Lotus 72 1970 Jochen Rindt - Una favola!

Italia Slot

     Menù
· Home
· Invia Articolo
· Archivio Articoli
· Argomenti
· Downloads
· FAQ
· Forums
· Galleria Immagini
· Il tuo Account
· Lista Utenti
· Private_Messages
· Prove, Reportage, etc.
· Top
· Web Links

     Slot Clubs

Piste permanenti
Slot Clubs


     Regolamenti

Regolamenti


     Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti

Nickname:
Password:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza:

[ Password persa? ]

Utenti registrati:
Ultimo: kronik
Oggi: 0
Ieri: 2
Totale: 6235

Persone Online:
Visitatori: 56
Iscritti: 7
Totale: 63

Online Adesso:

01: Guarda il profilo di pedro023  Invia un messaggio privato a pedro023  pedro023
02: Guarda il profilo di sole76  Invia un messaggio privato a sole76  sole76
03: Guarda il profilo di gilles  Invia un messaggio privato a gilles  gilles
04: Guarda il profilo di robertobigi  Invia un messaggio privato a robertobigi  robertobigi
05: Guarda il profilo di maglios  Invia un messaggio privato a maglios  maglios
06: Guarda il profilo di martelli62  Invia un messaggio privato a martelli62  martelli62
07: Guarda il profilo di tom84  Invia un messaggio privato a tom84  tom84

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Marzo 2001

     Rotazione Articoli

Top Slot
[ Top Slot ]

·Mercedes-Benz 300SL - Ali di Gabbiano
·Il ritorno delle frecce d'argento
·Slotlandia 2011 - Top Slot
·Top Slot - Norimberga 2011

     Visitatori unici
free counters

     Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Il gestore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi all’immagine o all’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al gestore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Leggere tutte le condizioni d'utilizzo del sito QUI

     Contatti
Se vuoi contattarmi, (Paolo)


Italia Slot
online da Marzo 2001

     RSS








     Visitatori

 Lotus 72 1970 Jochen Rindt - Una favola!

PoliCarRagazzi siamo al dunque. Dopo 1000 peripezie, anni di lavoro e km e km di prove in pista, "Babbo Natale" ci porterà il primo di una lunga serie di modelli "Classic F1" da godere sulle nostre piste elettriche.



continua....

Il primo modello sarà la mitica Lotus 72 che il grande Jochen Rindt portò alla vittoria con livrea Gold Leaf sul circuito di Hochenheim nel 1970.



Bella da morire, curata in ogni minimo particolare, è un modello slot da fare invidia ai migliori statici.













Rispetto a modelli similari della concorrenza che senza magnete sulle piste sono inutilizzabili, oltre al grande lavoro estetico, su queste F1 si è curato l'aspetto dinamico del modello.
Con le gomme appropriate e togliendo il magnete, nulla hanno da invidiare alle slot car di elevate prestazioni a cui siamo abituati in questi ultimi tempi.





A livello estetico da notare il casco molto reale con la testa del pilota visibile dietro la visiera trasparente





Non parliamo poi della riproduzione del motore Ford con tromboncini, tubi e collettori di scarico. Una vera opera d'arte.





Il progetto della serie F1 Classic di Policar ha richiesto parecchio lavoro di progettazione per fare in modo che la meccanica non fosse visibile e non rovinasse esteticamente la linea dei modelli.

Se non fosse per il pick-up la lotus 72 potrebbe passare per un modello statico a tutti gli effetti.
Dall'esterno non si vede assolutamente la trasmissione.
Per ottenere questo incredibile risultato estetico è stata progettata una cascata di ingranaggi che rimane all'interno della bellissima riproduzione dell'otto cilindri Ford.

Questo gioiello di ingegneria fa si che, una volta tolta la carrozzeria, ci troveremo davanti ad una situazione diversa dal solito semplice pignone/corona.
Niente di complicato, si intende, ma per chi ne farà un uso agonistico o semplicemente provare a cambiare rapporto, sarà meglio comprenderne i meccanismi di smontaggio e rimontaggio.

Per togliere la carrozzeria dobbiamo svitare 4 viti (due frontali e due laterali) e una vite a brugola (poco visibile) posta all'altezza del cambio.



Le viti della carrozzeria si individuano facilmente perché hanno la testa piatta, mentre quelle del supporto motore (4) hanno la testa tonda.

