Campionati Italiani 2005 ANSI

Dopo 3 anni di Campionati Italiani a Soragna, posso dirvi che di bravi piloti ne ho visti parecchi. Ognuno ha la sua particolarità, il suo stile di guida, la tecnica per preparare le macchine e la concentrazione. Solo pochi però si sono dimostrati in grado di vincire il titolo e, non me ne vogliano gli altri, comincerò a segnalarvi quelli che per me sono stati i migliori piloti di questa edizione.

Da sinistra: Monaco – Merulli – Biacchi – Paco – Gasperini – Gala Trinchera – Malangone – Noviello

Da sinistra: Gala Trinchera – Merulli – Malangone – Fallini – Ferri – Noviello – Santagati – Gasperini

Da sinistra: Campriani – Paco – Arturi – Avanzini – Fallini – Gasperini – Noviello – Gala Trinchera

Il Centro-Sud, delle 4 aree in cui si svolgono gli interregionali ANSI, è stato il girone con la maggior parte di piloti in vetta alle classifiche, primo fra tutti Salvatore Noviello, il piccolo uomo di Giffoni (SA) (uomo è una parola grossa per lui, più appropriato sarebb “il grande nano dello slot”) è stato in grado di vincere 2 titoli, DTM e GT. Nella categoria Classic, una banale sosta ai box per sistemare le spazzole gli ha tolto il piacere del tris. Per come era veloce non gli sarebbe certo sfuggito anche questo titolo.

Gli altri protagonisti che hanno disputato le finali sono:
Daniele Malangone (Giffoni – Salerno)
Francesco Gala Trinchera (Napoli Slot Promotion)
Andrea Gasperini (Barone Rosso – Arezzo)
Claudio Biacchi (Milano Slot)
Walter Merulli (Gruppo Slottistico Perugino)
Lorenzo Fallini (Ayrton Senna Soragna)
Davide Santagati (Catania Slot)
Antonio Avanzini (Ayrton Senna Soragna)
Rossano Ballotta (Paco) (Ayrton Senna Soragna)
Guido Monaco (Napoli Slot Promotion)
Campriani Stefano (Barone Rosso – Arezzo)
Davide Ferri (Ayrton Senna Soragna)
Mario Arturi (Milano Slot)
Davide Segante (Milano Slot)
Ettore Mazza (Napoli Slot Promotion)
Felice Mirone (Catania Slot)
Alberto Elli (Fenice – Varese)
Roberto Bulzoni (Milano 90)
Davide Goti (Barone Rosso – Arezzo)
Raffaele Giuliano (Giffoni – Salerno)

Venerdi tutto è pronto per l’importante evento, è una giornata dedicata al controllo generale e alle prove libere. Ogni concorrente ha avuto a disposizione 8 turni per ogni categoria da alternarsi ad altrettanti turni di commissariato.
La serata si concludeva con la cena e le premiazioni dei 4 Interregionali ANSI 2005.

Piacevole serata con circa 60 intervenuti a far festa e a ritirare i numerosi premi.

Sabato mattina la sveglia suona all’alba, in programma ben 3 categorie, DTM Ninco, Classic e Gt Produzione 1/24.

Le verifiche tecniche con consegna di motori, gomme e i ben 101 piloti iscritti, ritardano un pò i tempi e le partenza della prima batteria prevista per le 10 avviene verso le 12.
Come ci si aspettava le Mercedes CLK sono state le macchine preferite, ma non sono mancate le Opel Astra, le Audi TT e le BMW M3.

Anche se oramai datate, queste macchine sono sempre belle da vedere e divertenti da guidare, peccato doverle mettere in bacheca nel 2006

Dei 101 partecipanti, solo 16 accedono alle semifinali. Solite facce soliti nomi, (se sono sempre loro un motivo ci sarà) sono bravi, bravi, bravi. 2 gare tiratissime da cui i migliori 8 disputeranno la finale.

Fuori dai giochi il CI 2004 Lorenzo Fallini 5° a favore di Merulli per 1 solo settore e per Antonio Avanzini giunto 4° ma penalizzato di 3 giri per aver perso una vite in gara.
Noviello – Gala Trinchera – Biacchi – Malangone – Paco – Gasperini – Monaco e Merulli sono i finalisti della gara che assegnerà il titolo di Campione Italiano DTM Ninco.

