Porsche 917/10K

Italia Slot

     Menù
· Home
· Invia Articolo
· Archivio Articoli
· Argomenti
· Downloads
· FAQ
· Forums
· Galleria Immagini
· Il tuo Account
· Lista Utenti
· Private_Messages
· Prove, Reportage, etc.
· Top
· Web Links

     BRM




     GTSlot




     Slot Clubs

Piste permanenti
Slot Clubs


     Regolamenti

Regolamenti


     Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti

Nickname:
Password:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza:

[ Password persa? ]

Utenti registrati:
Ultimo: Frarevo
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 6664

Persone Online:
Visitatori: 0
Iscritti: 0
Totale: 0

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Marzo 2001

     Rotazione Articoli

ANSI
[ ANSI ]

·1ª 24 ore della Sicilia
·Convocazione Assemblea Annuale A.N.S.I.
·Finalissima REGIONALE SICILIA ANSI 2010-2011 LE GARE
·Promozione ANSI
·Campionato Italiano 2011 - Le macchine di Izu e Melioli
·Campionato Italiano Classic - Il 3° titolo di Melioli
·Campionato Italiano GT - Cassandra the King
·Campionato Italiano Gruppo C - Un nuovo titolo per Davide IZU Ferri
·Milano Slot si riconferma Club Campione Italiano Endurance

     Contatti
webmaster@italiaslot.com

     Visitatori unici
free counters

     Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Il gestore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi all’immagine o all’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al gestore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Leggere tutte le condizioni d'utilizzo del sito QUI

     RSS






     Visitatori

 Porsche 917/10K

NSRIl nuovo anno ci porterà dalla NSR un nuovo modello “Classic”: la Porsche 917/10K.
E’ già stata annunciata da tempo e abbiamo visto il filmato con il prototipo girare in pista con notevoli prestazioni.
In questo articolo, anche se sempre di prototipi si parla, la vedremo in maniera più dettagliata e parleremo della storia di questo bolide Porsche.



continua…

La Porsche 917/10 ha avuto una vita piuttosto breve ma molto intensa e vittoriosa.
Parliamo di un periodo che va dal 1972 al 1973/75 (ufficialmente solo il ’72, poi dal ’73 solo team privati).
In quegli anni in Nord America si correvano gare molto seguite dal pubblico e di cui se ne parlava in tutto il Mondo: la Canadian-American Challenge Cup, meglio conosciuta come serie Can-Am.

da Wikipedia
Can-Am, era una competizione automobilistica per vetture sport che si svolse in Nord America, sotto l'egida del SCCA e del CASC, dal 1966 al 1974.
La CanAm fu reintrodotta nel 1977, con regole completamente differenti e non ottenne il successo della serie originale.
La CanAm utilizzava le regole della FIA per le vetture di Gruppo 7, che lasciavano grande libertà ai progettisti per l'aerodinamica e i motori. Erano permesse le più ardite sperimentazioni e ne risultarono vetture con potenze oltre 1.000 CV (750 kW), con un effetto suolo efficiente, molto leggere e dalle velocità elevate.
La CanAm, grazie alle sue regole, diventò il terreno di prova delle tecnologie più innovative. Fu qui che vennero per la prima volta utilizzati motori turbo, ali per la deportanza e materiali utilizzati solo nell'industria aerospaziale quali il titanio.
Questa continua ricerca fu la causa della fine: i costi delle vetture divennero insostenibili ma, nel suo momento migliore, la CanAm rappresentò l'apice tecnologico delle competizioni.




Porsche decise di partecipare alla Can-Am per contrastare la supremazia della McLaren con una vettura progettata appositamente: la 917/10

da Wikipedia
La 917/10 fu la vettura con la quale, nel 1972, la Porsche ruppe la quinquennale egemonia della McLaren nel campionato Can-Am.
Sviluppata sulla base della 917-PA, fu sperimentato un 16 cilindri boxer da 750cv (560kw) che conferì notevole potenza, ma anche un handling (maneggevolezza) nervoso e impreciso.
Pertanto, dopo una serie di affinamenti meccanici, la 917/10 fu finalmente deliberata.
Nuova la veste aerodinamica, caratterizzata da un frontale corto e piatto, a "cucchiaio", un passo corto ed un vistoso alettone posteriore fisso.
Cuore del progetto, il boxer 12 cilindri da 5 litri, dotato di doppio turbocompressore, in grado di sviluppare una potenza veramente elevata: 850cv (630kw) in assetto da gara, e ben 1.200cv (882kw) in assetto da qualifica, ottenuti con l'aumento della pressione di sovralimentazione.
La potenza specifica di questo propulsore è pari a 240cv/l (in assetto da qualifica), mentre la coppia motrice molto consistente, era pari a 931Nm a 4.600 giri/min.
Per sopportare un simile valore di coppia, il cambio fu limitato a soli 4 rapporti, in modo da impiegare componenti di dimensioni maggiorate, a prova di stress, a tutto vantaggio dell'affidabilità.
Il tutto senza penalizzare lo sfruttamento del motore il quale, proprio per la sua erogazione possente, non richiedeva un numero elevato di rapporti del cambio stesso.
Il telaio era sempre costituito da una struttura in alluminio a tralicci, già sperimentata sulle 917 destinate alle gare endurance.
Il peso complessivo della 917/10 era pari 767 kg, pertanto il rapporto peso/potenza di questa vettura era pari a 0,635 kg/cv.