Una volta svitata la brugola posteriore potrete estrarre i leveraggi del cambio che comprendono i terminali degli scarichi e la batteria



Prestare molta attenzione a togliere la carrozzeria perché le marmitte che rimangono attaccate al motore passano sotto l'assale e dovrete sfilare la scocca verso l'anteriore.
Una volta tolta la carrozzeria possiamo vedere tutta la meccanica (nella foto i fili passano sopra l'assale, in realtà il passaggio corretto è sotto.





Ecco la composizione della trasmissione





Svitando le 4 viti del supporto motore si separa la parte anteriore del telaio da quella posteriore



All'apparenza la carrozzeria sembra molto delicata, in realtà i pezzi a rischio urto come le alette anteriori o l'alettone sono ad incastro (si tolgono e si rimettono in un attimo).



Vediamo ora come assemblare la trasmissione (operazione inversa per smontarla).

ATTENZIONE!!! Per togliere l'assale e la corona non tentate di sganciarli facendo uscire le boccole dalle fessure del supporto motore, ma seguite la procedura che vi mostro.

L'assale è comprensivo di pignone: a ricambio troverete assali pre assemblati con pignoni da 16. 17 o 18 denti.



Per prepararlo al montaggio dovrete inserire lo "stopper" e le due bronzine.



Inseritelo nel supporto motore con le bronzine e lo stopper vicino al pignone



poi infilate le bronzine nelle rispettive sedi del supporto motore



Notate che il pignone dovrà premere contro la boccola di destra. Infilate la boccola di sinistra e bloccate il tutto con lo stopper.



Per smontarlo l'operazione è inversa, sbloccate lo stopper e fate uscire le boccole dalla sede.
Venduti a ricambio ci sono i cuscinetti da sostituire alle bronzine



Anche la corona è montata tramite bronzine (una diversa dall'altra. NON INVERTITELE)



Infilate la bronzina di destra nella sede del supporto motore



La corona deve avere OBBLIGATORIAMENTE due rasamenti/rondelle da 0,2mm come vedete in figura



Inserite la corona nella bronzina



Infilate la bronzina di sinistra dall'esterno (la pretuberanza della bronzina deve corrispondere con la parte aperta della sede)





Girate la bronzina con il cacciavite a taglio per fare in modo che non esca dalla sede



Spingete verso l'esterno la boccola di sinistra per bloccare la corona





La corona sarà unica (z25/z16), non sono previste dentature diverse dall'originale. Il rapporto lo si cambia solo con la sostituzione dell'assale.



Ovviamente le stesse operazioni vanno fatte al contrario per rimuovere la trasmissione.

Tutto sommato, fatto una volta, è tutto estremamente semplice.
La parte che ho trovato più ostica è stato rimontare la carrozzeria sul telaio.
Le marmitte da infilare sotto all'assale con i tubi dell'acqua che interferiscono, non è proprio un'operazione così semplice e veloce.
Per le prossime F1 Classic è in fase di modifica lo stampo delle marmitte per accorciarle in modo che la carrozzeria si inserisca dall'alto senza troppe acrobazie.



I cerchi sono in plastica e si montano a pressione.
A ricambio ci sono i cerchi in alluminio con il classico fissaggio a brugola e le gomme "racing" F22





Ai più scettici sul funzionamento di questo modello (vuoi per il piccolo motore, vuoi per la meccanica o quant'altro), dico che vi stupirà.
Messo in pista con le gomme F22, dopo averne capito il comportamento, sono riuscito a girare con costanza e sicurezza sui tempi delle GT3. Non volevo crederci!!!



Tale è stata la soddisfazione che al Milano Slot si è deciso di fare la classica gara di Natale con questi nuovi modelli.
Venerdì 18 sei Lotus 72 saranno fisse in corsia per la gara a squadre dei Babbi Natale.
Per chi fosse interessato nei prossimi giorni sul forum del Milano Slot sarò più preciso sulle modalità di gara.

Con questo nuovo modello non può essere che un Buon Natale!