I pronostici davano per favorito Salvatore Noviello, a contrastarlo ci hanno provato Gala Trinchera e il Prof. Biacchi, seguiti da Malangone, Paco e dal trio a pari giri Gasperini, Monaco, Merulli.
Festeggiamenti al vincitore, ma la “mannaia” era pronta per il 3° classificato Biacchi. La commissione tecnica, dopo essersi riunita e valutato più attentamente le auto finaliste, riscontra delle anomalie sul pianale della Mercedes CLK del Prof. e consegna al direttore di gara la lettera con richiesta di squalifica. Paolo Niccolai, prima di darne comunicazione, decide di far terminare le gare Classic in fase di svolgimento e alle 4,30 del mattino, legge il documento in pubblico e accetta la squalifica.

La Classic è la seconda categoria in programma, possono parteciparvi i modelli di auto che hanno corso negli anni 60-70. Sullo schieramento le leggendarie Porche 908 e 917, Ferrari 512, Chevron, Ford GT 40 e le Ferrari 250 LM. Anche in questo caso, ai 96 iscritti, i motori e le gomme sono stati forniti in parco chiuso.

Belle le macchine, peccato che si è persa per strada l’usanza di adottare gli inserti dei cerchi con disegno originale e abbiamo avuto la maggior parte di auto con ruote nude, un bel pugno in un occhio per questi modelli.
Le gare si protraggono fino a notte fonda, anzi diciamo che quando gli 8 finalisti si schierano al via è l’alba.
La finale è stata una gara da brivido, 8 macchine che fino alla fine sono rimaste nello stesso giro, le spunta Gasperini a settori su Fallini e Gala Trinchera, Noviello precede un’incredibile SuperMario Arturi che tiene testa ad Avanzini, Paco e Capriani tutti nello stesso giro.

Quando usciamo dal palazzetto sono oramai le 4,30 del mattino, giusto il tempo di dare uno sguardo al letto e alle 7 inizia un’altra giornata di slot.

Domenica scendono in pista le GT, gran numero di Dallara, qualche Reynard, Lola e Nissan 390. C’è anche la pista su cui si disputerà il Campionato Italiano Junior con le Porsche 956/962 Slot.it e l’ultima prova del Campionato Italiano GT produzione sulla pista in legno.

Grande attesa per queste categorie, in particolare la Junior under 12 dove si sta cercando di creare un vivaio che speriamo dia allo slot anni di lunga vita.
Nella GT, la categoria che consente una preparazione di auto più libera rispetto alle altre, in parco chiuso, a scopo statistico, sono stati misurati anche il magnetismo dei motori.

Prove libere fino alle 9 e poi iniziano le batterie per aggiudicarsi le semifinali.

Presa d’assalto la pista Junior dove abbiamo visto, con grande stupore, anche bambini di soli 4 anni guidare cercando di non uscire. In generale devo dire che si sono comportati tutti molto bene, sui loro volti si poteva vedere la tensione e la concentrazione. L’impegno che questi pulcini ci hanno messo, è servito anche a fin di bene, il ricavato delle iscrizioni è andato ai bambini di un paese in Bolivia.

La finale è entusiasmante, il piccolo Stefano Arturi di solo 8 anni prende il largo e vince con due giri di vantaggio su Samuele Sappio e Grazioli Tommaso.
Stefano Arturi 116
Samuele Sapio 114
Tommaso Grazioli 110
Giammarco Bandinelli 110
Giovanni Gibertoni 108
Nicola Pezzani 102

La finale della categoria GT non ha avuto storia, Salvatore Noviello è risultato imprendibile per tutti, rifilava agli avversari quasi un giro a manche e vincendo il titolo italiano con 6 giri di vantaggio sul secondo, Walter Merulli.
3° Malangone
4° Gala Trinchera
5° Santagati
6° Fallini
7° Ferri
8° Gasperini che, dopo aver atteso 1 anno per riprendersi la rivincita, non regge la tensione e al primo problema in pista, si ritira.

Segnalo la bella gara di Davide Ferri, l’unico in grado di portare in finale una stratosferica Nissan 390, il podio non gli sarebbe certo sfuggito se il troppo consumo delle gomme non avesse fatto spanciare la sua macchina nelle ultime 2 manche.

Concludo dicendo che organizzare un evento come questo, credete non è una passeggiata e a distanza di un paio di settimane posso dire che sono stati dei grandi Campionati Italiani.
Grande lavoro di Paco, delle commissioni tecniche, dei direttori di gara Niccolai, Simone e Montiglio

Ma non ci dobbiamo dimenticare che è grazie ai ragazzi dell’Ayrton Senna di Soragna che per una settimana intera hanno fatto orari da “cubiste” per consentirci tutto questo.
Grazie Alba, Izu, Saio, Tommaso, Mawy, Rizzi, Iller, Mauro, Gnocchi, Azzali, Bia, Antonio, Paco, Giacomo e un grande Mario Arturi che è stato presente sia nel montaggio che ancor più nel faticoso smontaggio la settimana successiva.

