Perché non partecipo al campionato regionale Sicilia DTM.

Diciamo anche che aspettavo la disputa di un campionato DTM con impazienza da molto tempo, perché sono convinto che sarebbe stato molto interessante per noi slottisti meridionali, che abbiamo sempre corso ed anche prevalso nella plastica disputata con modalità tipicamente nostrane, confrontarci su una categoria frutto di esperienze e metodologie differenti dalle nostre.

Innanzitutto campionato regionale Sicilia fa decisamente schifo; l’anno prossimo chiamiamolo campionato siciliano così la lingua italiana è salva; ma questo non è un motivo (anche se è un chiarissimo sintomo di quanto siano impostate male le cose che ci riguardano).

Ma si chiama campionato regionale perché vengono gli amici dalle province di Palermo e di Siracusa?
Soltanto nell’ultima settimana ho avuto contatti, assolutamente fortuiti, con gli amici slottisti di Ragusa (interessatissimi al DTM), Modica, Vittoria, Messina; scommettiamo che il nostro organizzatore “anonimo” non li ha mai contattati?

Questo sito, vista la lentezza di quello ufficiale ANSI è diventato ormai la vetrina ufficiale dei campionati, ok, ma ti pare ammissibile che l’invito ad una gara debba essere fatto da un “anonimo”? Ho bisogno di chiarimenti, a chi mi rivolgo? Non ho bisogno di chiarimenti, se le informazioni sono sbagliate con chi me la prendo?

Minniti sostiene che lo slot sia un hobby destinato agli appassionati di automobilismo, io non sono d’accordo perché credo che lo slot abbia una propria dignità ed un interesse (anche) autonomo, certo è che organizzare una gara regionale in perfetta concomitanza con la 24 ore di Pergusa, con tante domeniche libere che ci sono, mi sembra davvero inopportuno.

Regolamento tecnico: posso supporre si debba gareggiare (quando leggerete si sarà già gareggiato) con i motori NC2; venerdì 14 marzo chiedevo su questo sito “come si fa a conoscere i regolamenti, tecnico e sportivo, di questo campionato?” Anche se mi è stato risposto (praticamente) vatteloaleggere, scommettiamo che ancora oggi (la gara è già stata disputata) non c’è scritto da nessuna parte quale motore bisogna usare?
Scommettiamo che non è ancora stato deciso come devono essere verificati i motori?
Scommettiamo che non è ancora stato deciso chi ha l’autorità per prendere una decisione su un campionato regionale?
Vengo a sapere da Paliddo che “si era detto” (testuale) di disputare la gara in un determinato modo.
A forza di “ma non si era detto?” credete che si possa assicurare la certezza del regolamento?

Mi si risponde che il campionato è organizzato dall’ANSI. Addirittura?
Ma l’associazione nazionale non è qualcosa che dovrebbe servire a dare unità organizzativa tecnica e sportiva al variegato movimento slottistico nazionale? Ma affermare in annuario (riassumo senza giri di parole) che ognuno è libero di disputare il campionato come gli pare, concorre a questo obiettivo? Forse è stata realizzata la devolùscion slottistica. Sono perplesso, ma mi pare che l’ANSI abbia, ancora prima dell’inizio dei campionati, incassato una sconfitta amarissima.

Al nord il corrispondente campionato è stato organizzato su base interregionale, leggo di centinaia (quasi) di concorrenti, di giornate piacevolissime e di grande entusiasmo. Un movimento in crescita.
Perché noi, come gli inglesi del calcio, ci confrontiamo soltanto tra di noi? Ma che diamine, dimenticavo! E’ perché siamo gli inventori dello slot moderno, siamo i più forti d’Italia (quindi del mondo) e non dobbiamo mischiarci con gli altri. I più anziani ricorderanno che gli inglesi del calcio finirono male.
Vi chiedo: ho letto solo io che gli slottisti della Calabria e della Puglia chiedono di essere coinvolti nel movimento e sarebbero anche disposti a venire correre in Sicilia?
Scommettiamo che concorrenti alla prima gara regionale DTM non ce ne saranno stati ottantotto?
Scommettiamo che non ce ne saranno stati neanche quarantaquattro?
Scommettiamo che a stento ci avviciniamo ai ventidue?
Sono ancora perplesso, ma mi pare che anche l’organizzatore “anonimo” abbia incassato la sua amarissima sconfitta”.

