Interregionale Nord – AW Ninco-Classic

Sulla pista del Magical di Cilavegna, oltre alla festa di carnevale del paese con carri, stelle filanti, schiuma e tante mascherine, è andata in scena la prima prova del campionato Interregionale ANSI settore Nord.

Il tortuoso tracciato del Magical, a parte i piloti di casa, è stato un po’ un terno al Lotto per la messa a punto dei mezzi. Il poco tempo a disposizione per le prove libere ha messo in crisi i piloti per la scelta degli assetti delle Japan Ninco. Veloci le Honda NSX, ma l’affidabilità delle Toyota ha fatto si che in parco chiuso fossero in numero maggiore.

La pista era munita di un nuovo sistema per il rilevamento dei tempi creato da Stefano Gatti, su ogni corsia si poteva controllare il tempo, il giro più veloce e la velocità delle auto calcolato sulla media del giro più veloce.
Il sistema è collegato a un normale ponte DS tramite la porta parallela.

Iniziano le verifiche tecniche con la consegna dei motori e delle gomme, poche anomalie da segnalare se non una stupenda carrozzeria Toyota Castrol con un peso eccessivo e quindi fuori regolamento. Peccato perché era veramente bella, forse una mano in meno di finitura lucida l’avrebbe mantenuta nei 27 grammi previsti dal regolamento.

I malfidenti ci sono sempre a tutte le gare e non perdono occasione di dubitare sulla regolarità di alcune macchine. Ne ho immortalato uno “a caso” che con sguardo sospettoso scrutava le macchine in parco chiuso additandone una in particolare.

Peccato che si è poi rivelata essere proprio la sua… Quando vuol dire essere sospettosi dentro.

Bella gara quella delle AW Ninco, tempi molto ravvicinati, solo l’abilità del pilota ne ha decretato la classifica. Sul podio salgono Biacchi (Toyota) seguito da SuperMario Arturi (Toyota) entrambi del Milano Slot, terzo posto per Stefano Gatti (Honda) del Magical.

Segnalo l’ottimo quarto posto di Alberto Faroldi (Alba) di Soragna su Honda che ha mantenuto fino alla fine il record del giro più veloce. Ma il proff non concede niente e negli ultimi giri, con la vittoria in tasca, ha pensato bene di portarglielo via.

Mentre nel piazzale sottostante i carrozzoni del carnevale sfilavano con musica a manetta, partiva la seconda gara, la categoria Classic.

In questa categoria qualche problema in più nelle verifiche c’è stato, più che altro dato da carrozzerie e telai con qualche anno di corse sul gobbo e non più aggiornate con il nuovo regolamento.
Non ci si è persi d’ animo, smonta un pezzo da quella rimonta qui, prestami quello, usa quell’atra, il parco macchine si è completato con maggioranza di Porsche 908/3 seguite a ruota da 908, 1 917K, 1 Chevron, 1 Ford GT40, 1 Ferrari 512 e 1 Racer Ferrari 250 LM.

I piloti di casa si son fatti trovare più preparati che nelle AW e nelle prime batterie emerge Rota con una Ford GT 40 da paura tanto andava bene, che fissa subito il tetto dei giri da battere.

A superarlo ci penserà dopo un paio di batterie un altro pilota di casa, Stefano Gatti, autore di una gara che ha dell’incredibile. Dopo una partenza non troppo felice con ammucchiata generale, gira forte ma gli inseguitori non sono da meno. Nella seconda manche succede il fattaccio, la Porsche 908/3 del “Gattaccio” perde una vite e Stefano è costretto a fermarsi per rimetterla.
Sale l’adrenalina, a quel punto è stato come liberare un gatto dal cestello della lavatrice dopo la centrifuga, occhi rossi, ghigno cattivo, comincia a rimontare recuperando mezzo secondo al giro. Gli avversari se li mangia ad uno ad uno e vince la batteria staccando Rota di 1 giro.
Ma quanto cavolo andava? Non è che il software riconoscendo il nome del programmatore che l’ha creato, ad ogni giro gli toglieva qualche decimo? La commissione tecnica ha controllato che i liquidi delle siringhe utilizzate per lubrificare non se li sia sparati in vena? E le offelle omaggiate a tutti i piloti nel dopo gara non siano state dopanti? No, quelle le escludo, mi sono sparato la scatola intera nel viaggio di ritorno e a parte un po’ di sonnolenza non ho avuto altri sintomi.
Comunque sia andata, bravo Gattaccio, bella prova.

