Mosler MT900-R Ninco

La prima cosa che stupisce di questo modello sono le dimensioni importanti, ben 1 cm più lunga della Toyota Supra, con un passo di 86,3 (80,6 Toyota) e un passo slottistico misurato al PK di ben 106 (98 Toyota). La larghezza è invece 62.5 contro i 64 della Japan.

Stando alle misure questa macchina dovrebbe essere molto veloce nei curvoni esterni a discapito di una certa maneggevolezza nei tratti misti e tortuosi, ma questo saranno i tempi sul giro a dircelo.
La carrozzeria è particolarmente curata, l’argento metallizzato con cui è verniciata questa Mosler, è quasi cangiante, a secondo di come viene colpita dalla luce, prende dei riflessi bianco perlato.

E’ fissata al telaio per mezzo di 3 viti, 2 anteriori e 1 posteriore, per togliere la carrozzeria bisogna fare un po’ di attenzione perché il gancio di traino che fuoriesce dalla presa d’aria anteriore, la trattiene e va sfilata portandola in avanti.

Il motore è posto sempre angolato ma al contrario rispetto alla Honda e Toyota, nelle auto europee la guida è a sinistra, mentre nelle Japan è a destra, questo fa si che il motore venga angolato da una parte piuttosto che nell’altra. Esempio sono la BMW M3 e la Megane che sono angolate come la Mosler.

La prima grossa sorpresa la troviamo nell’abitacolo, ora non ha più lo scopo di ferma motore rendendo il basculaggio della carrozzeria più facile.

Seconda sorpresa, sparisce il PK con la molla per tornare al classico PK nero

Che dire di più, carrozzeria leggera, flessibile e libera di basculare, la Mosler MT 900R ha tutte le carte in regola per andare forte.
Ma questo ve lo dirò presto, difatti questa sera la metterò sotto torchio schierandola al via della gara Japan del Milano Slot. Vedremo il comportamento del passo lungo e dell’assenza della molla sul PK.

La commercializzazione di questo modello dovrebbe avvenire la prossima settimana.

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

10 commenti su “Mosler MT900-R Ninco

  1. NON TI FACCIO CORRERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    o ne porti 2 o stai a casaaaaaaaaaaaa!!!
    AHAHAHAHAHAH

    Ciao Mario

    • ohhhhh Mariet calma, mettiti in fila !!!!! due sono già prenotate 🙂

      slurp slurp …..

  2. I soliti raccomandati !!!!!!!
    Per forza che poi ti dicono nei forum che sei nella Yakuza dello slot!
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!!!
    Ciao
    Marco

  3. chissà che anche Giacomo questa sera non riesca ad arrivare tra i primi 🙂

    Maurizio

    • Hola! Mauricio

      Quando decido di impegnarmi qualche cosa di buono lo faccio anche io. Se vai sul sito http://www.milanoslot.com nell’ultima gara di F1 non sono andato niente male.
      Peccato che tu snobbi questa categoria, altrimenti te le avrei proprio date!!!!!! ahh ahhh ahhh

      Comunque non aspiro certo alla vittoria con questa Mosler, la mia è solo la curiosità di vedere come si comporterà tolta dalla scatola e via.

      • Puoi ripetere che non abbiamo capito???
        BASTA 1 SOLO INVIO!!!!
        ahahahhahahhhhahaaahahahahh!!!!!!!

    • Ciao Maurizio
      GIACOMO è arrivato tra i PRIMI MA AD APRIRE IL CLUBBBB!!!!
      AHAHAHAHAHA

      Ciao Mario

  4. 2 viti all’anteriore?
    la boicotterò per questo.(sono un pigro)

    Gabriele

  5. Come promesso ecco le prime impressioni in pista della Mosler MT900-R Ninco.

    Dopo aver rimosso il gancio anteriore che blocca la carrozzeria al telaio e sostituito gli assali anteriori e posteriori con degli Slot.it omologati nella categoria AW Ninco, ho messo la Mosler in pista.

    La solita emozione che si prova alla prima prova di un modello nuovo era d’obbligo, un giro lento per gustarsi la macchina, (anche l’occhio vuole la sua parte) e poi spingo subito per vedere come si comporta.

    Le gomme che ho montato avevano già fatto un centinaio di giri e non mi sarei mai aspettato di staccare, già al secondo giro, un 11,8.
    Guardo il cronometro e penso che non è niente male, la Mosler non si comporta come le altre Japan ma fila via via pulita senza troppi sobbalzi. Nei giri successivi i tempi rimangono costantemente sotto i 12″ e per rendermi conto del livello prestazionale, butto un’occhiata ai tempi degli altri che provavano le varie Toyota e Honda prima della gara.

    Incredibile a dirsi ma non ho visto tempi al di sotto dei 12,2.
    Continuo a girare senza pulire le gomme, la lunga Mosler anche forzando non saltella, piuttosto tende a scodare come si comporterebbe un’auto GT.
    Nei tratti misti e sulle salite del Milano Slot, la macchina non è molto agile, fatica a stare al passo delle Toyota e viene bruciata dalla Honda, ma fuori dalle curve riesce a scaricare molto meglio la potenza del motore senza scomporsi, traducendosi in facilità di guida e recupero sul tempo perduto.

    Vederla girare in mezzo a Toyota e Honda, è netta la differrenza di stile della carrozzeria, in effetti la Mosler è nata per le gare endurance ed è una “GT” a tutti gli effetti. Così bassa e lunga, quando ci si trova in mezzo alle Japan, viene da chiedersi: “Ma cosa c’entro in mezzo a queste macchine?”
    Fatto sta che nel SuperGT giapponese la Mosler MT900-R corre, e se le proporzioni sono giuste, anche nella realtà ci sarà una differenza simile.

    Ma la verifica vera e propria della competitività di questa macchina, l’ho voluta provare durante la gara Japan che di li a poco si sarebbe svolta.

    Come è andata lo commenterò nel forum riguardante la gara del Milano Slot,.
    Qui concludo dicendo che chi ha avuto modo di provarla ne è rimasto entusiasta, primo fra tutti chi ha pensato bene di srtavincere la gara con ben 2 giri di vantaggio.

I commenti per questo articolo sono chiusi.