Leggo che per l’Interregionale DTM Nord e per quello del Centro, gli organizzatori si sono presi la briga di contattare addirittura la Fantasyland, importatrice del marchio Ninco in Italia, che si e’ resa disponibile a fornire gadget e premi per la manifestazione. Questi qua, invece si erano addirittura dimenticati di invitare i concorrenti, figuriamoci!
Vedete qual è la differenza tra chi organizza una gara per avere l’onore di contribuire alla migliore promozione del movimento slottistico e chi invece organizza una gara per avere solo il privilegio di una chance in più per vincere finalmente un campionato?

Pare che tutto questo meccanismo sia rivolto alla disputa di un campionato italiano in unica data. Bene.
Ma a cosa sarò chiamato a concorrere, ad un campionato con NC1 del quale non ho nessuna esperienza, ad un campionato NC2 con il rischio di diventare campione italiano di noialtri (o, peggio ancora, ad entrambi)?
Vi dispiace se io non ho davvero alcun interesse ad incassare a mia volta una già scontata amarissima sconfitta?

In sintesi non sono d’accordo su nulla, ma mi piacerebbe fosse chiaro che non mi è mai passato per la testa di non partecipare solo perché non sono d’accordo. Non partecipo perché non mi è stato dato modo di esprimere queste mie perplessità in sede organizzativa. Così, a giochi ormai fatti (anche se non so ne da chi, ne quando, ne, a volere proprio sottilizzare, dove), il cortese, seppur anonimo e tardivo invito non è più sufficiente.

Sapete cosa faccio? Mi costruisco una pista grandissima e impossibile, così organizzo e vinco una gara di campionato, così divento campione di tutto senza neanche spostarmi da casa.

PACE!

Riguardo

Slot racing

15 commenti su “Perché non partecipo al campionato regionale Sicilia DTM.

  1. Caro Mimmo,

    Credo, dopo le NS. beccate che ci siamo scambiati in non ricordo quale articolo, che tu sia
    una persona molto colta e che, contraddicendo quanto da me espresso in quelle “beccate”, sia
    una persona con una buona esperienza slottistica.

    Detto questo e chiedendoti scusa per quanto da me espresso, vorrei dire premettendo:

    Io non seguo nello stesso modo con il quale mi informo sull”IRN”, il campionato “interregionale sud” o come dir si voglia, tantomeno l’organizzazione e quant’altro sia di contorno ad esso.
    Ma mi rendo conto che il creare un’unione che fino a questo momento non è mai esistita (almeno così mi pare di intuire), sia una cosa di non facile realizzazione.
    Credo che perchè tutto possa essere realizzabile e perchè tutto possa funzionare, ci sia assolutamente bisogno di persone volenterose che abbiano il coraggio di esporsi senza aver paura di rendersi bersaglio a chi ha voglia di colpire.
    Ora, l”ANSI” ha per quanto ha potuto cercato di tracciare delle linee guida, che potrebbero essere di indirizzamento per coloro che fino a questo momento non sapevano come muoversi.
    Il campionato “DTM” può essere disputato in due modi molto simili, con “NC1″ o con NC2”, questo solo per accontentare un po tutti, e dare comunque un certa apparenza di omogeneità.
    Allinterno di questa tipologia di regolamentazione, come riporti tu, “ognuno e in grado di disputare il campionato come gli pare”, e comunque coloro che, in relazione alla realtà del posto non dovessero immedesimarsi in tale regolamentazione, sono liberi di adottare le regolamentazioni che ritengono opportune, perchè comunque, in sede di campionato italiano, avranno la possibilità di qualificarsi per le finali, con i regolamenti delineati dall”ANSI”.
    Dico a te ma per dirlo in generale, sempre che tu possa o che tu abbia voglia (e non leggere tra queste parole un vena polemica che non c’è) non potresti, se hai notato che nell’organizzazione del campionato manca qualcosa, produrlo e pubblicarlo in modo che tutti possano usufruirne? non potresti nel momento che ti sei reso conto che alcuni sono stati esclusi, contattarli personalmente o fare da tramite con gli organizzatori? e se cosi si facesse, con le capacità comunicative che mi sembra tu abbia, e la realizzazione di qualcosa di stabile credo che si accoderebbe qualcuno che si occuperebbe della stesura delle classifiche, e qualcun’altro che si incaricherebbe di tenere informati i partecipanti sul portale e qualcun’altro per qualcos’altro e via e via e via…….