Altra prova di rilievo è stata quella di Gabriele Arnaboldi, 2° sul podio.
Vi dico solo che ha cambiato una maglietta ogni manches. I piloti della sua batteria erano più attenti a non scivolare sulle pozzanghere lasciate a terra che a mantenere la macchina in pista. La faccia di Gabriele era una cosa inguardabile, fortunatamente non c’erano bambini, altrimenti li avrei portati fuori tenendogli gli occhi chiusi e tranquillizzandoli dicendo: “Non è sempre così, poi torna normale, è una costume di carnevale, LA MASCHERA DI SUDO”.

La classifica generale non è ancora completa, manca la batteria dei “migliori” Biacchi, Paco, SuperMario e Ferri partono facendo una decina di giri appaiati. Il più veloce pare essere Davide Izu Ferri che scende sotto i 10″ ma commette qualche errore a favore di Paco che riesce a prendere 1 giro.

Rimonta bene Biacchi mentre Arturi è in seria difficoltà con una Chevron poco adatta al tipo di tracciato.

Nessuno di questi riuscirà a fine gara a superare Gatti.
In sostanza:
1° Gatti
2° Arnaboldi
3° Rota
4° Biacchi
5° Paco
6° Maglietta
Arnaboldi e Rota sono giunti a pari giri ed a pari settori ma Arnaboldi è secondo per aver fatto un giro più veloce in gara migliore di quello di Rota. Biacchi è giunto quarto staccato di un solo settore da Arnaboldi e Rota.
Premiazione finale con targhe per i giri veloci delle gare, coppe e offelle per tutti.

Le classifiche generali saranno disponibili al più presto.

Prossima gara IRN ANSI sulla pista Polistil del Nuvolari Slot Club Brianza a Lissone (MI) il 19 marzo con le categorie GT e AW Ninco.

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

10 commenti su “Interregionale Nord – AW Ninco-Classic

  1. Classifica Angle Winder Ninco

    1 BIACCHI 117 32
    2 ARTURI 115 116
    3 GATTI S. 115 113
    4 FAROLDI 115 69
    5 PICCINNI 115 57
    6 ARNABOLDI 114 107
    7 PAVAN 113 44
    8 SFENOPO 110 73
    9 BINDA 109 116
    10 OLIVA 109 102
    11 BULZIOL 109 2
    12 GRAZIOLI 107 60
    13 AGOSTI 106 102
    14 SAPIO SE. 105 107
    15 MAGLIETTA 104 112
    16 BALLOTTA 104 105
    17 MONTANI 103 115
    18 GATTI A. 102 75
    19 ROSSI 102 74
    20 DICILLO 102 29
    21 JUGLAIR 100 56
    22 PILOTTO 99 31
    23 PERSICO 98 60
    24 PALLINI 24 116

    Classifica Classic

    1 GATTI S. 118 49
    2 ARNABOLDI 117 56
    3 ROTA 117 56
    4 BIACCHI 117 55
    5 BALLOTTA 116 75
    6 MAGLIETTA 116 69
    7 AVANZINI 116 12
    8 PAVAN 116 11
    9 FERRI 115 110
    10 ALBERTINI 115 102
    11 PICCINNI 115 38
    12 PALLINI 114 76
    13 FAROLDI 113 123
    14 PERSICO 113 88
    15 BINDA 113 12
    16 SAPIO SE. 112 64
    17 SFENOPO 112 24
    18 ARTURI 111 40
    19 JUGLAIR 111 25
    20 ANDREONI 110 122
    21 BULZIOL 109 116
    22 SAINI 109 24
    23 AGOSTI 108 111
    24 OLIVA 108 94
    25 BERTOLOTTI 108 56
    26 PILOTTO 108 34
    27 DICILLO 107 1
    28 ROSSI 105 21
    29 MONTANI 104 109
    30 GRAZIOLI 104 108
    31 GATTI A. 104 24

