Slottisti tipici !!

Il COMPETITIVO
Il Competitivo è quello che si sbatte e che sa tutto sulle macchine uscite e che usciranno sui pulsanti elettronici e non, sulle piste di tutte le foggie e misure. Ogni gara è una battaglia e ogni decimo i secondo è una sfida con se stesso e rosicchiare qualche centesimo è questione di vita o di morte. Il C vuole la pugna e se non la trova in casa la cerca sulle piste dei nemici dove normalmente busca. La capacità di adattamento del C. fa si che è in grado di valutare, preparare, assettare una macchina in 10 min per qualunque pista o terreno e la possibilità di migliorare le auto non conosce limiti per il C. che riesce a far volare anche i carciofi + ignobili. Nella sua cassetta non mancano 4 etti di pignoni, 3 Km di assali e un numero di motori sufficienti ad azionare un maglificio più tutti i tipi di grassi olii e additivi che esistono sul mercato. Per quanto riguarda le gomme il C. non si risparmia arrivando ad averne vagonate e riuscendo a gonfiarle come areostati mettendole a bagno in qualunque cosa compresa la zuppa di pesce. Il destino del C. è purtroppo funestato dalla presenza dell’Indolente (vedi sotto) della famiglia dei bradipi che è il suo peggior nemico e cerca di metterlo in difficoltà con recuperi al rallentatore che gli fanno perdere decimi di sec preziosi e fanno salire la pressione del Competitivo portandogli notti insonni. La possibilità di eliminarlo fisicamente viene frenata dalla presenza degli altri, ma il Competitivo in generale riesce quasi sempre a dominare gli eventi e a non esternare la pressione della gara se non in rari casi in cui diventa devastante come il napalm. Nei recuperi il C. può essere velocissimo a causa dall’adrenalina che ha in corpo o lentissimo per rallentare i nemici, vendicarsi dei recuperi, o smaltire il down da dopo gara.

IL TRANQUILLO
Il Tranquillo ha in genere due o tre auto decorose che cerca di rovinare con una messa a punto dell’ultimo secondo comprendente il serraggio delle viti, l’assicurarsi che le ruote tocchino bene la carrozzeria, che gli assali siano bloccati a sufficienza, che la trasmissione sia ben inchiodata senza grasso, che le spazzole siano molto usurate e le gomme saponate. A questo punto nonostante l’auto il Tranquillo riesce vuoi per bravura vuoi per fortuna ad arrivare a ridosso del Competitivo rimanendo tranquillo e performante. La sua scatoletta dei ferri è corredata da un pignone masticato, una corona sdentata, una sola coppia di gomma di pietra e un cacciavite a stella del n 9. La presenza dell’Indolente non influisce molto sulla serenità del Tranquillo durante la gara. Però a sua volta rimane condizionato dalla sua presenza nei recuperi tendendo a rallentarli fino ad addormentarsi.

L’INDOLENTE
L’Indolente è normalmente una derivazione delle prime due categorie e si manifesta con periodi transitori che variano di lunghezza a seconda dei soggetti colpiti. L’indolente arriva tardi e la prima cosa che fà è smontare la completamente tutta la macchina come se fosse un’operazione a cuore aperto. Verso le 10 e quando inizia la gara ha di pronto solo le viti e a questo punto assembla tutto di corsa alla strac..zzo dicendo che la macchina non va, la pista, il pulsante, il rapporto, il tempo, il destino, la befana etc. Frase tipica usata dall’Indolente è “sono stanco, tanto non mi interessa, non ho tempo, lavoro tanto (a differenza degli altri) etc”. Questo tipo di pilota è il bersaglio preferito del Competitivo che ne subisce la lentezza dei recuperi e che spesso è argomento di pensieri non proprio sereni. Il problema della convivenza tra l’I e il C. è che più il Competitivo si inc..za come un puma per i recuperi a rallentatore, più l’indolente si rilassa e chiacchera con i compagni del
più e del meno trasmettendo la sua serenità al Tranquillo che a quel punto si sdraia sulla pista e si addormenta. La figura dell’I puo cambiare a seconda delle serate per cui tecnicamente può essere valido ed anche avere delle auto passabili ed a seconda della concentrazione può arrivare a risultati strabilianti se riesce ad uscire dal torpore generale. L’andamento altalenante nei risultati indica che è capace di tutto e non si può mai dire cosà farà.

ALTRE COMPARSE

IL TECNICO
Il tecnico arriva con una valigia da viaggio attrezzata per smontare e rimontare un camion, sa tutto sugli assetti + inconsueti e soprattutto consiglia i principianti ed i meno esperti su come si fanno andare le auto con risultati disastrosi. Come si sistema comincia a lavorare duramente sulle auto senza mai metterle in pista, perché la peculiarità del soggetto è quella di non correre mai. Scopo del gioco è infatti lavorare all’infinito sulle auto e dare consigli bizzarri ai neofiti che vengono così depistati ed abbandonano. Qualcuno sospetta anche che le macchine su cui lavora siano Mini Z

IL DISINVOLTO
Il disinvolto è colui che prepara le auto interpretando il regolamento con disinvoltura. Le regole non vengono infrante palesemente, ma vengono “interpretate” con di volta in volta a seconda delle gare quasi sempre coperte con un “ah non lo sapevo” etc. Usare gomme diverse, motori non permessi, o carreggiate personalizzate non ritiene che siano dettagli importanti. D’altra parte dove è scritto che è vietato trapanare il pilotino dall’interno ?!?