La 917/10 evidenziò subito una netta superiorità sulle avversarie, specialmente nei confronti di Lola T310 e McLaren M8F, incapaci di replicare le prestazioni velocistiche della Porsche.
Il pilota che avrebbe dovuto pilotare nella serie Can-Am la vettura della casa di Stoccarda era Mark Donohue, ufficiale del team di Roger Penske, affiancato dal collega George Follmer.
Sfortunatamente, nel corso di alcuni test in pista, Donohue subì un grave incidente, che gli procurò la frattura a una gamba, impedendogli di gareggiare.
Fu pertanto Follmer a condurre alla vittoria la 917/10 - con grande rammarico di Donohue - vincendo sei delle nove gare in calendario, e lanciando la Porsche come leader della serie.
La 917/10, caratterizzata da una potenza elevatissima e da un passo ridotto, nonché da un'aerodinamica non sufficientemente sviluppata (all'epoca le case costruttrici non facevano ancora un uso intensivo delle gallerie del vento), era considerata dai piloti alla stregua di un cavallo selvaggio. Follmer, grande estimatore della vettura, la descriveva come indomabile, con una fortissima tendenza al sovrasterzo, specialmente nei curvoni veloci.
Al termine del 1972, la 917/10 fu sostituita dall'ancora più potente ed evoluta 917/30. Mentre quest'ultima fu schierata solo dal team Penske, condotta dal redivivo Mark Donohue, la 917/10 fu invece venduta a diversi team clienti, interessati a competere per la vittoria in campionato.


I più importanti piloti della fine degli anni sessanta e dell'inizio degli anni settanta che parteciparono alla Can-Am:
 Jim Hall, Mario Andretti, Dan Gurney, Denny Hulme, Mark Donohue, Chris Amon, Jack Brabham, Pedro Rodríguez, Peter Revson, Parnelli Jones, Jackie Stewart, Vic Elford, John Surtees, Bruce McLaren, Phil Hill e Masten Gregory.

Nell’arco dell’anno NSR ha in previsione 9 livree della Porsche 917/10K.
Le prime 4 dovrebbero essere in commercio a Febbraio e riguarderanno le versioni “Test” con colorazione Bianca - Gialla - Silver - Azzurra
Le immagini sottostanti di questo articolo riguardano livree prototipo. Altri particolari come i vetri non sono definitivi.



Le prime livree “gara” le vedremo ad Aprile con la 917/10 #2 del Team Bosch Kauhsen e vincitrice dell’Eifelrennen Nurburgring Interserie 1973



e la #11 Uniroyal di Wilson Fittipaldi che partecipò alla Can-Am 1973



A Luglio farà la sua apparizione il cofanetto commemorativo delle due 917/10 ufficiali che si classificarono al 1° e 2° posto nella Can-Am di Laguna Seca:
L&M #6 di Donohue (2°) e la #7 di Follmer (1°)





Il primo anno di 917/10 lo chiuderà a Novembre la Vaillant di Hockenheim Interserie 1975



Misure e pesi
Lunghezza: 130,5 mm
Larghezza: 64,5 mm
Altezza (all’alettone): 30 mm
Passo: 76,5 mm
Passo al PK: 99 mm
Peso carrozzeria: 17,5g
Peso totale (compreso magnete): 70g





La carrozzeria è caratterizzata dal grosso alettone posteriore e dal muso a cucchiaio.





L’alettone è fissato alle ali laterali da due incastri e appoggia su due supporti centrali



Particolare delle feritoie e presa d’aria anteriore





I parafanghi anteriore e posteriore sono ampi e consento alla carrozzeria di basculare senza interferire con la ruote



L’interno della carrozzeria e l’abitacolo non hanno pezzi che potrebbero ostruirne il funzionamento





La carrozzeria è fissata al telaio con due viti



Meccanicamente è in linea con gli altri modelli NSR della stessa categoria





La Porsche 917/10K monta il motore Shark EVO 21,5 21.900 rpm fissato al sul supporto motore sidewinder con due viti.
Rapporto pignone/corona 11/32



Boccole con lavorazione per trattenere l’olio



Assale anteriore regolabile in altezza per mezzo di viti a brugola



Questo modello ha tutta l'aria di andare molto forte.
Appena sarà consentito muoverci liberamente senza restrizioni, faremo un test in pista e vi trasmetteremo le nostre impressioni.






 
     Links Correlati
· Inoltre NSR
· News by Paolo


Articolo più letto relativo a NSR:
Nuove gomme NSR


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Porsche 917/10K" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati







Generazione pagina: 0.07 Secondi