  2. Eccomi…eccomi…..

    La classifica ANGLEWINDER :
    Image hosting by Photobucket

    I tempi migliori per corsia :
    Image hosting by Photobucket Image hosting by Photobucket
    Image hosting by Photobucket Image hosting by Photobucket

    LA CLASSIFICA CLASSIC:
    Image hosting by Photobucket

    I tempi migliori per corsia:
    Image hosting by Photobucket Image hosting by Photobucket
    Image hosting by Photobucket Image hosting by Photobucket

    Ciao a tutti, Gattaccio

  3. Cavoli! Era la prima volta che partecipavo ad una gara ‘seria’ in modo serio…
    La prima volta era l’endurance di Milano 90 con le BMW M3 Ninco ed era la seconda gara in assoluto che facevo, poi due Coppa Valle e per il resto solo gare di club.
    L’IRN è un’altra cosa…
    Ti può passare davanti chiunque e chiunque ti osserva e ti valuta…
    E’ stata una giornata eccezionale, almeno per la parte che ho vissuto io non facendo la gara Angle winder, in cui la competizione era altissima ma l’amicizia e l’allegria ha sempre prevalso su tutto!
    Ho visto in gran forma Paco che ultimamente a Cilavegna non aveva fatto sentire il ‘peso’ della sua esperienza. Rispetto alla gara di allenamento di due giorni prima Biacchi e Arnaboldi sono migliorati moltissimo in quanto a costanza e pulizia di guida, Albertini si è confermato osso duro mentre Avanzini, nonostante il successo ottenuto qualche mese fa sulla stessa pista non si fida ad usare la sua 412P che gli avrebbe evitato a mio parere tantissime uscite… Comunque se dice che era meglio non usarla c’è da fidarsi!
    Il gruppo di Aosta ha forse pagato il fatto di non aver più corso da noi da un po’ e quindi, mentre gli assetti delle macchine erano tutto sommato buoni, forse la disabitudine al tipo di tracciato li ha fatti sbagliare un po’ troppo.
    Bravissimi Alba e Izu: il primo ha migliorato tantissimo le prestazioni che aveva già ottenuto al Magical e Izu, che forse non ci aveva mai messo piede faceva veramente paura! Bravo!
    Per i piloti di casa faccio i complimenti a tutti!
    Gatti non è mai stato così veloce, probabilmente nemmeno quando viene a provare di nascosto…
    Maglietta per una volta è riuscito a dribblare la sfiga che lo perseguita ultimamente e in generale anche tutti gli altri si sono comportati benissimo!
    Anche io mi sento veramente soddisfatto perchè le premesse erano tragiche! Ho dovuto cambiare carrozzeria perchè la mia era smussata qua e la per fare stare i pesi. Chi ha provato a preparare un GT40 sa che non c’è molto posto…
    Fatto sta che mi sono ritrovato a mettere la macchina in parco chiuso senza sapere se sarebbe rimasta in pista perchè la pesatura era decisamente diversa, con delle gomme che non avevo mai usato e con la carrozzeria che non si chiudeva bene e che basculava solo da un lato…
    In pista invece era affidabilissima anche se non molto veloce e la conoscenza del tracciato mi ha permesso di sbagliare poco e niente (grazie alla sportellata di Antonio mi sono giocato la seconda posizione…;-)).
    E’ andata a finire che mi sono accorto di aver fatto un’ottima prestazione solo una volta finita la mia gara e da quel punto è iniziata a salire l’adrenalina ogni volta che iniziava una nuova batteria e che la mia posizione in classifica vacillava!
    E ha vacillato per bene visto che Arnaboldi Biacchi ed io siamo arrivati a pari giri e divisi in tutto da un settore!
    Divertentissimo!
    Alla Prossima!

