Rally di Novegro

Grande successo e spettacolo assicurato, tanti “junior” con occhi sbarrati, bocca aperta e attentissimi a controllare la macchina in sbandata sui tratti “ghiacciati”

La pista passava dall’asfalto allo sterrato per salire in montagna con i tornanti ghiacciati, ogni tipologia di fondo era presente ed aveva le sue difficoltà.

Le piste rally sono in piena evoluzione, richiedono poco posto ed è bello variarne il tracciato per simulare più prove speciali.

Con 85 iscritti direi che come prova e promozione del rally è stato un successo.
Classifica

CLICCA QUI

Ora è il momento di fare le cose sul serio per dare agli appassionati di questa categoria un Campionato Italiano Rally nel 2008.
Per quest’anno, e mi rivolgo a tutti, stiamo organizzando il “Rally di Verona” che si terrà il 12-13 Maggio alla fiera di Verona. Sarò più preciso sullo svolgimento delle speciali e tutto quanto può essere utile sapere a breve. Per il momento vi dico che sarà una cosa seria, la prima vera gara Rally a livello Nazionale.

Ringrazio Enrico e Dario per la disponibilità

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

10 commenti su “Rally di Novegro

  1. Complimenti a Paolo Motta che pur restando a Catania si è piazzato 26° nel rally!

  2. Questo dimostra che anche se non ero presente fisicamente, con la forza del pensiero ero lì…..
    HA HA HA HA HA::::::::::::::

    • Chissa chi sarà stato lo spiritosone che ha fornito ad Enrico in nome di Paolo Motta ?
      Magari qualche big pistaiolo che preferiva non rischiare con il cronometro?
      Ciao
      Dario

  3. No Dario è solo un caso di omonimia, infatti se guardi il Paolo Motta in questione appartiene alla categoria Junior, oppure potremmo pensare che Paolo Motta oltre ad una macchina per il teletrasporto possiede anche una macchina per viaggiare indietro nel tempo!!!!
    Se così fosse sarei interessato all’acquisto di entrambe!!!!!!!!!

    • Peccato ! Sarebbe stato bello sparlare di qualche big pistaiolo….
      Ciao
      dario

  4. Colgo l’occasione a nome del Rally SC Biella per ringraziare sia Giacomo, per tutto quello che ha fatto in questi giorni, sia Paolo per la pubblicazione di tutto il materiale sul Rally.
    Inoltre un ringraziamento va a Ninco che ha permesso la realizzazione di tutto quello che avete potuto apprezzare a Novegro.
    Il Rally Slot Club Biella da 11 anni continua la sua attività rallistica e da due anni, anche grazie alla collaborazione del gruppo valdostano di Dario Franco, siamo riusciti a promuovere il Rally Slot fino ad arrivare a Soragna nel 2006 e quest’anno qui a Novegro.
    L’idea di un campionato Rally Slot a livello nazionale è stato per anni un nostro sogno, ora finalmente potrà avverarsi.
    Ecco perchè per il Rally Slot la nostra disponibilità è, e sarà, sempre presente.
    Grazie ancora a tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto.

  5. …scopro solo oggi di essere diventato trasparente!!
    tutto ciò al quale lavoro o per il quale lotto ed apro porte mai schiuse, si traduce in …….niente…..nessuno si ricorda mai di chi propone o fa!!
    pochi giorni fa ricordai, in un altro post, che lo scorso anno proposi io le ranking separate tra “pro” e “junior”…ma nessuno se ne era ricordato….neanche coloro che avevano ricevuto e discusso le mie email;
    oggi leggo con rammarico che i Rally avranno finalmente una gara a livello nazionale!. Dal 2004 ad oggi ne ho fatto di “rumore” per i rally. Ne ho subite di critiche e ne ho ingoiati di rospi….”voi dei Rally…voi di serie B…..”.
    Ma ho anche raccolto molti consensi e credo di aver contribuito al lancio di questa fantastica categoria, dedicandogli uno spazio privilegiato in un portale….ma questo è diventato trasparente…..come trasparenti sono diventati: Bartalini, Melioli, Bacchini, Ronco, Ballocci, Valli, Cellini, Bandecchi, Nonni, Pellegrini, Mordivoglia, Gentili, Bartolommei, Gruttadauria, Sirna, Mori, Hitomi, Tomoko e Vigni. Tutti questi hanno partecipato alla Coppa Italia Rally…ma sono diventati trasparenti…. Anche le discussioni in merito alla Coppa Italia 2007, prevista per questo Settembre lo sono diventate….
    Provo soltanto rammarico per la mancata considerazione tenuta nei miei confronti e per chi, con me, si sbatte da tempo per portare al giusto livello i Rally in Italia.
    Mi è stato rimproverato di restare troppo dietro un computer e spendere poco per la promozione. Vorrei solo precisare che non avendo chi spende per me, non posso farlo di tasca mia. Ma questa sarà solo una motivazione in più per andare avanti di testa mia, con i miei progetti che hanno come unico obiettivo quello di arricchire di esperienza gli appassionati slottisti e nient’altro!
    Concludo ribadendo i miei complimenti ad Enrico per quanto realizzato a Novegro per i Rally italiani.

