DTM IRC Centro 2^ Gara Ravenna 25-04-04

Sulla veloce pista Ninco 6 corsie (32 metri) del Club MRC Slot si è infranto lo strapotere delle Bmw M3 visto a Perugia il 7 marzo scorso (con le Bmw ad occupare i primi 24 posti della classifica). La modifica regolamentare introdotta nel campionato di quest’anno, che offre la possibilità di “allungare” il rapporto alle vetture con motore in linea, ha restituito competitività (almeno sui circuiti veloci) sia alle Mercedes Clk che alle Audi TT-R, e puntualmente questi modelli sono riapparsi in pista sul circuito romagnolo, dimostrandosi veloci e grintosi, e riportando un po’ di “varietà” e di spettacolarità al campionato che era partito con un monotono panorama “monomarca”. Solo 24 iscritti alla gara, dovuto anche all’assenza dei clubs di Roma e Napoli, scoraggiati dal dover attraversare mezza Italia per partecipare a questa prova. Oltre ai piloti di casa sono presenti diversi concorrenti dei clubs di Perugia ed Arezzo, a chiudere il campo degli iscritti vi sono anche Querci da Prato e Melioli da Rovigo. Prove libere e warm-up al mattino, grande frenesia nei box perché il diverso valore dei vari modelli, su questa pista, si sta già preannunciando: chi ha Mercedes Clk da vendere può chiedere il prezzo che vuole! “Parco chiuso” alle 13,00 e via con le verifiche tecniche che si rivelano più laboriose e lunghe del solito. Leo Peruzzi, già iscritto alla gara, rinuncia alla partenza e saluta tutti per rientrare in “patria” ad assistere alla partita di calcio dell’Arezzo. Alle 14,00 tutti giù nella sala bar, per vedere in TV la partenza del “San Marino” di Formula 1, e via alle prove di qualificazione. Al nastro di partenza si schierano dieci Mercedes Clk, nove Bmw M3 e quattro Audi TT-R in varie livree, lo spettacolo è assicurato! Strappa la “pole” il pilota di casa Dalmonte (9,039) rifilando quasi un decimo al leader della classifica generale Gasperini, terza piazza per Campriani (tutti questi piloti con le Clk). A completare il quadro della manche finale si inseriscono i perugini Merulli e Martini ed il romagnolo Gulminelli.
In prima manche i piloti di casa Bordini e Balducci se la vedono con gli aretini Valli e Artini e con Querci (PO). Buona la partenza di Bordini che porta la sua Bmw al comando dopo la prima frazione. Nelle frazioni successive rinviene deciso Valli, seguito da Balducci, entrambi superano Bordini, colpevole di qualche uscita di troppo, Artini contiene il distacco, mentre Querci fatica a prendere confidenza con il tracciato e perde contatto. Nella fase finale proseguono con buon ritmo sia Valli che Balducci, con il primo che va a chiudere la sua gara al comando (141 giri) con 1 giro e mezzo sul romagnolo; terzo conclude Artini che approfitta della sosta di Bordini nell’ultima frazione (un filo staccato), ultimo Querci autore di una prova abbastanza regolare ma condotta ad un ritmo più modesto.
In seconda manche mostra subito le sue doti il veneto Melioli, che grazie ad una guida regolare e priva di errori porta subito al comando la sua Audi TT (ancorché dalle prestazioni non irresistibili), dopo la prima frazione seguono ad un giro Romano, Grigioni, Quintili e Rambelli. Natali, in corsia rossa, non riesce a scendere sotto i 10 secondi al giro, e rimane ultimo attardato di due giri. Nella seconda e terza frazione Melioli tiene il ritmo e consolida il vantaggio, qualche problema affligge Quintili che perde una ruota della sua Audi TT e deve ricorrere ai meccanici per una veloce riparazione. A metà gara pertanto, a due giri dal leader Melioli, si contendono la seconda piazza Romano, Natali e Rambelli che staccano Grigioni reo di qualche errore di troppo e Quintili. Nel finale il pilota di Rovigo va a chiudere in crescendo con 144 giri (sarà 10° in classifica generale), per la seconda piazza lottano Romano e Natali, con l’aretino che finisce davanti per solo due settori (ma entrambi sono un giro dietro a Valli, vincitore della prima frazione), chiudono nell’ordine Rambelli, Grigioni e Quintili. Melioli e Grigioni si dividono il miglior tempo sul giro con 9,499.
