giuste (su Internet si trova un ampia scelta) e dilettarsi nel riverniciare i modelli. Se poi si trova sul mercato la carrozzeria grezza non verniciata il lavoro è alla portata anche dei modellisti meno esperti. Ciao

  6. IMMAGINAVO SI SAREBBE SOLLEVATO UN POLVERONE …….
    però mi chiedo siamo modellisti oppure no ????
    si possono montare cerchi dei diverse marche ma si possono anche creare i copricerchi…..
    quanti di noi abbiamo nella ns cassetta cerchi inutilizzati ?????
    bene basta un pò di buona volontà si tagliano e si montano sui cerchi che riteniamo piu’ idonei alla macchina …..non solo personalemente sono riuscito a montare sicuramente con un pò di fatica
    copricerchi normalmente in commercio semplicemente con lievi modofiche …….
    buttiamo via talmente tanto denaro per fare auto e vedere con quali cerchi le prestazioni si migliorano non posso credere che nelle ns tasche manchino pochi €uro per i copricerchi…..
    ma continuo a ripetere all’infinito che la mia è solo una considerazione …..
    rimango comunque del mio parere …..
    L’ESTETICA E’ SICURAMENTE AFFASCIANANTE !!!!
    qualsiasi colore sia la macchina

I commenti per questo articolo sono chiusi.