Giacomo
www.amazingslot.com



 
     Links Correlati
· Inoltre PoliCar
· News by staff


Articolo più letto relativo a PoliCar:
Vecchie Policar


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Lotus 72 1970 Jochen Rindt - Una favola!" | Login/Crea Account | 16 commenti | Cerca Discussione
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di martellino il Domenica, 06 dicembre @ 07:20:36 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
semplicemente stupenda
vedere girare le F1 sulla pista genera emozioni uniche
sarà una goduria vederla girare sulla futura pista in legno



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di cape92000 il Domenica, 06 dicembre @ 18:23:33 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
peccato non esser riusciti a vederla in anteprima al Vrslot.....la nebbia veronese gioca brutti scherzi.....sicuramente finirà nel mio box :-D



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di simone418 (mecc118@hotmail.it) il Domenica, 06 dicembre @ 18:50:32 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Ciao
bella ed interessante



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di Bedo il Lunedì, 07 dicembre @ 12:11:13 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Complimenti, mi sono sempre piaciute le F1 ma nello slot per un problema di delicatezza in caso di crash le abbiamo quasi sempre evitate...vedremo se queste magari sono meno delicate. Sono abbastanza perplesso circa la soluzione della tramissione a due stadi ( primaria e secondaria)...è risaputo che assorbe più potenza perché ha più attriti e masse in movimento e poi costringe il motore in una posizione più avanzata rispetto ad una normale In Line il che vuol dire meno peso ( e meno schiacciamento magnetico) sulle ruote posteriori con conseguente minore trazione.... quindi mi chiedo il vero perché di questa cascata di ingranaggi...che dipenda da un problema di ingombri ? oppure è stata una soluzione imposta per una questione di rapportatura che richiedeva una particolare riduzione alla ruota ( motore che gira molto alto forse...) ? Mi farebbe piacere sapere da quale esigenza o ragione tecnica il progettista ha scelto di adottare la trasmissione a due stadi .
Complimenti per la realizzazione che emana un certo fascino sotto tutti gli aspetti ...mi chiedo inoltre se è sospensionabile visto gli spazi in carrozza molto limitati.



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di emax il Martedì, 08 dicembre @ 08:53:56 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Volevo sapere se l'assale anteriore e' regolabile.
Grazie



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di martellino il Mercoledì, 09 dicembre @ 06:53:51 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
i cerchi sono i classici di F1?
caratteristiche del motore?
grazie



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di Maurizio il Mercoledì, 09 dicembre @ 08:54:29 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Cercherò di rispondere alle vostre domande entro oggi o domani al massimo



Re: Lotus 72 1970 Jochen Rind - Una favola! (Voto: 1)
di Maurizio il Mercoledì, 09 dicembre @ 13:02:48 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Eccomi
1 - la livrea è quella che vedete nelle foto con tutti gli sponsor al loro posto
2 - l'alberino centrale è 1.5mm
3 - sì sarà sotto l'albero. Purtroppo c'è stato un problema imprevisto, sarebbe già dovuta essere in vendita, pensiamo che sarà disponibile la prossima settimana. Per chi non dovesse riuscire a chiederla a Babbo Natale, c'è sempre la Befana :)
4 - Sì, ero pronto a partire per Verona ma la nebbia mi ha lasciato a terra
5 - il problema da risolvere era realizzare un meccanismo che permettesse:
a - la riduzione della dimensione degli ingranaggi a parità di rapporto per evitare la classica corona che, nel caso delle F1, è orrenda, mettendo tutto dentro una replica della scatola del classico Hewland FG400
b - un offset molto alto fra motore e asse ruote per mantenere il baricentro in basso
c - prestazioni 'da corsa'
L'idea ed il progetto sono di Andi Rowland, l'ingegnerizzazione è nostra e ha richiesto un paio d'anni di lavoro e numerose revisioni sia degli ingranaggi che della scatola del 'cambio Hewland'. C'è voluto veramente tanto lavoro ed arrivare al risultato finale è stato molto più complesso del previsto, ma ne è valsa la pena, vedrete.
6 - confermo che l'assale anteriore è regolabile (comunque basta tenerlo in alto facendo passare i fili sotto l'assale)
7 - il motore è un custom Policar da 24700 RPM / 95g*cm @12V, con una faccia aperta ed una chiusa per poter variare la trazione magnetica sulla pista
8 - il modello non ha magneti aggiuntivi

Spero di avere detto tutto...





Re: Lotus 72 1970 Jochen Rindt - Una favola! (Voto: 1)
di Giacomo (giacomo@italiaslot.com) il Venerdì, 18 dicembre @ 13:56:56 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)









Generazione pagina: 0.12 Secondi