    C’è qualcosa comunque da dire per coloro potrebbero non essere stati chiamati, se fossero disposti a partecipare ad un campionato limitrofo e se non ne avessero la possibilità di disputarne uno prorpio, perchè non farsi avanti loro e dire “ragazzi noi siamo in tot, non abbiamo un ns. campionato corriamo nel vs. che ne dite?”

    Credo che si aumenterebbe di n° e se si aumenta di numero anche le persone vogliose di fare aumentano e di riflesso anche quelle spinte dalla foga disposte ad aiutare sarebbero di più!!!!!

    Ora, cerchiamo di fare qualcosa di unico che passato questo periodo di transizione, avremmo dei dati molto importanti e rappresentativi che ci permetteranno di valutare in un modo assolutamente nuovo le regolamentazioni future su basi ben precise e non su ipotesi che rimangono tali perchè mai verificate!!!!

    Forza forza, che l’unione se non la si trova la prima gara lo si fa la seconda e se nemmeno alla seconda ci si riesce, lo si farà alla terza.

    Quindi manca una bozza di regolamento che sia preciso e all’occhio di tutti “FATELO E PUBBLICATELO”, manca la comunicazione a qualcuno del campionato “COMUNICATELO UFFICIALMENTE” che alla prossima verranno.

    Ciao Paco,
    A.S. s.c. Soragna

    P.S. come qualcuno dice
    PACE.

  2. Da siciliano……..di Catania non ho parole……!

    Credo che prima o poi scriverò uno dei miei articoli che scatenano discussioni e avvolte insulti, perchè troppo diretto.

    Giacomo……………che ne dici se fermiamo un pò tutto e lasciamo che la federezione cammini con le proprie gambe?

    GUERRA!

    • Caro Mimmo la tua assiduità sul sito, fa capire che non hai un Cavolo da fare, se non polemica!!

      Riguardo alla ritardata pubblicazione dell’invito, hai perfettamente ragione, ma su tutto
      Il resto No.
      Se non sbaglio Tu hai fatto due articoli, intitolati “il Balenottero” 1-2, che guarda caso,
      criticavi i regolamenti, quindi non puoi dire di essere all’oscuro!!
      Poi sempre sul sito, hai avuto modo di leggere la convocazione alla riunione Ansi, svoltasi a Giffoni Sei Casali (SA), aperta a tutti. Tu, genio dello slot, dov’eri?
      In merito a tutti questi gruppi interessati al campionato, perchè non mi hai mai detto nulla,
      giacché conoscevi la loro esistenza?!? Li tenevi nascosti per scrivere quest’articolo?

      Allora BASTA, se vuoi aiutare veramente lo slot a crescere, collabora in maniera intelligente!

      Saluti

      Felice Mirone

      • Mi è dispiaciuto molto non essere presente a Giffoni (dove peraltro ero stato cortesemente invitato), perchè mi sarebbe piaciuto salutare gli amici e dare il mio (modesto) contributo.
        Ma non mi dire che per organizzare campionati siciliani bisogna andare a Giffoni, per l’anno prossimo dove ci vediamo al Sestriere?

        • E’ un’idea.
          Mio padre, sciatore appassionato e pilota di rally, partecipava a gare ‘autosciatorie’.

          Basta trovare una pista slot situata in una località dotata di impianti di risalita.

          Ad esempio Catania, se la funivia dell’Etna funziona ancora.

          Ciao
          Maurizio

          • Certo se ci avessimo pensato prima dell’eruzione!
            Comunque per organizzare un campionato siciliano è troppo vicino.
            P.S.: Tuo padre è un figo pazzesco!

    • Carissimo Gaetano,
      Guerra?????
      A chi?a che cosa?
      Volontario forse?
      Attento perchè la guerra è imminente, Bush ha detto 48 ore!
      che ci fai ancora qui?
      Comunque è da ammirare la tua costanza nell’inserire commenti e considerazioni di dubbio gusto.
      PACE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Caro Mimmo,
      è da molto, troppo, tempo che ci conosciamo e ritengo, almeno da parte mia, di essere legato, dal punto di vista slottistico alla tua persona; per me una pista di slot a Catania è indissolubilmente legata anche alla tua presenza. Ma ora, alla luce di quanto scrivi, ripiombo indietro di ben 25 anni. Non ti riconosco, non accetto ciò che scrivi e peggio ancora, mi sento deluso ed amareggiato.