    Massimo Cellini

    • “nessuno si ricorda mai di chi propone o fa!!”

      Propongo subito di trombare un sacco di f..a

      Ora vediamo se si “fa” o divento trasparente.

    • Ciao Massimo, leggo con dispiacere il tuo disappunto. Stiamo vivendo un momento importante per il rallyslot. Forse i nostri sforzi, miei, di Enrico, tuoi , di Carlo, e non so chi altri, stanno per dare dei frutti. Enrico sono 11 anni che slotta solo rally, perchè la pista lo “annoia”, io è dal 1999 che organizzo qualche rallyes sulla pista del Tetley’s pub di Sarre, ma in effetti il rallyslot è uscito dalle nebbie grazie al sito “montebelloslot” prima ed al portale “tuttoslot” poi. Sono diversi anni che anche tu spendi energie e credo anche soldi per organizzare gare come la coppa Italia o il Campionato Umbro. Eventi che hanno fatto correre insieme rallysti di varie regioni. Se non sbaglio ad una Coppa Italia parteciparono anche 2 piloti dell’ECA di Torino. Non credo che dobbiamo accantonare i nostri intenti, anzi in questo momento sarebbe utile continuare per la strada già intrapresa, cioè cercare di unificare i regolamenti, in modo che si possa correre nella stessa maniera sia a Palermo che ad Aosta. Sai che abbiamo altre idee in cantiere, di cui abbiamo parlato con voi del gruppo di tuttoslot, e dobbiamo continuare per far conoscere questa disciplina bellissima. Se il rallyslot ha incominciato ad incuriosire le persone è perchè tu hai capito per primo che questa maniera di correre potrebbe avere successo anche in Italia e non solo in Spagna. Poi siamo arrivati io ed Enrico che ti abbiamo seguito e quando possibile, supportato. Adesso grazie a NINCO e a delle vetrine nazionali come Soragna, ed internazionali come Novegro e Veronastiamo per fare il grande salto. Giacomino il falegname è stato molto importante perchè è stato il tramite per partecipare a queste manifestazioni. Concludo dicendo che se tutti remeremo nella stessa direzione, riusciremo a toglierci parecchie soddisfazioni.
      Ciao Dario

  6. La cosa è passata un po’ in secondo piano rispetto al successo ed alla novità dell’evento, ma di solito “noi” di Biella commentiamo sempre la classifica finale del rally, cosa che non è stata ancora fatta e che mi accingo a fare, anche se un po’ grossolanamente.
    Cominciamo dal primo classificato, 11 anni di rally slot si fanno sempre sentire e nonostante l’uscita in PS 3, subito però corretta dall’attento commissario, hanno fatto ancora una volta la differenza, purtroppo l’assenza dell’altro “mostro sacro” dei rally Squiccimarra, non ha permesso di vedere una lotta ai centesimi, ma sarà per la prossima volta.
    I complimenti più ecclatanti vanno ad Antonella che già confermatasi nello scorso campionato, anche qui a Novegro ha fatto una prova maiuscola lasciandosi dietro nomi illustri del rallismo e dello slot in genere. Paolo Furno, terzo, è ormai abituato a vedere la targa posteriore della vettura di Antonella, è già successo molte volte in campionato.
    Quarta piazza per un ottimo Sarteur che ha preceduto Cervellati e Dario Franco partiti forse un po’ troppo tranquilli.
    Ottimo sesto e primo dei non rallisti Giacomini, che potrebbe pensare ad un futuro in questa disciplina.
    Molti i nomi della “Pista” che si sono cimentati a Novegro nella disciplina rallistica, tra tutti si sono particolarmante distinti Trolli, Mirone e Cavriani.
    Sfortunato invece Walter Oliva che non ha potuto usare la sua Ford Focus WRC, con cui staccava ottimi tempi, per un problema alle sospensioni e ha dovuto accontentarsi di una ventiseiesima posizione con una Lancer sconosciuta.
    I complimenti vanno anche a Andrea Fiorenzo vincitore della categoria Junior che ha preceduto per soli 15 centesimi Emilio Tempesta. Terza piazza dei junior per Riccardo Gianolio, mentre Paolo Cigardi ha mancato il podio per soli 43 centesimi di secondo.
    L’appuntamento per la rivincita sarà al Model Expo Italy di Verona a metà maggio.

I commenti per questo articolo sono chiusi.