Riguardo

Moto, Auto, Kart e Slot Car

18 commenti su “Campionati Italiani 2005 ANSI

  1. BRAVI! BRAVI! BRAVI!
    Io non c’ero e ormai ho attaccato la terza falange dell’ultimo dito a disposizione!!!
    Bravo Giacomo, questa cronaca condita da foto all’altezza ci voleva proprio…io ne sentivo la mancanza!!!
    Il prossimo anno DEVO, DEVO, DEVO esserci!!!

    Grazie a tutti a nome dello slot!
    Antonio Aliberti

    • PECCATO!!!!!! é stata una finale stupenda la macchina favolosa fino a quando LE GOMME mi anno detto ciao ciao l’anno prossimo tieni conto ke in finale ci puoi arrivare!!!!!!!!! ciao a tutti.

      Izu- Ayrton senna sc

  2. Grande Giacomo, ottima descrizione di questo C.I. 2005. Se non ci fossi tu……. grazie ancora.

    Vorrei ringraziare anche TUTTI coloro che si sono impegnati per la riuscita di questi C.I. 2005.

    Grazie ad Avanzini che venerdi sera ci hai fatto gustare la vostra splendida pista di Soragna con le tue auto.

    Scusate per il ritardo del messaggio ma il computer
    era in tilt…!!!

    Un saluto a tutti gli slottisti.
    Ciao.
    Daniele Malangone

    • Grande Malangone!!
      Hai ingoiato con grande classe e sangue freddo il boccone amarissimo del ritiro quando la tua Classic si è rotta!!!
      Non penso di sbagliare ma eri pronto al tris della categoria!!!
      Spero di esserci in tutte le gare importanti del 2006 e di poter meglio figurare rispetto a questo 2005.
      Buone feste e grande 2006 a tutti!!!
      Van BOFFEN

  3. Grande Giacomo,

    splendide foto e resoconto impeccabile.

    Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile, ancora una volta, l’Evento: senza i ragazzi dell’AS Soragna, tutto ciò sarebbe impossibile.
    I numeri sono in crescita, l’organizzazione anche e la qualità dei concorrenti è diventata davvero di altissimo livello.

    Congratulazioni, infine, ai due Campioni Italiani per i quali non c’è bisogno di spendere altre parole di elogio: parlano i risultati.

    P.S.: Galatrinchera si scrive Gala Trinchera, papà ci tiene tanto ….

  4. Visto il grande divertimento dell’edizione 2004 quest’anno dalla liguria siamo venuti in 10 e speriamo l’anno prox di arrivare in massa. Bella l’idea di abbinare il metallo con le gare plastica creando diversivi alle attese tra una gara e l’altra. Insomma i CI 2005 si sono rivelati un grande evento xchè gestito da grandi organizzatori appassionati … complimenti a tutti !!!!

    paul

  5. Bravo Giacomo!!!!

    Se solo imparassi a fare delle belle foto……
    AHAHAHAHHHAHAHHHHHHAHAHHHHHH!!!!!

    Emilio

  6. Mi unisco ai numerosi commenti di complimenti X i vincitori e a tutti i partecipanti.
    E’ stata una manifestazione ” dura ” ma veramente ben fatta che ha fatto divertire tutti, grandi e piccoli ( Salvatore compreso AHAHAH )

    Un particolare ringraziamento per il ” paiolo ” che si sono fatti a Paolo Niccolai, Simone, Montiglio e Alberto Elli per la squisita pazienza dimostrata e disponibilità.

    Grazie a chi si è adoperato per le verifiche tecniche, perchè oltre a partecipare come concorrenti si sono dovuti smazzare anche tutto il resto

    Un grazie a tutti i bambini che si sono avvicinati allo slot con la possibilità di effettuare una gara a loro dedicata ( grazie Maurizio, Giacomo, Irilli e a tutti quelli che hanno contribuito alla riuscita ) anche da parte di Stafanino.

    E’ stato tutto molto bello e professionale come la via che si sta seguendo

    Grazie a tutti
    Mario Arturi

  7. Giacomo, più ti conosco e più capisco quanto ti piace lo slot.
    Grazie per aver messo molte foto della mia Gt40, è stato bellissimo correrci.