      Per iniziare ti comunico che hai perfettamente ragione quando sentenzi che l’invito per la gara regionale del DTM pubblicato su italiaslot è stato comunicato in ritardo. Il tuo discorso non fa una grinza, il venerdì mattina è troppo tardi per invitare gli amici slottisti nella nostra sede catanese; sai Mimmo, io, generalmente, tutti i giorni della settimana vado a lavorare ed anche venerdì scorso ero sul posto di lavoro quando pensai all’invito da pubblicare: era tardi, avevo dimenticato a farlo i giorni prima, dovevo certamente rimediare. Sul posto di lavoro, io non so se tu lavori, generalmente si ha poco tempo per navigare in internet e tanto meno è possibile usare i computer per scopi personali pertanto, contravvenendo alle regole dell’ufficio, mi sono collegato per mettere l’invito in rete ma utilizzando un accesso anonimo visto che, come ben saprai, non è raccomandabile entrare in rete con password da un computer non personale!!! Questo è il motivo dell’accesso “anonimo”.

      Tu, non avendo partecipato per tua scelta alle riunioni organizzative del campionato regionale “Sicilia”, non puoi sapere gli sforzi che sono stati compiuti al fine di trovare le date libere per l’organizzazione dello stesso: festività, appuntamenti televisivi della F.1, concomitanze con campionati italiani metallo, ecc. ecc. altro che Pergusa e la sua 24 ore……..
      Stesso discorso per i regolamenti: li abbiamo ampiamente discussi a Palermo, quando, invitati per la stesura degli stessi, abbiamo anche disputato una gara endurance di contorno. Ma tu dov’eri.
      In quell’occasione, l’invito era pervenuto con largo anticipo, ci siamo contati: Sciacca presente, Palermo presente, Siracusa presente Catania presente. stop. Nessun altro. Cosa facevamo organizzavamo le gare anche a Modica, Vittoria e Messina……e perchè non pure a Caltanissetta, Enna, Agrigento, Marsala, Trapani, Caltagirone ???

      No caro Mimmo sei e continui ad essere fuori strada: la commissione tecnica usa un metodo standard in tutte le gare del regionale per misurare i motori (il contagiri ed i motori possono avere massimo il 10% in più di giri dell’ammesso);
      al nord è molto più semplice organizzare gare a livello interregionale proprio per la conformazione tipica del nostro paese, lo sai, noi siamo un’isola (fra l’altro decentrata rispetto alla penisola) e gli spostamenti sono certamente più difficoltosi, per questo da noi è un campionato regionale “Sicilia” e non un interregionale ed anche per questo i partecipanti sono molti di meno.

      Vero Mimmo, noi del Catania Slot come dici tu non abbiamo…” l’onore di contribuire alla migliore promozione del movimento slottistico….chi invece organizza una gara per avere solo il privilegio di una chance in più per vincere finalmente un campionato?”
      Ma di cosa parli, hai idea di ciò che dici. Abbiamo partorito un club invidiato da tanti, abbiamo speso un mucchio di quattrini, abbiamo dei locali finalmente all’altezza, abbiamo allargato la platea dei soci, al nostro interno sono presenti alcuni fra i migliori piloti italiani (cat. Grande Serie), così siamo e così, insieme, cresceremo, e tu? Tu dove sei? Tu, quando si è parlato di fare il passo per uscire dal limbo che ci avvolgeva dov’eri, dove sei stato quando si è deciso di contarci ed uscire i quattrini per una nuova sede. Dov’eri allora e dove sei ora quando scrivi testualmente “Sapete cosa faccio? Mi costruisco una pista grandissima e impossibile, così organizzo e vinco una gara di campionato, così divento campione di tutto senza neanche spostarmi da casa”.
      Ma già lo fai, lo fai!!!
      Non sei tu che gareggi con Minniti, da soli, sino a mezzanotte???