  4. Ringraziando per l’ottima ospitalità ricevuta, porgo i miei complimenti e quelli di Pilot a tutto il club Magical per la gran puntualità e professionalità dimostrata su tutti i fronti come un IRN richiede.
    Grazie ancora.

    Davide & Raffaele

  5. Puntuali dopo il commento alla gara ecco le retifiche all’articolo:

    Arnaboldi e Rota sono giunti a pari giri ed a pari settori ma Arnaboldi è secondo per aver fatto un giro più veloce in gara migliore di quello di Rota. Biacchi è giunto terzo staccato di un solo settore da Arnaboldi e Rota…

    grazie per l’aiuto

    • Confermo, infatti nella classifica che ho pubblicato l’ordine e’ gia’ corretto : 2° Arnaboldi, 3° Rota, 4° Biacchi.
      Grazie, Stefano.

  6. A nome del Magical ringrazio tutti coloro che hanno partecipato. E’ stata una gran bella giornata trascorsa in allegria e con la giusta dose di agonismo. Un ringraziamento super alla commissione tecnica, al grande Paco a Pavan ad Arturi Ferri Faroldi Saini e a tutti quelli che si sono sbattuti per verificare e controllare le macchine. E’ stata una grande fatica che solo i veri amanti dello slot possono sopportare. Grazie a Giacomo e alle sue spettacolari foto messe in linea a tempo zero.
    Due gare in un giorno costringono sempre ad un super lavoro, e per questo devo ringraziare anche le persone del mio club (eravamo in 10, tutti hanno partecipato alle gare, non male) che hanno svolto il proprio compito con assoluta dedizione. Grazie anche ai volontari che ci hanno dato una mano nel lavoro di commissario.
    Molti i piloti che hanno sfornato prestazioni superlative. Complimenti a tutti. Il tracciato del Magical non è difficilissimo, ha un buon ritmo e permette anche agli esterni di ben figurare.
    In bocca al lupo per le prossime gare di questo interregionale.

  7. Ci tengo anche io a ringraziare tutti quelli che hanno partecipato alla gara ed hanno contribuito a rendere cosi’ piacevole questa lunga giornata.
    Un ringraziamento personale a tutti i soci del Magical per l’entusiasmo dimostrato e per essersi prodigati affinche’ tutto funzionasse perfettamente, consci dell’importanza dell’evento.
    Un ringraziamento particolare a tutta la CT per la serieta’ e professionalita’ dimostrata. Ad Albertini per avermi prestato la carrozzeria del Porsche 908/3 dopo che la mia era risultata irregolare in fase di verifica. A Davide Pallini per non aver ceduto alla rabbia quando la sua splendida gara nell’Anglewinder e’ stata interrotta dalla fuoriuscita di un filo dal pickup. A Piccinni con il quale mi sono ritrovato con grande piacere a gareggiare in entrambe le categorie. A Giacomo per la simpatia, per la cronaca della gara e per le splendide foto…..e poi tutti gli altri, nessuno escluso.
    Siete stati TUTTI fantastici.
    Alla prossima,
    Gattaccio

  8. Cosa aggiungere che non sia già stato detto dal Presiente Maglios e dal Vice Gatti?
    Nulla se non un grazie a tutti anche da parte mia.
    Spero che la nostra ospitalità sia stata gradita da chi è intervenuto all’evento,
    Chi per la prima volta e da chi ormai è un veterano.
    A rivederci a presto!

  9. Ringrazio tutto il club magical per la classica ospitalità offerta.
    ho notato frà l’altro una gran partecipazione di piloti da parte di questo club ………complimenti davvero.
    Un bravi alle commissioni tecniche davvero molto impegnate lodevole secondo me l’impegno .
    Bravi ai vincitori sia il proff. (japan gt) che Stefano GATTI (classic) ma davvero ottima anche la prova di Rota (gran bella gara la tua).
    Ringrazio di nuovo tutti e saluto cordialmente.
    antonio avanzini.

I commenti per questo articolo sono chiusi.