  8. Ciao!!! Due cose:
    1) a giudicare dal numero copioso di coppe (dalle foto se ne contano forse più di cento) presumo che vi siano stati dei premi oltre ai primi tre classificati per ogni categoria: chi avete premiato? Ci sono stati premi ad esempio per la miglior livrea, il club più numeroso, etc.? Si può avere una lista dei tipi di premio?
    2) Complimenti vivissimi agli organizzatori: io non c’ero, ma se ci fossi stato vi avrei detto: FA-VO-LO-SI!

  9. Rinnovo i ringraziamenti di cuore a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di una GRANDISSIMO CAMPIONATO ITALIANO ANSI 2005!

    Grazie ancora a tutti voi, che avete SPONTANEAMENTE tolto tempo alla vostra famiglia, ai vostri amici, alle vostre macchinine, a voi stessi per dedicarvi alla riuscita di questo Campionato!

    Grazie anche a tutti gli amici-avversari che hanno reso le gare in pista molto combattute ma sempre nel massimo rispetto agonistico.

    • Girano voci che avevi messo un fermo di finecorsa al grilletto del pulsante per rendere più emozionanti le gare…

      • Giacomo, vuoi dire che non ho spinto al massimo??
        Beh, a dire il vero già nella semifinale ero consapevole di essere imprendibile, quando ho stampato il tempino con estrema facilità sulla corsia 2 giusto prima del cambio gomme la macchina andava davvero da sola!
        Non serviva nemmeno il cambio gomme ma ormai era tutto programmato e pronto ed è stato bello vedere Luca (grazie di nuovo Fratello!) fare l’operazione completa in soli 25 secondi (avevamo previsto 30), considerando che bisognava anche verificare la carreggiata prima di ripartire!
        Roba da fantaslot!!
        Era facile intuire che nella finale io con gomme nuove e alte e gli altri a raspare non ci sarebbe stata storia.

        Devo ammettere che nella finale sono stato un vero e proprio martello nelle primissime fasi di gara: ad esempio al pronti via in corsia 3 nonostante avessi gomme da 20.3mm (le uniche rimaste belle pappate di olio e con la scritta :-)) ho spinto al massimo nelle prime curve per togliermi dal traffico pertanto al primo giro sono stato l’unico a scendere sotto i 10″;
        ho percorso TUTTI gli altri giri tra 9.13 e 9.38!!!
        In corsia 5 ho percorso 18 dei 25 giri con tempi tra 9.37 e 9.57!!!

        La cosa che ha stupito qualcuno e che invece fa riflettere in maniera positiva è il fatto che

        Luca Dalmonte,

        compagno di merende/amico inseparabile di Andrea Gasperini, per il quale ovviamente pregava e faceva il tifo (normalissimo visto che hanno lavorato e provato insieme PER UN ANNO INTERO ININTERROTTAMENTE spartendosi anche l’anima)

        si è offerto VOLONTARIAMENTE di effettuare il MIO cambio gomme in gara, operazione molto delicata dove il rischio è sempre in agguato (grano che cade, cerchio che si spana, punta che si spezza nel grano ecc) !

        Grazie ancora Luca!

        E’ stato bello vedere anche i “metallari” scannarsi tra di loro e divertirsi da matti in una batteria della GT Grande Serie, segno che quel famoso treno non solo è partito, ma addirittura è decollato, si, decollato proprio come un aereo!!!!
        E’ per questo e per tante cose belle che ringrazio ancora tutti, perchè lo slot è DAVVERO aggregazione!

        • uè….pronti via martello buffone! ma la finisci!!!
          cmq non vedo treni in partenza….

          ciao tesoro
          precoka team

          PS per dany: aooooooooo compà! ma ke è sto nick froceggiante! salutaci ammarco!

          PS 2 : mi raccomando non pendete la pista e chiudete gli scatoli!

          • tamarro, ti aspetto domenica mattina a roma, arrivo alle 10 direttamente da bruxelles, spero solo di poter fare almeno 2 minuti (anche con un muletto) giusto per capire quelle 4 curve… ahahahhahahahahahahhahahaah

            tamarrrrrrrrooooooooooooooooooooooooo

          • al massimo ti aspetto io domenica mattina a roma…visto ke sarò lì da sabato
            …..e poi scusa al “martello-faccio il tempino-sono imprendibile” non servono nemmeno quei due minuti per capire “quelle 4 curve”!
            il vero problema è ke stiamo in squadra insieme (e ke squadra! col compare prekokino e l’egemone indiscusso leo) e quindi dovrò anke fare il tifo per te! miiiiiiii…….

            ciao buffone!

          • hai ragione… cosa devo imparare IO????????? ahahahhahahahahahhahahhha
            fatemi correre per primo così spacco tuttttttttooooooooooooooooooooooooooooooooooo

I commenti per questo articolo sono chiusi.