      Lo slot, come qualsiasi altra attività, ha bisogno di teste “pensanti” ed allo stesso tempo anche “proponenti”, ho paura che tu adempia solo alla prima delle due, la seconda la releghi solo ad una sterile polemica e critica di tutto e di tutti. Ti garantisco, io il primo, di volerti più vicino, più propositivo, più partecipe; non importa se non partecipi alla vita del “Catania Slot”, non è il tuo club, non lo senti tuo, è troppo distante da casa tua, l’importante è essere uniti a livello propositivo anche se questo dovesse comportare riunioni fiume e discussioni a non finire, vanno benissimo ma purchè ci siano……

      Credimi, sempre con immutato affetto ti saluto.
      Luca

      • Caro Luca,
        non mi sottraggo ad un confronto diretto, quindi eccomi qui; il tuo intervento è molto corposo e complesso, andiamo con ordine.
        1°) Che vuol dire ci conosciamo da “troppo” tempo?
        2°) Il mio intervento ha avuto almeno il risultato di rivelare l’anonimo. Ad essere onesti, non avevo neanche sospettato che fossi tu.
        3°) Non sono d’accordo con te quando giudichi idonee le modalità con le quali si è pervenuti all’organizzazione del campionato.
        Innanzi tutto c’è una forte e sintomatica confusione sulle fonti stesse di questo campionato. Mi spiego.
        Felice Mirone, che mi permetto di citare perché è parte integrante del tuo stesso club e anche perché è membro della Commissione Tecnica ANSI, il 14 marzo mi risponde testualmente “L’organizzatore del campionato è l’ANSI”; poi dopo alcuni giorni di, evidentemente proficua, riflessione sempre commentando le mie critiche aggiunge: “hai avuto modo di leggere la convocazione alla riunione Ansi, svoltasi a Giffoni Sei Casali (SA), aperta a tutti. Tu, genio dello slot, dov’eri?”. Grazie per il genio.
        Tu nel tuo ultimo intervento sostieni, credo giustamente, che i regolamenti siano stati discussi a Palermo.
        Mettevi d’accordo. Credo che questo basti a chiarire quanto confusa sia la questione senza neanche uscire dallo strettissimo ambito del club organizzatore.
        Ma voglio anche entrare nel merito di quello che tu affermi direttamente nel tuo intervento: ti riporto, testualmente, l’invito che ho ricevuto per l’appuntamento di Palermo.
        “Il Club Protoslot Racing invita i club e gli appassionati della Sicilia presso la propria sede, sita in Via Trento ad Isola delle Femmine (Palermo), domenica 12 gennaio per disputare una Gara Endurance di 3 ore con modelli GT “Grande Serie” – Regolamento ANSI 2002 con equipaggi di 2 – 3 piloti.
        Nel contempo si vuole sfruttare l’occasione di incontro per concordare le date delle gare del Campionato regionale Siciliano per l’anno in corso.
        Programma
        9 – 12 Prove libere per i piloti esterni
        12 – 12.30 Warm Up
        12.45 Parco Chiuso
        13 – 15 Pausa pranzo e riunione
        15.30 Partenza Gara”
        Anche se continuo a giudicare inopportuna la data del 16 marzo, affrontare una trasferta sino a Palermo per fissare delle date mi pare un’irragionevole spreco di risorse.
        Se invece dietro l’invito si celava l’intento di discutere di regolamenti (senz’altro in buona fede), posso assicurarti personalmente che questo non traspariva dal testo dell’invito.
        Inoltre, la situazione di confusione che si è creata conferma che 120 minuti per pranzo e riunione non sono stati sufficienti, né a quanto mi risulta dovevano esserlo, per discutere regolamenti tecnici, regolamenti sportivi e calendario.
        Per darti prova della confusione nella quale operate ti elenco i seguenti fatti, credo non opinabili:
        – anche a volere considerare noti (o meglio conoscibili) a tutti i regolamenti tecnici che, secondo l’ANSI disciplinano il DTM, prima della gara non è mai risultato da nessuna fonte scritta quale motore usare.
        – prima del mio intervento del 14 marzo non si sapeva neppure se il campionato preveda degli scarti.
        – a tutt’oggi non si sa quali punteggi siano assegnati per i piazzamenti (e dire che sarebbe semplicissimo fare riferimento a quelli ANSI).
        – a tutt’oggi non si sa ancora quali premi siano in palio e quali i requisiti per ottenerli.
        – a tutt’oggi non sta scritto da nessuna parte quali siano le quote d’iscrizione ai campionati e/o alle gare.
        – a tutt’oggi non si sa ancora quale uso viene fatto dei fondi raccolti, in quale modo e da chi.
        – a tutt’oggi non si sa ancora quali siano i requisiti necessari alla partecipazione ai campionati.
        – a tutt’oggi non si sa a chi riferirsi per avere informazioni serie e fondate sui campionati in Sicilia.
        – la ditta Fantasyland, importatrice del marchio Ninco in Italia, si e’ resa disponibile e si è pubblicamente impegnata “a fornire gadget e premi per la manifestazione”. Sarebbe bastato, come richiesto, contattarli. Cosa avete intenzione di fare? Credo che risarcire i partecipanti sarebbe il minimo (secondo me anche i tesserati che non hanno partecipato avrebbero buoni motivi per lamentarsi).
        – tutti i club che partecipano nell’organizzazione di questo campionato avevano sedi e strutture già esistenti e collaudati; proprio voi vi siete candidati per organizzare la prima gara, in un locale che all’epoca non avevate ancora, su una pista che non esisteva ancora, in una categoria con la quale non avevate ancora mai disputato neanche una gara di club (come direbbe Manuel Agnelli degli Afterhours, “siete proprio dei pulcini!”); quindi accettando in partenza, e non come dici tu per motivi contingenti, l’idea di arrivare all’appuntamento del 16 marzo completamente ed comprensibilmente impreparati.
        – lungi da me l’idea di immischiarmi nelle vostre faccende interne e soltanto per quello che riguarda le comuni esigenze organizzative, mi permetto di farvi notare che avete organizzato una gara “importante” senza che fosse chiaro all’esterno chi sono i riferimenti per il pubblico all’interno del vostro club. A tutt’oggi non si sa ancora chi siano.
        Non vado oltre perché il mio intento non è quello di infierire. Se qualcuno ci tiene gli mando una lista completa.