In terza manche esce allo scoperto la competitività della Mercedes Clk, con il pilota di casa “Gato” Garotti e gli aretini Goti e Livi che già dalla prima frazione partono sparati e fanno segnare tempi record. Nonostante la corsia rossa (la più ostica) “Gato”, chiude il primo turno al comando (nessun errore), con lieve margine sulla Bmw di Oriani (anche lui regolarissimo e senza errori) e su Goti, Battistini e Livi, quest’ultimo autore di una ottima performance sul giro (9,000) ma colpevole di troppa irruenza che lo conduce a sbagliare più volte. Radicchi, con una Bmw che non scende sotto i 9,500 al giro, resiste come può e contiene il distacco. Nella seconda frazione Oriani approfitta della corsia blu (la più “gommata”) e di un errore di “Gato” per andarlo a riprendere, mentre Goti e Livi contengono lo svantaggio ad un solo giro, Battistini è ancora in gara anche se leggermente più in ritardo, mentre Radicchi perde contatto. Terza frazione con la Clk di Garotti che sembra un rullo compressore, se non fosse per un “incidente” fra Radicchi e Battistini (che lo costringono ad un leggero rallentamento) a 30 secondi dalla fine del turno il suo “score” segna il suo miglior tempo sul giro con 9,108 ed il peggiore in 9,281! Oriani tiene la seconda piazza grazie ad un ritmo regolare e scevro da errori, mentre su Goti rinvengono Battistini e Livi, con Radicchi che invece lotta solo per contenere il gap entro limiti accettabili. Quarta e quinta frazione con Garotti che prende il largo e consolida il suo margine su Oriani, tiene bene la terza piazza Goti fino a circa metà della quinta frazione, quando rompe la corona ed abbandona la gara. Coglie l’occasione Battistini per risalire di una posizione con la sua Audi TT, con una bella rimonta, anche per sbarazzarsi di Livi, mentre Radicchi naviga nelle retrovie, regolare ma già con un pesante ritardo sui primi. “Gato” chiude la gara in bellezza a 154 giri e 51 settori, con la leadership provvisoria e mettendo un grossa ipoteca sul podio finale. Oriani è secondo a 151 giri, con una ottima prestazione ed oltre tre giri di vantaggio su Battistini che tiene a distanza Livi, veloce ma falloso e che termina la sua gara 20 settori dietro a Melioli. Seguono Radicchi ed il “ritirato” Goti.
Fuoco e fiamme per la quarta ed ultima manche, con i rivali di sempre Gasperini e Merulli a dover duellare con il “pole-man” Dalmonte, con gli irriducibili Campriani e Martini e con la “sorpresa” Gulminelli (che però ha una Clk velocissima!). Partenza bruciante delle Mercedes con Dalmonte (l’unico a non sbagliare mai) che prende subito un lieve margine su Gasperini e Campriani, resiste Martini con la Bmw (ma solo in virtù dell’ottima corsia blue) fatica a tenere questo ritmo l’altro perugino Merulli che tiene a bada il solo Gulminelli, autore di un paio di errori. Nel secondo turno di guida prosegue il dominio delle Clk: sbaglia Gasperini, mentre rinviene Campriani che fa segnare il record sul giro (8,948) e si porta al comando con qualche settore di vantaggio su Dalmonte, seguono nell’ordine, e tutti ad un giro dai primi, Gasperini, Merulli, Martini e Gulminelli. Terza e quarta frazione con Dalmonte che si riprende la leadership, con meno di mezzo giro su Campriani; lottano alla pari Gasperini, Merulli e Gulminelli mentre Martini soffre il ritmo forsennato dei primi, commette qualche errore e perde contatto. Impressionante il terzo turno di Dalmonte in corsia blue: nessun errore, “best lap” in 8,949 e “peggior” giro in 9,390. Cede leggermente Campriani nella quinta frazione, facendosi doppiare dal leader, mentre Gulminelli supera Merulli ed insidia la terza piazza di Gasperini; Martini segue in coda ormai con un ritardo incolmabile. Ultima frazione con zampata finale degli aretini, Campriani (ancorché in corsia rossa) si sdoppia da Dalmonte e va a chiudere al secondo posto con mezzo giro di distacco dal romagnolo. Gasperini difende bene la sua terza piazza di manche che però gli costerà il terzo gradino del podio per soli tre settori a favore di “Gato”. Gulminelli sbaglia più volte e restituisce il “posto” a Merulli che va ad occupare il quarto posto di manche (5° finale), Martini chiude a 149 giri, risultato che gli vale solo l’ottava piazza finale.
In classifica generale, dopo due gare, mantiene il comando Gasperini con 52 punti su Merulli (47), risalgono Campriani, Martini e Valli, mentre si inseriscono, nella parte alta della classifica, Dalmonte e Garotti.
Premiazione finale, foto ricordo e ringraziamenti da parte del club ospitante, a tutti i concorrenti partecipanti, allo sponsor del campionato, la ditta Fantasyland, (importatore ufficiale Ninco), che ha offerto graditissimi premi e gadgets.
Il quadro completo dei risultati e della classifica generale è sul sito ANSI – www.ansislot.it
Ciao a tutti, Andrea Gulminelli (Chaparral)
MRC Slot Castiglione di Ravenna