IL BAMBINO PRODIGIO
Il bambino prodigio appare improvvisamente dietro il padre slottista che normalmente lo porta ma viene suonato senza pietà.. La sua apparizione dura un battito di ciglia ma stacca subito tempi notevoli buttando nel panico i piloti + stagionati. La fortuna di questi ultimi sta nel fatto che il bambino prodigio non ha la costanza di venire !!!

IL PICCOLO CHIMICO
Il piccolo chimico ha la vasca di casa piena di gomme a mollo nell’olio, il frigo pieno di boccette sospette ed il grip delle sue gomme è tale che se si scontrano con un’altra auto non si riescono a staccare. I suoi motori vengono regolarmente rodati per giorni nella polenta e riescono a raggiungere non meno del 200\% dei giri permessi. Con le ultime introduzioni di gomme e motori forniti dagli organizzatori il piccolo chimico ha deciso di dedicarsi ad altro

L’OCCASIONALE
L’occasionale è un personaggio non del club che, dopo aver guardato alcune competizioni, senza dire nulla compra tutto fiero una sola auto per fare le gare che normalmente è una Carrera o una SCX . Arriva al Club e con l’aria soddisfatta la tira fuori dalla scatola, toglie la calamita e la usa senza altre modifiche. Dopo qualche giro si impicca nel bagno…

Paul (Super K)

PS Qualche slottista si riconosce ?!?

Riguardo

Vela sport

13 commenti su “Slottisti tipici !!

  1. “D’altra parte dove è scritto che è vietato trapanare il pilotino dall’interno ?!?”

    Perchè, non si può ?!?!?!???!??!????

    Enrico

    • A me ne è venuto in mente un altro che conosco benissimo, però avendo frequentato poco gli altri club non saprei dire se sia una figura unica oppure no.
      E’ l’INSODDISFATTO, quello che non riesce ad usare per più di due volte di fila la stessa macchina perchè sa che da qualche parte ce n’è una che sicuramente nessuno usa ma che aggiustata nel modo giusto si trasformerà dal brutto anatroccolo a cigno.
      Partendo da questo presupposto cerca di mettere in sesto le macchine più strane e più sfigate lavorando come un pazzo con limette, dremel, olii e così via.
      Dopo aver passato in rassegna tutto il parco macchine standard passa poi alla categoria METICCI andando a fare collage strani di telai e carrozzerie.
      In realtà non potrebbe mai correre da nessuna parte ma nel suo club, impietositi e comunque tranquilli della sua pressochè tutale ininfluenza nelle classifiche, lo lasciano correre ugualmente.
      Risultato che la macchina suscita almeno scalpore, qualcuno gli stringe la mano per l’impegno e per il gusto di vedere in pista un modello ‘raro’ e il tutto finisce o con l’impossibilità di poter guidare la macchina perchè non riesce a fare nemmeno una curva, oppure dopo una decina di giri qualcosa si rompe e la gara termina…
      Tesoro…

      • hahahahah è vero l’ho dimenticato… ma è uno dei + importanti. Arrangiare auto impossibili è la passione di molti !!!

  2. Io mi riconosco nel TECNICO ma non depisto i neofiti !!!!!!!

    Al mio club continuano a stracciarmi con le mie gomme e i miei assetti ……….purtroppo non ho il dito !

  3. Complimenti a Super-K, sei riuscito a fotografare la fauna slottisitica in modo ineccepibile.
    Personalmente aggingerei ancora un modello e precisamente (prendo a prestito una definizione non mia) “IL SIPATICO COME UN GATTO INCAZZATO ATTACCATO AI MARONI”; colui che, in qualsiasi situazione, riesce a farsi notare nel giro di 3 nanosecondi, è conosciuto da tutti, anche da coloro che non l’hanno mai visto ma che ne hanno sentito le gesta.
    E’ un personaggio schivo, ma basta una sua parola ed è subito notato / odiato da tutti.
    Riesce a far incaz***e personaggi imperturbabili.
    Quando non è presente, temi sempre che arrivi e…. lui arriva (ovviamente).
    Quando pensi che “finalmente” abbia smesso con lo slot, lui ritorna, più carico di prima, trova sempre nuove forme per farsi odiare.
    La sua è una continua sfida con la pazienza degli astanti.
    Di solito la sua sopportazione è coadiuvata da una buona conoscenza della filosfia Zen o dall’ assunzione di gastroinibitori tipo lo Zantac .
    Dimenticavo una cosa importantissima, se pronunciate il suo nome potrete subire le sue ire del tipo ” il Silvio mi rimane al governo e Fazio, Governatore B.I. nei secoli “

    toccandomi,vi saluto
    Migio

  4. Inserirei anche:
    L’ANSIOSO/TECNICO.
    Questo soggetto prepara bene le macchine, le porta in pista e le prova vorticosamente per non più di 10 giri ciascuna raffrontandone continuamente i tempi.
    Alla fine va in stallo perchè non sa con quale correre , se mai lo farà, visto che girano tutte nello stesso decimo e, così, ricomincia daccapo…..

    Il PILOTA
    Normalmente non ha tempo per prepararsi le macchine però recupera col “dito”.
    La sua vittima preferita è l”ANSIOSO /TECNICO” al quale chiede di provare le macchine ed invariabilmente gli abbassa il tempo di riferimento gettandolo nel panico

I commenti per questo articolo sono chiusi.