        4°) Quando si organizza un campionato che non sia soltanto una occasione di incontro amichevole tra due o più club, ma si vuole, per conto dell’ANSI o per proprio conto, organizzare una manifestazione che assegni legittimamente il titolo di campione regionale, si deve necessariamente, e non per paradosso come sostieni tu, contattare tutti i potenziali interessati, siano essi di Caltanissetta, Enna, Agrigento, Marsala, Trapani, Caltagirone (che comunque non è una provincia come le altre che citi). Altrimenti, il vincitore del campionato non sarà il campione regionale ma, soltanto il campione tra i tuoi amici (il che comunque, lo riconosco, è già qualcosa).

        5°) Scopro, grazie al tuo intervento, che anche in Sicilia esiste una commissione tecnica; ne sono lieto.
        Questo riapre tutta la serie dei quesiti:
        – Chi, come e quando ha previsto l’esistenza di una commissione tecnica in Sicilia?
        – Chi, come e quando l’ha nominata?
        – Chi ne fa parte?
        – Quali sono le modalità con le quali tale commissione opera?
        Sulle concrete modalità per la verifica dei motori, il puntuale commento datato 16 marzo, del sempre ottimo Vincemott, la dice tutta su quanto opportunamente siano stati adottati i “nostri” (perché l’ANSI ci lascia liberi di adottarli) regolamenti tecnici.

        5°)La tua affermazione “al nord è molto più semplice organizzare gare a livello interregionale proprio per la conformazione tipica del nostro paese, lo sai, noi siamo un’isola (fra l’altro decentrata rispetto alla penisola) e gli spostamenti sono certamente più difficoltosi, per questo da noi è un campionato regionale “Sicilia” e non un interregionale ed anche per questo i partecipanti sono molti di meno” è assolutamente infondata (ad eccezione del fatto che noi siamo su un isola, ovviamente).
        Credi che sia più semplice trovare in una città come Milano una sede (stabile) in grado di ospitare 80 concorrenti, più figli (o genitori), fidanzate, mogli, etc.?
        Credi che sia più semplice mettere in piedi una organizzazione funzionale in grado soddisfare (perfettamente) le aspettative di tutte queste persone?
        Credi la trasferta dal Friuli Venezia Giulia o, perché no (visto che è successo) dalla Campania sino a Milano, a Soragna o a Lodi, sia più semplice di quella dalla Calabria a Catania?
        Mettimi pure al corrente se hai notizia di qualcuno che sia lamentato dell’organizzazione dell’interregionale Nord.
        Non sto a spiegarti perché slottisti dalla Campania preferiscono andare a correre l’interregionale nord, piuttosto che rinchiudersi nel nostro campionato ghetto (dove d’altra parte nessuno a creduto opportuno invitarli per tempo).