Riguardo

ambiente, fotografia

11 commenti su “DTM IRC Centro 2^ Gara Ravenna 25-04-04

  1. Ottimo ambiente domenica a Castiglione di Ravenna, gara spettacolare, corretta, divertente!
    Il gruppo organizzatore, Gulmi e Luca davvero eccezionali, ospitalità davvero al top, pista entusiasmante, posso solo lamentarmi della mia tenacia a voler puntare tutto sulla M3, come se mi mancassero altre macchine…

    Complimenti al vincitore, l’amico Luca Dalmonte, autore di una gara velocissima e senza errori.

    Complimenti a Gatorace, davvero una scheggia sulla pista di casa.

    Complimenti al giovane Melioli, una bella sorpresa.

    Complimenti a Gas348, che ha preparato una Clk per Peppo così veloce che finalmente Andrea le ha prese!!! AHAHAHAHAHAHAHAHAHA
    Tu scrivi “l’antimerulli” sotto le tue auto, ma io ho trovato il mio amuleto!!! AHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHHAHAHA

    Walter Merulli

  2. Che bel popolo i romagnoli… week end in pieno divertimento… posso solo ringraziare “gulmi” e Luca per come hanno organizzato la gara e tutto il resto, siamo stati veramente bene… complimenti alla sorpresa GATO , mi ha rubato una posizione !!!!! è stato perfetto. bravo anche il peppo , con le mie macchine è sempre un fulmine …. l’eterno secondo !!!!!!!!!!!!!!! complimenti anche a Walter che purtroppo non aveva la macchina ….. ne farò una anche a iui !!!!!!!!!!!! ….grazie a tutti e speriamo di rincontrarci tutti nella pista romagnola per una bella gara endurance … saluti a tutti. Andrea

    • sarai il primo ad essere invitato al matrimonio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! la lista di nozze la facciamo da noviello……

  3. Ciao a titti,volevo dire che io avrei dovuto correre con una audi,ma quando l’ho provata mi faceva un po’ schifo quindi al mio preparatore personale (gas348) gli ho detto di montare tutti i pezzi dell’audi in un clk e il risultato e’ stato che il mio clk andava come un treno. Comunque ringrazio gas348 per le auto che mi prepara. Io ho il dito ma non sono un buon preparatore.Un saluto a tutti i romagnoli e ai perugini per l’ottima giornata che abbiamo trascorso. LUCA CHE CULO CHE HAI AVUTO.AHAHAHAHAHAH
    S.CAMPRIANI SLOT CLUB AREZZO (PEPPO)

    • E tu che culo hai avuto ad arrivare secondo?
      Scherzi a parte sei stato un ottimo e corretto avversario.

      • Anche tu sei stato corretto. E’ stata una delle gare piu’ belle che ho fatto.Luca sei un grande.Ciao alla prossima.Affrettati a preparare l’endurance cosi passeremo un altra giornata in compagnia.

    • Sono contento per la bella vittoria di Luca nel “gran premio” di casa, però che jella per il povero Peppo… una volta che il fedele scudiero era riuscito a tenere dietro Schumi-Gas348!
      Consiglio per Peppo: la macchinina, la prossima volta, fattela preparare da Luca… così forse tieni a bada sia il Gas che lo stesso Dalmonte!
      Comunque ringrazio nuovamente tutti per la bella giornata trascorsa assieme, non sono ancora in grado di duellare alla pari (manca un po il dito!) ma sto migliorando, tremate tutti… forse in futuro riuscirò anche io ad essere al top della competitività.
      Ciao, Andrea (Chaparral)

  4. Ringraziate che sono tornato ad Arezzo senno erano c…i amari per tutti anche per Te Luca alia patacca….
    Ciao Leonardo PERUZZI

    • Mi è dispiaciuto che tu sia partito prima della gara, ma sicuramente hai portato più fortuna al tuo Arezzo. Alla prossima …….

  5. Come mia prima gara in DTM ho fatto veramente pietà ma mi sono divertito lo stesso. Un saluto a tutti gli amici di Ravenna e un arrivederci a presto sulla nostra nuova pista (si spera!!!!)
    Marco Artini Slot Club Valdarno.

I commenti per questo articolo sono chiusi.