        6°) Credo di essere estremamente collaborativo e, come dici tu proponente; ho continuato a prestare la massima attenzione sia al Vostro club sia alla manifestazione regionale da Voi organizzata, anche se entrambi da tempo non costituiscono più un mio interesse diretto.
        Mi sono sforzato di evidenziare i limiti della Vostra organizzazione, e credo di averlo fatto chiaramente, proprio perché credo che possa, in futuro, essere di interesse comune una migliore soluzione dei problemi organizzativi.
        Credo non siate voi altrettanto collaborativi; ometto per non annoiarti e per quieto vivere l’elencazione di tutti i segni di scortese insofferenza da parte dei tuoi compagni di club, che la mia poco gradita collaborazione ha provocato. Basti esemplificativamente il “BASTA” che Comeilvento mi scrive su queste pagine il 17 marzo (per i non esperti delle consuetudini di Internet, il carattere maiuscolo corrisponde a gridare).

        7°) Non so cosa ci possa entrare, ma rispondo anche alla critica che rivolgi al mio club, lo Slot Palace.
        Premesso che non più tardi di quattro (4) mesi fa affermavi l’orgoglio di farne parte, siamo meno numerosi di prima solo perché ci avete lasciati. Proprio il fatto che ci abbiate lasciati è il mio unico dispiacere. Smentisco ufficialmente (anche se continua a farmi piacere che ci scherziate sopra) che al Palace siamo così pochi come si dice; siamo così tanti che, pur aprendo (come dice Squillax) il “negozio” quasi tutte le sere, non abbiamo ancora avuto la possibilità di invitarvi, a causa dello spazio che non è (ancora) sfruttato in modo ottimale.
        Comunque con Minniti mi diverto (da 26 anni!).
        PACE!

        • Caro Mimmo,
          quando scrivo che ci conosciamo da “troppo” tempo, voglio evidenziare in modo deciso che certi atteggiamenti, mai visti prima, non me li aspetto di certo. Non pensare e non elucubrare, volevo solo dire questo.
          Per il resto, per tutto quello che ampiamente argomenti, mi riservo di parlarne di presenza; è inutile stare qui a tediare i nostri lettori con polemiche (utili sicuramente).

          P.S. Lo so che Caltagirone non è una provincia, come non lo è nemmeno Marsala…..era per non limitare nulla, visto che avevi citato altri paesi come Modica e Vittoria.

          Un sincero saluto
          Luca

  3. Scusa Mimmo ammetto che ci sia stata una carenza di diffusione di informazioni sul Campionato e sulle gare ma voglio invitarti a riflettere su un paio di cose:
    – Su questo stesso sito e sul sito dell’ANSI Giovanni Montiglio ha invitato i club e i singoli a dire la loro sul regolamento e sull’organizzazione del Campionato Italiano attarverso dei questionari.
    – Su questo sito e su quello dell’ANSI sono state illustrate le risultanze dell’assemblea dell’ANSI sull’organizzazione del Campionato Italiano e sul regolamento, risultanze che hanno in larga parte rispettato quanto espresso dai club sui questionari.
    Per quanto riguarda il Campionato Regionale Sicilia le basi del’organizzazione sono state gettate in occasione della gara endurance svoltasi presso il Club Protoslot di Isola delle Femmine nel mese di gennaio, se vai a rileggerti l’invito che ho pubblicato qui su ItaliaSlot lo si dice esplicitamente.
    Ripeto, ammetto che ci sia stata carenza di informazioni ma essere trattato da “carbonaro” non mi sta bene.
    Con la speranza di ricevere da te l’ennesima lezione di slot ti saluto.

    Paolo “Paliddo” Sciascia

  4. Ho la netta impressione che qualcosa si stia rompendo.
    Peccato il sud è una bella realtà.
    Trovate un rimedio , essere una setta non giova a nessuno.

  5. Caro Mimmo.
    Stai diventando il personnaggio numero uno di Italia Slot.
    Quasi quasi ti invito a correre con noi.
    A presto.
    NB i nostri regolamenti sono a voce.

I commenti per questo articolo sono chiusi.